Guerriglia a Roma, bombe carta ultrà Lazio contro agenti

9 Gennaio 2019 0 Di luna_rossa

Scene di guerriglia urbana la notte scorsa a Roma, in piazza della Libertà. Un gruppo di tifosi ultras della Lazio, durante i festeggiamenti per i 119 anni del club biancoceleste, ha lanciato sassi, bombe carta e bottiglie contro gli agenti del reparto mobile intervenuti. Diversi poliziotti sono stati colpiti e hanno dovuto ricorrere alle cure dei sanitari (FOTO).

“Una decina di agenti sono rimasti feriti per il lancio di sassi, bombe carta e per i bastoni e spranghe utilizzate da un folto gruppo di tifosi contro di noi”, dice all’Adnkronos Andrea Cecchini, presidente del sindacato di polizia ‘Italia Celere‘ raccontando l’assalto subito da ultras della Lazio.

Erano un centinaio, incappucciati, a volto coperto, che avanzavano in una strada limitrofa a piazza della Libertà e piuttosto buia – ha continuato Cecchini – contrastando una squadra di poliziotti del reparto mobile, in tenuta antisommossa. Gli agenti hanno dovuto dapprima subire il lancio di sassi e bottiglie, poi le bombe carta e arrivati al contatto con la tifoseria, c’è stata una carica di alleggerimento nella quale alcuni agenti, una decina sono rimasti feriti”.

Erano almeno 300 i tifosi ultras che sono entrati in azione nel quartiere Prati. “Intorno alla mezzanotte su via Cola di Rienzo – racconta il presidente del sindacato di polizia ‘Italia Celere’ – un fronte di 300 ultras laziali ha creato un fronte unico trincerandosi dietro a secchioni dell’immondizia, avanzando davanti alla squadra degli agenti. I tifosi hanno cominciato a lanciare bombe carta, forse un centinaio, sassi e bottiglie: c’era tanto fumo“. “Gli agenti hanno risposto con un lacrimogeno – aggiunge Cecchini – e poi con una carica di alleggerimento per disperderli. Un agente è stato raggiunto da una bomba carta ad un ginocchio ed un altro ad un polpaccio. Altri hanno ripostato contusioni e lesioni varie“.

Sorgente: Guerriglia a Roma, bombe carta ultrà Lazio contro agenti

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •