0 9 minuti 2 settimane

  • Il segretario generale aggiunto della Lega araba afferma che Israele è “cattivo e maligno” nel cercare di scacciare i palestinesi e prendersi la terra per sé
  • Hossam Zaki definisce anche un ampio programma del prossimo vertice della Lega Araba in Bahrein

DUBAI: Se i paesi arabi si preoccupassero davvero di Gaza, aprirebbero i loro confini ai rifugiati palestinesi. Questa è un’affermazione fatta ripetutamente da Israele da quando l’attacco guidato da Hamas del 7 ottobre dello scorso anno ha scatenato il conflitto nella Striscia di Gaza.

Secondo l’ambasciatore Hossam Zaki, vice segretario generale della Lega Araba, questa argomentazione è profondamente errata – ignorando il fatto che le nazioni arabe già ospitano milioni di rifugiati palestinesi.

Inoltre, Zaki ritiene che questa argomentazione ignori la cruda realtà che una volta sfollati gli abitanti di Gaza, è improbabile che il governo israeliano ne permetta il ritorno, optando invece per il sequestro della terra per lo Stato di Israele.

“Se vogliamo davvero la verità, il desiderio israeliano è vedere che la popolazione palestinese scompaia dai territori occupati”, ha detto Zaki a Katie Jensen, conduttrice del programma di attualità di Arab News “Frankly Speaking”.

Hossam Zaki, vicesegretario generale della Lega Araba, in un intervento su “Frankly Speaking”. (Foto AN)

Ha aggiunto: “Dalla Cisgiordania, da Gerusalemme Est e da Gaza, amerebbero che i palestinesi svanissero. Lo sappiamo tutti, perché sappiamo che vogliono la terra. Vogliono impadronirsi del territorio. Vogliono annettere il territorio al loro Stato”.

In un’ampia intervista, in cui ha discusso del prossimo vertice della Lega Araba in Bahrein il 16 maggio, degli sforzi per fermare l’assalto israeliano a Rafah e delle sempre minori prospettive di una soluzione a due Stati, Zaki ha affermato che i precedenti sfollamenti di massa non si ripeteranno. .

“I palestinesi hanno imparato dagli errori del passato – dalla guerra del 1948 e dalla guerra del 1967 – che una volta che lasciano il loro territorio, il territorio viene confiscato da Israele, preso sotto il controllo di Israele. E sembra essere una battaglia davvero dura per riaverlo”, ha detto.

“La speranza di riconquistare il territorio è sempre così pallida. Quindi, quello che stiamo facendo è aiutare i palestinesi a mantenere il loro territorio, a mantenere la loro terra e a non andarsene, perché conoscono le conseguenze dell’andarsene”.

Zaki è stato altrettanto veemente nel respingere l’ipotesi israeliana secondo cui gli stati arabi non erano riusciti a offrire rifugio ai rifugiati palestinesi.

“Loro (gli israeliani) possono criticarci quanto vogliono”, ha detto. “Abbiamo palestinesi che vivono in tutti i paesi arabi, alcuni nei campi profughi – molto, molto pochi – ma la maggior parte vive come normali cittadini di questi paesi.

“In Egitto e nei paesi del Golfo, in Giordania, nel Nord Africa, in tutti i paesi arabi, vivono palestinesi.

“Normalmente, questa è una critica che siamo disposti ad accettare, perché sappiamo che qualunque cosa si dica a questo riguardo significa solo evacuare il territorio a beneficio degli israeliani che vogliono prenderlo”.

Da quando è iniziata la guerra a Gaza, sette mesi fa, la Lega Araba è stata attivamente coinvolta nel tentativo di garantire un cessate il fuoco tra Israele e Hamas, per organizzare aiuti sufficienti per entrare nell’enclave e per mantenere all’ordine del giorno l’obiettivo dello Stato palestinese.

Hossam Zaki, vice segretario generale della Lega Araba, parla con la conduttrice di “Frankly Speaking” Katie Jensen. (Foto AN)

Zaki ha affermato che la Lega araba e i suoi “membri massimi” – tra cui Egitto, Arabia Saudita, Qatar, Emirati Arabi Uniti e Giordania – hanno continuato a promuovere l’Iniziativa di pace araba, presentata per la prima volta 20 anni fa, e stanno lavorando per fermare la “follia omicida”. ” continuando.

“Ma finora nulla ha avuto successo”, ha detto. “Anche l’unica risoluzione che il Consiglio di Sicurezza dell’ONU ha potuto adottare per fermare la guerra, per far cessare il fuoco, non è stata attuata. È stato adottato da quanto, un mese ormai? Niente. Come se non ci fosse nulla.”

Zaki ritiene che a Israele sia stato permesso di agire impunemente grazie alla protezione e alla generosità degli Stati Uniti.

“Israele è fondamentalmente un paese coccolato dagli Stati Uniti, coccolato da molti dei suoi alleati, complici, cosiddetti amici in Occidente”, ha detto.

“Condonano ciò che sta facendo e non possono fermarlo. Non possono fermare questa follia. Sfortunatamente, hanno dato carta bianca fin dall’inizio ed è qui che ci troviamo.

“Sette mesi in questa guerra – questa guerra criminale – e non sta succedendo nulla. Non sono capaci di regnare in questo paese, in questo governo di estremisti”.

Alla domanda se la stessa Lega araba abbia parte della colpa per non essere riuscita a porre fine al conflitto, Zaki ha attribuito tutta la responsabilità a Washington.

“Perché dovremmo – come potremmo – incolpare la Lega Araba?” Egli ha detto. “La Lega Araba non è complice di tutto ciò. La Lega Araba non fornisce bombe a Israele. La Lega Araba non fornisce argomenti a Israele. La Lega Araba non finanzia l’aggressione israeliana.

“La Lega Araba è un’organizzazione regionale, un’organizzazione regionale rispettabile, che cerca la pace, che parla di politica. È un’organizzazione diplomatica. Siamo disposti a impegnarci con chiunque cerchi la pace anche dall’altra parte.

“Perché diciamo Stati Uniti e Occidente? Perché sono gli Stati Uniti a finanziare Israele. Continua a trasferire denaro a Israele, aiuti a Israele, munizioni, bombe, armi, qualunque cosa – dirai di più”.

Il bombardamento e lo strangolamento dei flussi di aiuti da parte di Israele, durato mesi, hanno devastato le infrastrutture di Gaza. Zaki ritiene che Israele abbia deliberatamente cercato di rendere Gaza inospitale per costringere la popolazione palestinese ad abbandonare la propria terra e ad accettare lo status di rifugiato all’estero.

“Gli israeliani, nella brutta, molto brutta guerra contro i palestinesi a Gaza, quello che stanno cercando di fare non è solo uccidere i palestinesi… hanno fatto qualcosa che è molto più brutto, in realtà: hanno distrutto le infrastrutture del Striscia di Gaza”, ha detto.

“Hanno distrutto le infrastrutture sanitarie, le infrastrutture educative, le infrastrutture idriche, le infrastrutture elettriche. Questo è meschino e maligno, e vogliono far sì che i palestinesi che rimangono nella Striscia di Gaza – la maggior parte degli abitanti – trovino questo posto inabitabile.

“Quando la guerra finirà, tutti i palestinesi si guarderanno intorno e vedranno che questo è diventato totalmente inabitabile, quindi vorranno andarsene. Ma, sorpresa per loro, ve lo direi fin da ora – e segnatevi le mie parole – che non accadrà.

“Ricostruiranno il loro stato, il loro paese. Ricostruiranno Gaza e gli arabi li aiuteranno. Puoi scommetterci. E la comunità internazionale ha abbastanza persone perbene, abbastanza persone amanti della pace, che credono nei diritti dei palestinesi e che li aiuteranno a ricostruire il loro paese dopo tutti i crimini che Israele ha commesso lì”.

Inoltre, Israele ha minacciato di impossessarsi del Corridoio di Filadelfia – una stretta striscia di terra lungo il confine tra Gaza e l’Egitto, istituita dall’Accordo di Filadelfia nel 2005 e che autorizzava l’Egitto a schierare 750 guardie di frontiera per sorvegliare il suo lato del confine.

Se Israele dovesse prendere il controllo del Corridoio di Filadelfia, potrebbe compromettere il trattato di pace tra Egitto e Israele del 1979, in cui Israele accettò di ritirarsi dal Sinai in cambio della pace con l’Egitto e creò l’attuale confine che divide in due Rafah.

“Stanno giocando con il fuoco, e penso che lo sappiano”, ha detto Zaki, lui stesso un diplomatico egiziano.

“Coloro che prendono decisioni da parte israeliana corrono un grosso rischio. Non penso che, sani di mente, vorrebbero vedere un indebolimento del principale pilastro della pace nella regione, che è il trattato di pace egiziano-israeliano del 1979”.

Sono in corso i preparativi per il 33esimo vertice della Lega Araba, durante il quale i leader dei 22 Stati membri discuteranno delle sfide comuni che la regione deve affrontare.

Sorgente: Francamente: dove andranno gli abitanti di Gaza dopo l’invasione di Rafah?