Sciopero dei dipendenti pubblici, perché Simona e Paolo saranno in piazza il 9 dicembre – Il Fatto Quotidiano

Sciopero dei dipendenti pubblici, perché Simona e Paolo saranno in piazza il 9 dicembre – Il Fatto Quotidiano

7 Dicembre 2020 0 Di marco zinno

Enrico Lobina

Enrico Lobina

Attivista

LAVORO & PRECARI– 7 DICEMBRE 2020

Sciopero dei dipendenti pubblici, perché Simona e Paolo saranno in piazza il 9 dicembre

Sciopero dei dipendenti pubblici, perché Simona e Paolo saranno in piazza il 9 dicembre
Simona lavora in Regione Sardegna, è stata assunta tramite una selezione riservata alle categorie protette. E’ in categoria A, la più bassa, contribuisce al meglio alle attività del suo assessorato. Ha problemi di salute, spende molto in medicine, ha uno stipendio che si aggira attorno ai 1.000 euro netti (è entrata da poco), ma almeno rispetto ai colleghi comunali ha una mensilità in più.

Naviga nell’oro, insomma.

Vive in un quartiere di Cagliari bellissimo e malfamato, col mare di fronte e solamente case popolari intorno. Prima erano affittuari, col marito e i figli, ed ora mettono insieme i soldi per riscattare quella piccola sicurezza. 60 metri quadri di sicurezza.

Il marito sta peggio: ha problemi di salute più gravi, ma deve continuare a lavorare. Sanità, ospedale cagliaritano, fa il lavoro dell’OSS, sta in corsia da quando era ragazzino. Ma ora, a più di 60 anni, tutto è diverso. Quello che prima si faceva prima in tre ora lo fa da solo. Con la schiena rotta alzare le persone è più difficile.

Il sindacato l’altro giorno ha detto loro che bisogna scioperare, per le assunzioni, la sicurezza ed il salario. Era ora!

Non arrivano a fine mese. Come diceva la canzone, “anche gli operai vogliono i figli dottori”, e loro ci hanno provato. Un figlio studia a Torino Scienze Infermieristiche, un altro per fortuna è rimasto a Cagliari, è un po’ indietro con gli studi e fa Ingegneria.

Sorgente: Sciopero dei dipendenti pubblici, perché Simona e Paolo saranno in piazza il 9 dicembre – Il Fatto Quotidiano

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •