0 2 minuti 1 mese


Secondo Mike Mihajlovic, ingegnere, specialista di tecnologie di difesa, analista, ex ufficiale dell’esercito, nonché autore di diversi libri, l’Iran sta preparando un attacco sincronizzato. Ciò significa che droni, missili da crociera e missili balistici arriveranno sugli obiettivi contemporaneamente. I droni, molto più lenti, sono stati lanciati per primi, seguiti dai missili da crociera diverse ore dopo, programmati con precisione per colpire i bersagli nello stesso momento in cui arrivavano i droni. Infine, per ultimi, verranno lanciati i missili balistici per attaccare i bersagli da traiettorie quasi verticali. Un semplice numero di attacchi multilivello può facilmente sovraccaricare le difese aeree israeliane. Molti droni andranno perduti, ma il 20% riuscirà a sopravvivere. Passeranno il 50% dei missili da crociera e il 75-80% dei missili balistici. In ogni caso, sarà molto dura per la difesa congiunta israeliana e americana, sostenuta dai giordani e da alcuni aerei britannici. In questa confusione sono possibili incidenti di fuoco amico.

🟥

 Segui Giubbe Rosse