0 1 minuto 4 settimane

Il sospetto che possa trattarsi di un sabotaggio è naturalmente forte, per due motivi.Il primo è che a collassare è stato solo uno dei tre elicotteri che facevano il percorso di ritorno verso Tabriz e precisamente quello che trasportava il presidente e il ministro.Il secondo è che la figura di Raisi è stata strategica in questa fase per la collaborazione con Russia e Cina. Raisi era considerato un moderato sul fronte interno, il che lo rendeva una figura di conciliazione e allentamento delle tensioni interne, ed è stato il promotore dell’adesione dell’Iran ai Brics, oltre che di altre iniziative di collaborazione.In quest’ottica la decapitazione della leadership iraniana rappresenta un elemento di destabilizzazione interna e internazionale che non può che compiacere il fronte israelo-americano.

Sorgente: Andrea Zhok – Morte Raisi. “Il sospetto di un sabotaggio è naturalmente forte, per due motivi” – OP-ED – L’Antidiplomatico