0 6 minuti 4 settimane

Lettera alla vicepreside. Docenti: ‘Rispettate la nostra scelta’ (ANSA)

Difendono la decisione presa ieri di confermare la chiusura il prossimo 10 aprile, giorno della festa di fine Ramadan, i membri del consiglio d’istituto dell’istituto comprensivo statale Iqbal Masih di Pioltello, nel Milanese, e chiedono di rispettarla e di poter “tornare a vivere con tranquillità la scuola”.

Parole che arrivano assieme alla risposta del presidente della Repubblica Sergio Mattarella alla lettera della vicepreside Maria Rendani, che a lui si era rivolta invitandolo a visitare la scuola: “Ho ricevuto e letto con attenzione la sua lettera e, nel ringraziarla”, sottolinea il capo dello Stato, “desidero dirle che l’ho molto apprezzata, così come – al di là del singolo episodio, in realtà di modesto rilievo – apprezzo il lavoro che il corpo docente e gli organi di istituto svolgono nell’adempimento di un compito prezioso e particolarmente impegnativo”.

Non si placano però le polemiche e anzi raggiungono il Parlamento dove FdI ha annunciato una interrogazione al ministro dell’Istruzione Giuseppe Valditara per sapere cosa intenda fare ora.

Nella visita ispettiva del 18 marzo, ha spiegato il Consiglio di istituto in una lunga nota, sono state trovate alcune irregolarità nella delibera sul calendario scolastico, ovvero il fatto che erano previsti “quattro giorni di sospensione delle lezioni a fronte del massimo di tre giorni” che potevano essere decisi dalla scuola, che la delibera della Regione non preveda la possibilità di anticipare l’inizio delle lezioni per compensare (cosa che avevano scelto di fare a Pioltello) e inoltre “l’assenza di espresse motivazioni di carattere didattico nella delibera del Consiglio di Istituto per i giorni di sospensione”.

Da qui la decisione ieri di ‘rinunciare’ a due dei giorni di vacanza previsti (lunedì 29 e martedì 30 aprile) confermando invece la chiusura del 10 per Eid al Fitr e di venerdì 26 aprile, giorno dopo la festa della Liberazione. Date scelte considerando l’alto tasso di assenze nei due giorni “che compromette l’efficace svolgimento delle attività didattiche ed educative programmate, anche in coerenza con le scelte educative”. Si è trattato di una decisione “nata spontaneamente al nostro interno, sulla base di motivazioni che riteniamo coerenti con il diritto all’educazione e all’istruzione, con la Costituzione Italiana e che origina dalla considerazione operata dal Collegio Docenti” hanno spiegato dal Consiglio d’istituto annunciando che il 21 maggio per la Giornata mondiale della Diversità Culturale la scuola organizzerà un dialogo “sui temi dell’inclusione, dell’interazione tra culture e del confronto tra religioni”. Per il presidente della Lombardia Attilio Fontana chiudere per la fine del Ramadan però è una scelta “assolutamente fuori luogo”. “Non è detto che per rispettare” le feste religiose “si debba chiudere una scuola. Si possono rispettare anche in un altro modo mi sembra” ha osservato. È una “scelta scandalosa” di “integrazione al contrario” secondo l’eurodeputata leghista Silvia Sardone, prima a sollevare la polemica mentre ha parlato di “qualcosa di inverosimile” il parlamentare di FdI Riccardo De Corato annunciando l’interrogazione a Valditara. “La nostra abilità di raggiungere l’unità nella diversità – hanno concluso dal Consiglio d’Istituto citando il Mahatma Gandhi – sarà la bellezza e il test per la nostra civiltà”.

A Pioltello la scuola chiuderà per la fine del Ramadan

Una chiusura decisa per evitare aule vuote e ore trascorse senza portare avanti il programma, a fronte di un anno scolastico iniziato con un giorno di anticipo.

È con la sola “scelta didattica e non religiosa” che il consiglio di istituto della Iqbal Masih di Pioltello, nel milanese, ha votato nuovamente all’unanimità la chiusura in occasione della festa per la fine del Ramadan, il 10 aprile prossimo. La scelta è quindi ricaduta sulla revisione della delibera per la sospensione delle lezioni, dichiarata irregolare dall’ufficio scolastico regionale la scorsa settimana.

La modifica ha riguardato la sottolineatura della sola motivazione didattica alla base della decisione, legata alle numerose assenze prevedibili, definita lacunosa nella prima stesura dallo stesso ministro all’Istruzione Giuseppe Valditara. Intorno alle 19 di oggi il consiglio docenti dell’istituto comprensivo che accoglie circa 1300 studenti, tra elementari e medie, ha votato per primo, poi l’approvazione anche del Consiglio di istituto.

La prima delibera oggetto di contestazione fino ai massimi livelli, era stata votata a maggio 2023. Quando la notizia è divenuta pubblica a seguito della dichiarazione dell’eurodeputata leghista Silvia Sardone, il caso è divenuto oggetto di scambi politici accesi. Lo stesso è accaduto tra i genitori degli alunni che frequentano la Masih, alcuni assolutamente concordi con la sospensione delle lezioni, altri decisamente contrari, senza che questo sia legato alla rispettiva fede religiosa. Anche i tre parroci di Pioltello, due giorni fa, con una lettera hanno definito “legittima e coerente con le caratteristiche della realtà territoriale” la scelta della scuola. Gli ispettori inviati dal ministero avevano però riscontrato nella delibera dei difetti tecnici, tra cui l’assenza di una motivazione didattica, che ne avrebbe giustificato la validità. Al dirigente scolastico Alessandro Fanfoni, da una settimana bersagliato da insulti e minacce, era stato quindi chiesto di “valutare la disapplicazione della delibera e la possibilità dell’annullamento”. Oggi il Consiglio di istituto ha quindi colmato quelle “lacune”, di fatto rispondendo al mittente le contestazioni. Fuori dall’Istituto, a sostegno dei docenti e del consiglio, si sono riuniti in presidio rappresentanti dei sindacati Flc, Cgil e della Camera del lavoro di Milano.

Sorgente: Mattarella risponde alla scuola di Pioltello: ‘Apprezzo il vostro lavoro’ – Cronaca – Ansa.it

Please follow and like us:
0
fb-share-icon0
Tweet 20
Pin Share20