Lilli Gruber, scintille con Salvini: “mi date del fascista”; “se continua le tolgo l’audio” | Globalist

Lilli Gruber, scintille con Salvini: “mi date del fascista”; “se continua le tolgo l’audio” | Globalist

7 Giugno 2019 0 Di ken sharo

È ormai la soap opera più seguita d’Italia quella di Matteo Salvini contro la giornalista Lilli Gruber: il Ministro, ancora ospite a Otto e Mezzo, ha dato il consueto spettacolo, cimentandosi nel solito siparietto di botte e risposte con la conduttrice, toccando i temi più caldi della settimana, come ad esempio la campagna elettorale.
“Per fortuna la campagna elettorale è finita” ha detto Salvini, servendo la palla alla Gruber che subito risponde: “ma se siamo in collegamento perché lei è in campagna elettorale”;
“certo, ci sono tanti sindaci da eleggere”; “infatti, ribadivo che la campagna elettorale non è finita”; “quella per le europee si”.
A proposito poi delle Europee, la Gruber ha rigirato il coltello nella piaga: “i sovranisti in Europa non hanno sfondato”; dopo un attimo di silenzio, Salvini: “per cambiare le regole sono disposto ad allearmi anche la Merkel o Macron”; “sì, ma forse loro non vogliono allearsi con lei” ribatte la Gruber.
E ancora: “Quando incontrerà Di Maio?” chiede la giornalista. Ma qui Salvini decide di entrare in difensiva e di applicare la tecnica che ormai ha capito funzionare: rispondere esclusivamente per slogan, evitando la domanda a piè pari. E infatti: “Questo giochino di dire Salvini è razzista, Salvini è cattivo, Salvini è fascista non funziona”. Gruber: “Un momento Ministro, non le ho chiesto questo, se continua le tolgo l’audio”.

D’enunciare gli stronzi @AdrianaSpappa

Questo individuo è folle e pericoloso, si sente il messia, sostiene di essere pagato dagli italiani per aumentare il consenso della Lega, eleggere i propri sindaci e andare a cambiare l’Europa.

Costui se ne fotte dell’UE, costui vuole chiaramente uscirne.

Sorgente: Lilli Gruber, scintille con Salvini: “mi date del fascista”; “se continua le tolgo l’audio” | Globalist

Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •