Firenze, di nuovo in classe la prof che attaccò Liliana Segre – la Repubblica

Firenze, di nuovo in classe la prof che attaccò Liliana Segre – la Repubblica

1 Ottobre 2020 0 Di Luna Rossa

La Nazione scrive che la docente è stata reintegrata dall’Ufficio scolastico regionale. Il sindaco Nardella: “Aspettiamo valide motivazioni della decisione”

Reintegrata dall’Ufficio scolastico regionale della Toscana per non aver commesso il fatto. È tornata in classe la professoressa della scuola secondaria di primo grado ‘Mazzanti’ di Firenze che lo scorso inverno finì nella bufera per aver definito la senatrice a vita Liliana Segre un “personaggio in cerca di pubblicità”. Lo riferisce “La Nazione”.

Era il 27 gennaio scorso quando l’insegnante, proprio nel Giorno della memoria, pronunciò di fronte ai suoi alunni una frase choc: “Liliana Segre non la sopporto. E anche voi, ragazzi, non vi fate fregare da questi personaggi che cercano solo pubblicità”. “Anche mio nonno è stato in un campo di concentramento – avrebbe proseguito la docente, sempre stando alle testimonianze dei ragazzi, – ma non è certo andato in giro a dirlo a tutti. E ora non andate a casa a dire ai vostri genitori che sono nazista e antisemita”, fu la conclusione.

Gli studenti, sconvolti, riferirono tutto quanto ai genitori che si precipitarono dal preside, ora in pensione, Arnolfo Gengaroli. Dopo l’articolo della “Nazione” si infiammò la polemica e tutto il mondo politico prese posizione. Il ministro dell’Istruzione Lucia Azzolina definì le parole dell’insegnante “gravi e ingiustificabili” ed auspicò che “il gesto venisse verificato e valutato con la massima attenzione”. Il sindaco di Firenze Dario Nardella e l’assessore Sara Funaro (“Ci vuole una linea dura con la docente”, stigmatizzò) incontrarono gli studenti durante un’assemblea. Anche gli altri docenti si dissociarono: “Esprimiamo la nostra totale ed estremamente indignata distanza dalle parole espresse dall’insegnante”.

Sembra però che tutti quegli inviti ad arrivare a “seri e rapidi provvedimenti disciplinari” siano caduti nel vuoto. La docente finita nel polverone è a scuola. “L’insegnante ha avuto un reintegro totale, al cento per cento, come se mai niente fosse successo – fa sapere la preside reggente, Elena Pierucci, alla ‘Nazione’ – Io sono appena arrivata. E le carte mi dicono questo”.

“E’ tornata in servizio nelle sue classi – non nascondono la delusione alcuni insegnanti della scuola – Così ha deciso l’Usp e noi non possiamo farci niente”. Rabbia tra i genitori della classe: “I nostri figli non capiscono come sia possibile che, dopo il clamore che quelle dichiarazioni hanno creato, lei sia ancora lì, al suo posto”.

Esplosa la notizia, ai primi di febbraio la docente si mise in ferie e venne chiamata una supplente. Nel frattempo, l’Usp avviò l’iter per decidere “se e quale tipo di sanzione” comminare alla docente. Restano ora da capire i motivi del reintegro.

Il sindaco resta a bocca aperta. “Disse ‘Liliana Segre voleva farsi pubblicità con il Giorno della memoria’. Per questa frase vergognosa la docente era stata sospesa. Perché è stata reintegrata come se nulla fosse? Aspettiamo valide motivazioni”, scrive su Twitter Dario Nardella. Sul caso sono in corso accertamenti del ministero dell’Istruzione.

Sorgente: Firenze, di nuovo in classe la prof che attaccò Liliana Segre – la Repubblica

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •