Washington aveva chiesto alla Turchia di interrompere le azioni militari. Probabilmente non pensavano che le “gravi conseguenze” che prospettavano potessero riguardare anche i loti i soldati. Secondo Newsweek le forze turche impegnate nell’offensiva contro i curdi nel nord della Siria hanno bombardato per sbaglio uomini delle forze speciali americane presenti nell’area. Il settimanale, citando fonti dell’intelligence curdo-irachena e un alto funzionario del Pentagono, riporta la notizia di una compagnia formata da 50 a 100 uomini colpita. I soldati stavano operando sulla collina di Mashtenour nella città di Kobane e sarebbero state raggiunti da colpi di artiglieria sparati dalle postazioni turche. La notizia è confermata anche da Al Arabiya, il cui corrispondente da Kobane ha riferito che nel bombardamento sono rimasti feriti soldati statunitensi e francesi. Secondo un funzionario del Pentagono citato dai media americani, tuttavia, “non è accurato” dire che le truppe americane sono state attaccate in Siria dalla Turchia. Secondo indiscrezioni, comunque, le forze speciali statunitensi nel nord del paese sono state spostate dalle loro postazioni dopo che colpi di artiglieria turca sono esplosi nelle vicinanze.

Ankara, che proprio da Trump quattro giorni fa aveva ricevuto il via libera, dovrebbe sapere perfettamente dove si trovano i militari a stelle e strisce. Intanto di ora in ora si fa sempre più forte la condanna internazionale per l’offensiva nel nord-est della Siria. L’ultimo monito è giunto dal Pentagono, mentre da Usa e Ue cresce la spinta per l’imposizione di sanzioni al governo di Recep Tayyip Erdogan, se non cesserà le ostilità. E intanto, Olanda e Paesi scandinavi hanno già deciso di sospendere la vendita di armi al suo esercito. Newsweek riferisce anche che il funzionario Usa ha spiegato “che i bombardamenti erano così pesanti che il personale degli Stati Uniti ha preso in considerazione la possibilità di sparare in difesa“.

I timori crescono anche sul destino dei jihadisti detenuti nelle prigioni curde. Cinque di loro sarebbero riusciti a fuggire dopo un raid aereo turco sulla prigione di Qamishli. Da Bruxelles si parla di “seria preoccupazione”. Timori espressi anche da Vladimir Putin, nonostante i rapporti stretti con Erdogan. C’è il rischio che i miliziani detenuti nelle carceri curde “possano fuggire. Non sono sicuro che Ankara possa prendere il controllo della situazione”, ha detto il presidente russo, secondo cui la regione curda sarebbe più sicura nelle mani del suo protetto Bashar al Assad.

Sul terreno la situazione si fa sempre più allarmante. Gli sfollati interni provocati dall’offensiva sono ormai decine di migliaia, 100mila secondo un calcolo dell’Onu. Medici Senza Frontiere ha fatto sapere di aver dovuto interrompere le sue attività nell’ospedale di Tal Abyad, cuore dell’offensiva turca, che serve circa 200mila persone, e ridurre altri soccorsi nella regione.