Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Pandemie, collasso economico, rottura sociale completa

“E la volontà di Zeus si muoveva verso la sua fine” – Omero

Disarmonia simbiotica
Il reclinarsi e il flauto della civiltà occidentale pulsa.  Pandemie, collasso economico, crollo della società.  La sequenza si snoda da uno all’altro con la disarmonia simbiotica di una scala pentatonica minore.
Proteste pacifiche devolute a sommosse, saccheggi e incendi di strutture nella nostra umile frazione domenica scorsa.  La polizia di Long Beach non è riuscita a fermare i vandali.  Così la Guardia Nazionale è stata convocata per sedare i saccheggi.  Alcuni guardiani sono rimasti anche per dare una mano a ripulire il giorno successivo.

Il ritornello – pandemia, collasso economico, crollo sociale totale – si è ripetuto in molte città del paese.  Per ognuna di esse: Il momento è adesso.  Il posto è qui.
La progressione dagli ordini di blocco del governo in caso di pandemia agli ordini di coprifuoco del governo è stata naturale come il giorno alla notte e ritorno.  La differenza tra i due è sottile, come la differenza tra ketchup e catsup.  La differenza principale è che le autorità locali, in quello che deve essere un atto di servizio pubblico, ora inviano ogni pomeriggio al nostro cellulare uno spam con l’avvertimento di non avventurarsi oltre il coprifuoco.

Gli eventi delle ultime settimane e degli ultimi mesi sono stati ben coperti.  Lasceremo i compiti di documentazione in corso a coloro che sono più qualificati.  Faremo invece un passo indietro e ci guarderemo intorno.  Il nostro obiettivo oggi è quello di capire meglio cosa sta succedendo… in modo da poter meglio anticipare – e pianificare – cosa ci aspetta.
Da dove cominciare?

Marce umane

L’impulso di massa di una fuga di bestiame può essere innescato da qualcosa di innocuo come un’erbaccia che soffia.  Basta un improvviso sussulto, o una minaccia percepita, per far scattare questa corsa incontrollata di massa.  Una volta che la mandria inizia a caricare collettivamente in una direzione, elimina tutto ciò che si trova sul suo cammino.

L’unica possibilità che ha un allevatore è di sparare con una pistola con la speranza che trasformi la mandria in se stessa.  Se l’allevatore ha successo, si precipiterà in un cerchio gigantesco.  Se il rancher non ci riesce, si gettano da un precipizio.

Anche l’uomo moderno, come il Bos taurus, è predisposto al comportamento della mandria.  Inoltre, l’animale umano porta tutto e quasi tutto all’estremo.

Pellegrinaggi religiosi, eventi sportivi, concerti di musica, festeggiamenti di Capodanno, comizi politici e proteste pacifiche andate a male hanno scatenato letali fughe umane.  Nel 2015, per esempio, più di 2.400 persone sono state calpestate a morte durante la fuga di Hajj in Arabia Saudita.

Anche i mercati finanziari hanno aperto innumerevoli strade alle folle che si sono riversate in Arabia Saudita.  La paura e l’avidità delle prospettive di scarsità e abbondanza offrono notevoli opportunità per l’estrema follia umana.  Le manie, il panico e gli incidenti si verificano con una regolarità sconvolgente.

Dopo che un’abbondanza di speculazioni si sono accumulate su un lato di un mestiere, alla fine devono invertire la rotta e caricare altrove.  Il momento preciso e la durata non sono mai chiari.  Ma, quando arriva il momento, chi si trova in pericolo viene calpestato.

Pandemie, crollo economico, crollo sociale completo

Gli stati d’animo sociali e i movimenti collettivi di massa si susseguono in modi che sono davvero prevedibili solo con il senno di poi.  Tuttavia, se si tiene l’orecchio a terra si possono sentire sussurri di ciò che sta per accadere.

La soluzione ai prezzi elevati, naturalmente, è il prezzo elevato.  Eppure le lezioni del passato sono spesso le istruzioni sbagliate per il futuro.

Per esempio, le lezioni chiave degli anni ’30 sono state che non si dovrebbe avere debiti e tenere una grande scorta di denaro contante al di fuori del sistema bancario.  Altre lezioni erano di piantare un orto, e di accumulare scarti di alluminio e sacchi di farina e zucchero.

Tuttavia, coloro che hanno seguito le lezioni degli anni Trenta e hanno tenuto contanti fino agli anni Settanta sono stati ricompensati con una significativa perdita di potere d’acquisto.  La loro industria e la loro parsimonia furono sottratte di nascosto dai loro conti bancari.  Il paesaggio era cambiato.

Perché la lezione chiave degli anni Settanta è stata quella di prendere in prestito grandi quantità di denaro; e, non si dovrebbe tenere una scorta di contanti.  Questo era particolarmente vero se il denaro preso in prestito veniva usato per comprare una casa.  L’onere del debito si è rapidamente dimezzato e i prezzi delle case sono saliti vertiginosamente.

Il valore medio non compensato della casa nel 1960 era di 11.900 dollari.  Nel 1990 era di 79.100 dollari.  Nel corso di un prestito di 30 anni, i pagamenti mensili su una casa acquistata nel 1960 sono stati ridotti a spiccioli.  E nel 1990, ci vollero 4,42 dollari per acquistare ciò che 1 dollaro poteva comprare nel 1960.  I prezzi delle case sono aumentati a un tasso vicino al doppio dei prezzi al consumo.

Il risultato è che una generazione si sottrae al credito come la peste nera della morte.  La generazione successiva si sgobba come maiali che mangiano brodaglia.  Quali sono le lezioni di ieri da applicare al domani?

La lezione della Grande Recessione è che la Fed può inondare i mercati finanziari con un credito illimitato che si crea dal nulla senza inflazione dei prezzi al consumo.  Naturalmente, siamo sospettosi di questa lezione.

Vedete, il credito a basso costo della Fed si è riversato in azioni, obbligazioni e immobili.  La fascia alta, che possiede beni finanziari, ha beneficiato di questa crescente ondata di liquidità.  I lavoratori della classe operaia e i lavoratori della classe media hanno a malapena calpestato l’acqua.

Ora, mentre l’economia è in fibrillazione, la Fed è di nuovo all’altezza delle sue buffonate.  Ma questa volta non si tratta solo di salvataggi per le grandi imprese e i mercati finanziari, ma anche di salvataggi.  E la folla della moderna teoria monetaria (MMT) può indicare la lezione dell’ultimo decennio, e la mancanza di inflazione dei prezzi, come giustificazione per la stampa di denaro.

Questa, ahimè, si rivelerà una lezione del tutto sbagliata.  Con il crollo della produzione economica e l’aumento della disoccupazione, il denaro libero non risolverà il problema della disparità di ricchezza.  Piuttosto, lo esaspererà… insieme alla discordia sociale, al malcontento e alla dissonanza.

Sorgente: VOCI DALLA STRADA: Pandemie, collasso economico, rottura sociale completa

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.