Seguiteci su Telegram https://t.me/Nuovaresistenza on Telegram
27 May 2024
0 10 minuti 2 mesi

CNN — 

Jihad Abu Watfa si trovava tra le macerie lungo un tratto buio di strada costiera a sud-ovest di Gaza City quando ha visto i carri armati israeliani avvicinarsi. Ha iniziato a registrare sul suo telefono proprio mentre una pesante raffica di colpi di arma da fuoco balenava davanti ai suoi occhi.

“Siamo ora sotto assedio, un carro armato è accanto a noi e sta bombardando”, si può sentire dire Abu Watfa nel video, che ha condiviso con la CNN.

Il 27enne era circondato da centinaia di altri palestinesi che si erano riuniti per una consegna di aiuti il ​​29 febbraio, quando i soldati israeliani che accompagnavano il convoglio umanitario aprirono il fuoco. Secondo il ministero della Sanità di Gaza, più di 100 persone sono state uccise e 700 ferite.

La tragedia, che è diventata nota tra i palestinesi come il “massacro della farina”, è uno degli eventi con più vittime di massa avvenuti a Gaza da quando Israele ha lanciato il suo assalto alla Striscia in seguito all’attacco terroristico di Hamas del 7 ottobre . Ciò è avvenuto dopo più di un mese in cui Israele ha negato gli aiuti a Gaza City e nel nord di Gaza e ha fatto seguito a quello che le Nazioni Unite hanno definito “uno schema di attacchi israeliani” contro civili alla disperata ricerca di cibo, in mezzo a livelli di fame senza precedenti .

La CNN ha raccolto testimonianze e video di 22 testimoni oculari, molti dei quali avevano viaggiato da altre città di Gaza nella speranza di trovare qualcosa da mangiare per le loro famiglie. Quando il convoglio ha attraversato un posto di blocco israeliano su Al Rashid Street, la principale strada nord-sud designata dall’esercito israeliano per gli aiuti umanitari, i sopravvissuti hanno ricordato che le truppe israeliane aprivano il fuoco sulla folla mentre cercava disperatamente di raggiungere gli aiuti alimentari. Molti dissero di non essersi scoraggiati davanti ai proiettili, credendo che se non fossero stati uccisi nel tentativo di procurarsi la farina, sarebbero invece morti di fame.

Una foto scattata da Abdallah Dalee nelle prime ore del 29 febbraio mostra una folla di persone che aspettano alla luce del fuoco che i camion degli aiuti arrivino nel nord di Gaza.

Funzionari di Gaza e israeliani hanno fornito resoconti contrastanti di quanto accaduto quella notte. Le autorità sanitarie di Gaza hanno affermato che decine di persone sono state uccise negli spari e che i feriti sono stati curati negli ospedali per ferite da arma da fuoco, mentre l’esercito israeliano ha affermato che la maggior parte delle persone sono state calpestate a morte in una “fuga precipitosa” per gli aiuti alimentari o colpite dalle armi da fuoco. camion di aiuto che si allontanano dalla mischia.

Mark Regev , consigliere speciale del primo ministro israeliano, inizialmente aveva detto alla CNN che le forze israeliane non erano state coinvolte. Il contrammiraglio Daniel Hagari , portavoce delle Forze di Difesa Israeliane (IDF), ha detto subito dopo che i soldati non avevano sparato direttamente sui palestinesi in cerca di aiuto, ma piuttosto avevano sparato “colpi di avvertimento” in aria.

L’8 marzo, dopo un’indagine interna, l’IDF ha pubblicato una cronologia che suggerisce che il convoglio umanitario ha iniziato ad attraversare il nord di Gaza accompagnato dai suoi carri armati alle 4:29. Un minuto dopo, alle 4:30, l’IDF ha detto che le sue truppe avevano sparato “colpi di avvertimento” verso est per disperdere la folla prima di sparare contro i “sospetti” che, secondo loro, rappresentavano una minaccia. Alle 4:45 i militari hanno detto di aver sparato altri colpi di avvertimento.

Ma l’analisi della CNN di dozzine di video della notte e le testimonianze di testimoni oculari mettono in dubbio la versione israeliana degli eventi. Le prove, esaminate da esperti forensi e balistici, hanno indicato che gli spari automatici sono iniziati prima che l’IDF dicesse che il convoglio aveva iniziato ad attraversare il posto di blocco e che i colpi sono stati sparati a distanza ravvicinata dalla folla che si era radunata per mangiare.

L’IDF non ha risposto alle domande della CNN riguardo ai suoi risultati, ma ha affermato di mantenere le sue precedenti dichiarazioni su ciò che è accaduto il 29 febbraio. Ha aggiunto che l’incidente è stato esaminato dal Meccanismo di accertamento e valutazione dei fatti dello Stato maggiore (FFAM), un organo indipendente. corpo e che nessuna ulteriore informazione sarebbe stata rilasciata fino al completamento delle indagini.

Gli hanno sparato mentre cercava di procurarsi del cibo

Khader Al Za’anoun, un giornalista di Gaza dell’agenzia di stampa ufficiale palestinese Wafa, disse all’epoca alla CNN che la maggior parte delle vittime si verificò a causa di persone speronate dai camion degli aiuti mentre cercavano di sfuggire al fuoco israeliano .

Al Za’anoun, che era sul posto e ha assistito all’incidente, ha detto che il caos e la confusione che hanno portato le persone a essere colpite dai camion sono iniziati solo quando i soldati israeliani hanno iniziato a sparare.

“La maggior parte delle persone uccise sono state speronate dai camion degli aiuti durante il caos e mentre cercavano di sfuggire ai colpi di arma da fuoco israeliani”, ha detto Al Za’anoun.

L’ esercito israeliano ha rilasciato filmati dell’incidente con un drone, sostenendo che mostrava una fuga precipitosa in cui i palestinesi venivano calpestati e che i carri armati erano lì per “mettere in sicurezza il convoglio”, ma la qualità e il montaggio del video rendono difficile confermare le loro affermazioni.

Il filmato mostra centinaia di persone che si radunano attorno ai camion degli aiuti in Al Rashid Street. Sembra che molte persone stiano correndo e alcune strisciano via, nel tentativo di cercare riparo. Ma manca il momento cruciale che cattura ciò che ha causato la dispersione della folla. Il video poi si interrompe per mostrare i corpi a terra – anche se non è chiaro se siano vivi o morti – in una posizione geolocalizzata dalla CNN vicino al checkpoint.

Registrato utilizzando la visione notturna, il filmato del drone è l’unico video disponibile che offre una visione chiara della folla. Se non altro, dimostra quanto sarebbe stato difficile sparare con un certo grado di precisione contro quelli che l’IDF ha descritto come “sospetti” tra le persone fitte che circondavano il convoglio.

L’IDF ha negato le richieste della CNN per l’intero filmato inedito del drone del 29 febbraio.

Tutti i video dei testimoni oculari ottenuti dalla CNN sono stati registrati al buio, quindi offrono una visione limitata di ciò che è accaduto quella notte. Ma, attingendo ai loro metadati, che includono il tempo in cui sono stati filmati, i video rivelano un’incoerenza con il resoconto stesso dell’IDF di quando le sue truppe hanno iniziato a sparare.

I video girati nelle ore precedenti l’incidente mortale, tra le 2 e le 3 del mattino e geolocalizzati dalla CNN, mostrano persone radunate sulla spiaggia e sul ciglio della strada a circa 900 metri (poco più di mezzo miglio) dal posto di blocco. Si possono vedere gruppi seduti attorno ai fuochi, mentre altri passeggiano per la spiaggia. Tutto appare calmo.

Testimoni oculari hanno detto alla CNN che avevano iniziato a radunarsi in attesa dell’arrivo del cibo – i convogli umanitari spesso viaggiano di notte per evitare di essere inondati dalla folla lungo il percorso – ma che i camion non avevano nemmeno varcato la soglia del checkpoint quando i carri armati israeliani hanno iniziato a radunarsi. tiro.

In un video registrato dal testimone oculare Belal Mortaja, che è stato condiviso direttamente con la CNN, si sentono risuonare spari e si vedono persone scappare, invitando gli altri a fuggire, avvertendo della presenza di un carro armato. Il video è stato registrato alle 4:22, sette minuti prima che l’IDF dicesse che il convoglio era entrato nel nord di Gaza.

Abu Watfa, il 27enne, ha detto alla CNN di aver iniziato a filmare subito dopo aver sentito gli spari. I metadati del video mostrano che è stato registrato alle 4:28, due minuti prima che l’IDF dicesse di aver sparato colpi di avvertimento.

Robert Maher, un esperto di acustica degli spari presso la Montana State University negli Stati Uniti, che ha analizzato il filmato per la CNN, ha affermato che le esplosioni indicavano pesanti spari automatici a 600 colpi al minuto. Tale valutazione è stata confermata anche da Richard Weir, ricercatore senior nella divisione Crisi e conflitti di Human Rights Watch (HRW).

Abu Watfa ha continuato a filmare e alle 4:30 il video mostra un camion che guida lungo la strada e dei proiettili traccianti che viaggiano da sud-ovest, dove si trovavano i carri armati israeliani. Si vede un colpo rimbalzare in aria.

Sorgente: Gaza aid delivery: Videos and eyewitness accounts cast doubt on Israel’s timeline of food distribution that turned deadly | CNN

Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot