Seguiteci su Telegram https://t.me/Nuovaresistenza on Telegram
23 May 2024
0 5 minuti 2 mesi

 fermare il “massacro”

Una scena della massiccia distruzione che ha colpito l'ospedale Al-Shifa a Gaza.
Notizie dell’ONU
Una scena della massiccia distruzione che ha colpito l’ospedale Al-Shifa a Gaza.

Due esperti indipendenti delle Nazioni Unite hanno condannato la massiccia distruzione e le uccisioni avvenute all’ospedale Al-Shifa dopo un assedio di due settimane. Hanno esortato gli stati membri delle Nazioni Unite a usare tutti i loro poteri per fermare “il genocidio in corso a Gaza”.

I due esperti sono Francesca Albanese, Relatrice Speciale sulla situazione dei diritti umani nei territori palestinesi occupati, e Tlaleng Mofokeng, Relatrice Speciale sul diritto al godimento dei più alti standard di salute fisica e mentale.

In una dichiarazione rilasciata mercoledì, i due esperti indipendenti hanno affermato: “Siamo inorriditi dal massacro commesso dalle forze israeliane contro i civili nella Striscia di Gaza. Il mondo è testimone del primo genocidio mostrato al mondo in tempo reale dalle sue vittime, che Israele si giustifica vagamente dicendo che aderisce alle leggi di guerra ” .

I due esperti hanno aggiunto che in seguito all’assedio e alla distruzione dell’ospedale Al-Shifa, durato due settimane, dove sono morti tra i morti operatori sanitari e pazienti, ” esortiamo gli Stati membri delle Nazioni Unite ad attuare tutte le possibili misure diplomatiche, politiche ed economiche e i processi legali, per fermare questo orrore .  “

Hanno notato che non è ancora possibile documentare completamente la portata di queste atrocità a causa della loro portata e gravità, e che è chiaro che rappresentano l’attacco più terribile agli ospedali di Gaza.

Messaggio chiaro

I due esperti hanno sottolineato che l’assedio e la distruzione di un ospedale e l’uccisione degli operatori sanitari, dei malati, dei feriti e delle persone che li proteggono sono vietati dal diritto internazionale, aggiungendo che consentire questa violenza ha inviato un messaggio chiaro al mondo e alla comunità internazionale. comunità che la popolazione di Gaza non ha il diritto alla salute e ai determinanti sanitari essenziali per la sua esistenza.

Hanno spiegato che l’ospedale Al-Shifa era il più grande fornitore di assistenza sanitaria a Gaza e che l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha descritto la sua distruzione come “rimozione del cuore del sistema sanitario ” . Hanno affermato che distruggendo l’ospedale Al-Shifa, Israele sta privando coloro che hanno un disperato bisogno di assistenza sanitaria.

I due esperti hanno aggiunto che in questa fase “non stiamo più discutendo della disponibilità, dell’accessibilità, dell’accettabilità, della qualità e della dignità di ricevere assistenza sanitaria. Stiamo piuttosto discutendo della distruzione di qualsiasi infrastruttura in grado di fornire il primo soccorso di base ” . 

Hanno notato che la distruzione deliberata delle infrastrutture sanitarie di Gaza ha creato le condizioni progettate per distruggere una popolazione afflitta e traumatizzata.

Un appello ad un’azione immediata

I due esperti di diritti umani hanno riferito che tra i pazienti del complesso ospedaliero di Shifa c’erano persone affette da condizioni mediche acute e croniche, oltre ai feriti “con ferite derivanti da vari arsenali militari”, il che ha creato una situazione medica complessa e l’impossibilità di gestire le successive e devastanti complicazioni dovute a lesioni di tessuti o organi schiacciati, riparare fratture o lussazioni o controllare il sanguinamento. 

Hanno aggiunto che la mancanza di cure adeguate e tempestive ha portato a una totale incapacità di fornire le cure mediche necessarie, con molti che hanno subito traumi e disabilità e alla fine sono morti a causa delle ferite.

“In questo momento tragico e senza precedenti”, i due esperti hanno invitato gli Stati membri ad agire immediatamente per proteggere, promuovere e rispettare il diritto alla vita, alla salute e alla dignità delle persone colpite da perdite e traumi, attraverso un accesso effettivo all’assistenza umanitaria e proteggere le restanti infrastrutture sanitarie e gli operatori sanitari. 

Hanno aggiunto che c’è urgente bisogno di cibo, acqua, riparo, carburante, assistenza sanitaria di emergenza, supporto psicosociale e primo soccorso psicologico.

I due esperti hanno concluso la loro dichiarazione affermando: “Le strategie adottate dai leader mondiali e dagli Stati membri non sono riuscite a porre fine a questa continua, orribile e orribile violenza ” .

Sorgente: Due esperti delle Nazioni Unite denunciano gli attacchi all’ospedale Al-Shifa e invitano i paesi a fermare il “massacro”. Notizie delle Nazioni Unite

Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot