0 8 minuti 4 settimane

L’avvertimento arriva dopo che i principali alleati europei – Norvegia, Irlanda e Spagna – hanno annunciato la loro “storica” decisione di riconoscere formalmente uno Stato palestinese.

Di Jon Queally – Common Dreams

Il ministro degli Esteri israeliano ha minacciato senza mezzi termini “gravi conseguenze” per i Paesi di Norvegia, Irlanda e Spagna – e presumibilmente per altre nazioni che potrebbero seguirli – dopo che il trio ha annunciato mercoledì la decisione di riconoscere formalmente uno Stato palestinese.

Nella loro mossa congiunta, ispirata in larga misura dall’assalto israeliano in corso sulla Striscia di Gaza, i governi di Norvegia, Irlanda e Spagna hanno dichiarato che avrebbero effettuato il riconoscimento formale la prossima settimana, il 28 maggio. In risposta, Israele ha richiamato i suoi ambasciatori da Oslo e Dublino come primo segno di disappunto e protesta.

Il ministro degli Esteri israeliano Israel Katz ha dichiarato in una dichiarazione pubblica che la mossa di riconoscere la Palestina è un “passo distorto” da parte dei Paesi che, a suo dire, rappresenta “un’ingiustizia nei confronti della memoria delle vittime del 7/10, un colpo agli sforzi per la restituzione dei 128 ostaggi e un incoraggiamento ad Hamas e ai jihadisti iraniani, che mina le possibilità di pace e mette in discussione il diritto di Israele all’autodifesa”.

Katz ha avvertito che “Israele non rimarrà in silenzio” di fronte a quello che percepisce come un tradimento da parte dei suoi alleati europei e che “ulteriori gravi conseguenze” seguiranno per coloro che prenderanno una tale decisione. L’anno scorso Israele ha richiamato il suo ambasciatore in Spagna in seguito a commenti sulle violazioni del diritto umanitario a Gaza.

Anche il ministro della Sicurezza nazionale israeliano Itamar Ben-Gvir ha condannato la mossa mercoledì e ha affermato che la risposta di Israele sarà quella di intensificare ulteriormente le operazioni a Gaza, dove questa settimana il procuratore capo della Corte penale internazionale ha affermato che le forze israeliane hanno commesso crimini di guerra. Nelle sue osservazioni, Ben-Gvir ha chiesto un “trattamento alla radice” per la città di Rafah, dove centinaia di migliaia di civili sono fuggiti ma molti rimangono ancora senza un posto dove andare.

Il ministro delle Finanze israeliano Bezalel Smotrich ha invece chiesto una punizione immediata per l’Autorità Palestinese e l’espansione della costruzione di insediamenti nella Cisgiordania occupata come risposta.

Nei loro interventi, i leader di Norvegia e Irlanda hanno difeso il riconoscimento di uno Stato palestinese come risposta appropriata al violento conflitto che dura da decenni ma che si è intensificato drammaticamente – e brutalmente – negli ultimi sette mesi, sia a Gaza che nella Cisgiordania occupata.

“Nel bel mezzo di una guerra, con decine di migliaia di morti e feriti, dobbiamo mantenere viva l’unica alternativa che offre una soluzione politica sia per gli israeliani che per i palestinesi”, ha dichiarato il primo ministro norvegese Jonas Gahr Støre, guidando le tre nazioni nel loro annuncio.

Al posto di un “lungo e raccapricciante conflitto”, Støre ha detto che deve essere realizzata una nuova realtà: “Due Stati che vivono fianco a fianco, in pace e sicurezza”.

Il Taoiseach Simon Harris, capo del Parlamento irlandese – che ha fatto l’annuncio a nome dell’Irlanda insieme al Tánaiste Micheál Martin e al Ministro del Partito Verde Eamon Ryan – ha definito la decisione “la cosa giusta da fare”, condannando Hamas, che secondo lui non ha “nulla da offrire”, e ribadendo al contempo l’incrollabile impegno per “il diritto di Israele a esistere in sicurezza e in pace con i suoi vicini”.

La decisione dell’Irlanda, ha detto Harris, è stata presa nel contesto della sua lotta per l’indipendenza e la libertà dal dominio coloniale. Citando la dichiarazione di indipendenza dell’Irlanda nel 1919, Harris ha affermato che il riconoscimento di uno Stato palestinese è fondamentale “perché crediamo nella libertà e nella giustizia come principi fondamentali del diritto internazionale” e perché crediamo che “la pace permanente” possa essere assicurata solo “sulla base della libera volontà di un popolo libero”.

In risposta all’annuncio dell’Irlanda, la leader dei socialdemocratici Holly Cairns ha applaudito la decisione del governo.

“I socialdemocratici chiedono da tempo che il governo faccia seguire alle parole forti sulla carneficina di Gaza i fatti, e questa è un’azione forte che invia un messaggio forte”, ha dichiarato Cairns. “Questo messaggio è di speranza, pace, giustizia e libertà per un popolo palestinese imprigionato e massacrato da un barbaro occupante”.

Il primo ministro spagnolo Pedro Sánchez ha parlato mercoledì a Madrid davanti ai membri del Congresso, denunciando “il massacro a Gaza e nel resto dei territori palestinesi” e difendendo la decisione di riconoscere uno Stato palestinese come necessaria, date le circostanze e di fronte all’intransigenza di Israele.

“Il Primo Ministro [Benjamin] Netanyahu continua a chiudere gli occhi e a bombardare ospedali, scuole e case”, ha dichiarato Sánchez. “Sta ancora usando la fame, il freddo e il terrore per punire più di un milione di ragazzi e ragazze innocenti – e le cose sono andate così oltre che i procuratori della Corte penale internazionale hanno chiesto questa settimana il suo arresto per crimini di guerra”.

In risposta agli annunci di mercoledì da parte di Irlanda, Norvegia e Spagna, i funzionari di Oxfam International – che da tempo esercita pressioni per la creazione di uno Stato palestinese e chiede con urgenza un cessate il fuoco a Gaza per porre fine all’attuale spargimento di sangue – hanno accolto con favore la notizia.

“Questo riconoscimento è una decisione storica e altri Paesi devono seguirne l’esempio”, ha dichiarato Sally Abi Khalil, direttore regionale di Oxfam per il Medio Oriente e il Nord Africa. “È un passo fondamentale per affermare il diritto inalienabile del popolo palestinese all’autodeterminazione, ma deve andare oltre il simbolismo e trasformarsi in passi concreti verso la fine dell’occupazione israeliana e il raggiungimento della piena sovranità dello Stato palestinese”.

Mentre l’assalto in corso alla città meridionale di Rafah ha innescato un esodo di massa di centinaia di migliaia di persone che non hanno un posto sicuro dove andare a Gaza, Khalil ha dichiarato: “Abbiamo urgentemente bisogno di un cessate il fuoco immediato e permanente e della fine del blocco per porre fine alla morte e alla distruzione, per consentire l’ingresso di aiuti senza restrizioni a Gaza e per garantire il rilascio degli ostaggi e dei prigionieri palestinesi detenuti illegalmente”.

Anche Jim Clarken, direttore generale di Oxfam, ha sostenuto la decisione delle tre nazioni europee per aver mostrato “una leadership reale e coraggiosa sulla scena mondiale”.

“Sappiamo che la popolazione di Gaza sta morendo di fame e che le agenzie delle Nazioni Unite hanno purtroppo dovuto interrompere le operazioni di aiuto a Rafah”, ha dichiarato Clarken, “L’Irlanda è stata al fianco dell’UNRWA nel momento del bisogno. Ora dobbiamo sfruttare la mossa di oggi per fare pressione affinché gli aiuti urgenti e salvavita arrivino alla popolazione di Gaza”.

 

Sorgente: Israele minaccia “gravi conseguenze” per le nazioni che stanno riconoscendo la Palestina


Scopri di più da NUOVA RESISTENZA antifa'

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.