0 8 minuti 2 mesi

Rapporto di missione dell’OMS: 

6 aprile 2024

dichiarazione
Gerusalemme, Il Cairo, Ginevra

Il 5 aprile, una missione multi-agenzia, sotto la guida dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, è arrivata all’ospedale Al-Shifa, nel nord di Gaza, con l’obiettivo di condurre una valutazione iniziale del livello di distruzione dell’ospedale e di identificare le necessità per guidare futuri sforzi per riavviare la struttura. Questa missione altamente complessa è stata implementata in stretta collaborazione con l’Ufficio delle Nazioni Unite per il coordinamento degli affari umanitari, il Servizio di azione antimine delle Nazioni Unite e il Dipartimento di sicurezza e protezione delle Nazioni Unite, e in collaborazione con il direttore ad interim dell’ospedale.

Prima di questa missione, nel periodo dal 25 marzo al 1 aprile, l’organizzazione aveva tentato di raggiungere l’ospedale per effettuare un’evacuazione medica del personale e dei pazienti e per effettuare una valutazione della situazione, ma questi tentativi sono stati respinti, rinviati o bloccato sei volte.

L’ospedale Al-Shifa, che era il più grande e importante ospedale di riferimento di Gaza, è stato lasciato vuoto e completamente distrutto dal recente assedio, così come è successo alla maggior parte del nord della Striscia di Gaza. Non c’erano più pazienti nella struttura. La maggior parte degli edifici subì gravi danni o estese distruzioni e la maggior parte di essi divenne inutilizzabile o ridotta a semplici macerie. Il team dell’OMS ha affermato che l’entità della distruzione ha completamente impedito il funzionamento della struttura, riducendo l’accesso all’assistenza sanitaria salvavita a Gaza. Sembra che non sia possibile riavviare l’ospedale, neanche minimamente, nel prossimo futuro, e saranno necessari sforzi significativi per valutare lo stato degli ordigni inesplosi, nonché per rimuoverli e smaltirli, al fine di garantire la sicurezza e accessibilità dei partner per portare attrezzature e forniture. 

Gli edifici del pronto soccorso, della chirurgia e del reparto maternità dell’ospedale sono stati gravemente danneggiati da esplosivi e incendi. Il muro occidentale del pronto soccorso e il muro settentrionale del reparto di terapia intensiva neonatale sono stati demoliti, almeno 115 letti del pronto soccorso sono stati bruciati e 14 incubatrici nell’unità di terapia intensiva sono state distrutte, oltre ad altri beni. Determinare se questi edifici sono sicuri per un uso futuro richiede una valutazione completa e accurata effettuata da un team di ingegneri. 

Inoltre, l’unità di ossigeno dell’ospedale è stata distrutta, rendendo l’ospedale Kamal Adwan l’unica fonte di produzione di ossigeno medico nel nord della Striscia di Gaza. È necessaria una valutazione più completa per determinare il livello e le prestazioni delle apparecchiature critiche, come scanner TC, ventilatori, sterilizzatori e apparecchiature chirurgiche, come strumenti chirurgici e macchine per anestesia. La situazione attuale ha privato il nord di Gaza delle capacità di tomografia computerizzata e un significativo calo delle capacità di laboratorio, il che danneggia la capacità di diagnosticare accuratamente i casi, il che aumenterà l’incidenza di morti evitabili.  

Molte fosse poco profonde furono scavate all’esterno del pronto soccorso, degli edifici amministrativi e degli edifici chirurgici. Nella stessa zona, molti corpi furono parzialmente sepolti, e si potevano vedere anche gli arti di questi corpi sporgenti. Durante la visita, il personale dell’organizzazione ha visto almeno cinque corpi parzialmente sepolti nel terreno, con parti visibili ed esposti al calore. La squadra ha riferito che i corpi in decomposizione causavano un odore forte e pungente che si diffondeva nel complesso ospedaliero. Preservare la dignità, compresa quella dei morti, è un atto umanitario indispensabile.

Secondo il direttore ad interim dell’ospedale, i pazienti furono detenuti in condizioni miserabili durante l’assedio. I pazienti hanno subito una grave mancanza di cibo, acqua, assistenza sanitaria, igiene personale e servizi igienico-sanitari e sono stati costretti a spostarsi da un edificio all’altro sotto la minaccia delle armi. È stato riferito che almeno 20 pazienti sono morti a causa del mancato accesso alle cure e dei movimenti limitati consentiti dal personale sanitario. 

Nonostante il coordinamento, la missione di ieri ha subito notevoli ritardi al posto di blocco militare che si trovava sulla strada per l’ospedale Al-Shifa. Lo stesso giorno, un’altra missione guidata dall’OMS si stava dirigendo verso gli ospedali Al Awda e Kamal Adwan nel nord di Gaza, con l’obiettivo di fornire forniture mediche e carburante, dispiegare squadre mediche di emergenza e supportare il trasferimento di pazienti critici. Ma anche questa missione ha subito inutili ritardi, in particolare la detenzione di un camionista di rifornimenti che era un membro del convoglio. L’autista è stato trattenuto per più di un’ora in un luogo separato, lontano dalla vista della squadra della missione. Alla fine, questa missione è stata annullata per motivi di sicurezza perché il ritardo non lasciava abbastanza tempo per completare in sicurezza la missione e tornare prima che facesse buio.

Nel periodo compreso tra la metà di ottobre e la fine di marzo, più della metà del numero totale delle missioni dell’organizzazione sono state respinte, rinviate, ostacolate o rinviate. Con l’aumento vertiginoso dei bisogni sanitari, la mancanza di un sistema di coordinamento efficace rappresenta un grave ostacolo alla fornitura di assistenza umanitaria – comprese forniture mediche, carburante, cibo e acqua per gli ospedali – a un livello prossimo al livello richiesto.  

Sei mesi – sei mesi – dopo lo scoppio della guerra, la distruzione dell’ospedale Al-Shifa e del complesso medico Nasser ha spezzato la spina dorsale del già vacillante sistema sanitario. Prima del blocco più recente, l’organizzazione e i suoi partner hanno fornito supporto per riavviare i servizi essenziali presso l’ospedale Al-Shifa e hanno fornito regolarmente forniture al Nasser Medical Complex in modo che potesse continuare a funzionare come principale ospedale nel sud di Gaza. Questi sforzi sono stati ormai vani.

Mentre l’Organizzazione Mondiale della Sanità celebra domani la Giornata Mondiale della Salute, con lo slogan “La mia salute, il mio diritto”, questo diritto fondamentale è lontano dalla portata dei civili a Gaza. L’accesso all’assistenza sanitaria a Gaza è diventato del tutto inadeguato e la capacità dell’organizzazione e dei partner di fornire assistenza è stata costantemente ostacolata e ostacolata. 

Dei 36 ospedali principali che hanno servito più di due milioni di persone a Gaza, gli ospedali che operano nella Striscia ora non superano i 10 ospedali, che sono parzialmente operativi, oltre a severe restrizioni sui tipi di servizi che questi ospedali possono fornire. L’incursione militare pianificata a Rafah non farà altro che esacerbare la crisi e ridurre ulteriormente l’accesso all’assistenza sanitaria, e avrà conseguenze sanitarie inimmaginabili. Lo smantellamento sistematico dell’assistenza sanitaria deve finire.

L’organizzazione ribadisce i suoi appelli a proteggere i pazienti, gli operatori sanitari e umanitari, le infrastrutture sanitarie e i civili. Gli ospedali non devono essere militarizzati, utilizzati in modo improprio o attaccati. L’organizzazione chiede un meccanismo di coordinamento efficace, trasparente e praticabile, garanzie di sicurezza e la garanzia che il movimento degli aiuti all’interno di Gaza sia sicuro, rapido e pianificato, anche ai posti di blocco. L’organizzazione chiede ulteriori attraversamenti terrestri per consentire l’accesso e il movimento attraverso Gaza, con maggiore sicurezza e percorsi diretti.  

Mentre lo spettro della carestia si profila all’orizzonte, le epidemie si diffondono e le infezioni gravi aumentano, l’organizzazione chiede l’accesso e il passaggio senza ostacoli degli aiuti umanitari nella Striscia di Gaza e un cessate il fuoco permanente. 

Sorgente: Rapporto di missione dell’OMS: sei mesi di guerra trasformano l’ospedale Al-Shifa in macerie e rovine