0 5 minuti 2 mesi

Di domenica mobilitati da Pavia a Foggia. Attesa la data per Roma (ANSA)

Gli agricoltori sono pronti a un’altra settimana di proteste, dopo che anche di domenica si sono mobilitati dalla Lombardia al Veneto, fino a Lazio, Campania, Puglia e Sicilia.

Non si sono registrati gravi problemi al traffico, né incidenti. Nuove proteste si preparano ancora in Veneto e in Sicilia, ed è confermato l’arrivo degli agricoltori a Roma.

“Domani sera daremo la data”, ha detto il leader di ‘Cra Agricoltori traditi’ Danilo Calvani. Le proteste “continuano in tutta Italia, da Nord a Sud, e – ha aggiunto – sono previste per quasi tutta la settimana”. Quanto alle divisioni interne agli agricoltori, Calvani riconosce la presenza di alcuni gruppi “legati al governo e alla Coldiretti”, ma afferma che il fronte della protesta è compatto: “non siamo divisi”. “Noi siamo dalla loro parte”, ha detto la ministra del Turismo Daniela Santanchè, a margine dell’apertura della la Borsa Internazionale del Turismo a Milano. “Dobbiamo assolutamente ridiscutere la Pac, bisogna stare in Europa – ha aggiunto – e far capire che gli agricoltori stanno facendo un lavoro molto importante e vanno aiutati”. Sulla stessa linea il presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana: “noi siamo sempre a loro fianco. Siamo consapevoli che delle norme europee vanno contro di loro”.

Cinquecento trattori hanno raggiunto il centro di Pavia, tra clacson, sirene e bandiere tricolori, con gli applausi che hanno prevalso sulle proteste per i disagi alla circolazione. “Contestiamo le politiche agricole dell’Unione Europea, che mettono a rischio l’intero settore primario. Andremo avanti nella protesta”, hanno detto gli organizzatori, finché “non saremo ascoltati”. A Milano, una decina di agricoltori ha raggiunto Piazza Duomo con una mucca e un vitello, scandendo slogan e suonando fischietti, fra turisti e milanesi incuriositi. Scendendo al Centro, è ancora attivo il presidio a Orte, con rallentamenti al traffico sulle strade interne, ma non sull’autostrada del Sole.

Da Orte gli agricoltori hanno rivolto un appello ad Amadeus perché li ospiti al festival di Sanremo: “così possiamo raccontare a tutti gli spettatori le nostre ragioni, pacifiche ma chiare”, hanno detto in collegamento con la trasmissione Agorà Weekend. In Campania, gli agricoltori della Piana del Sele hanno raggiunto Battipaglia e, con i loro trattori hanno protestato davanti allo stadio Pastena. Le ragioni della protesta sono sempre le stesse: il costo di materie prime e carburanti aumenta, mentre i prodotti finiscono sul mercato allo stesso prezzo. Nel Foggiano, gli agricoltori in presidio permanente a Lucera hanno distribuito gratuitamente di verdura e farina per spiegare alla popolazione le ragioni della protesta. “Resteremo in presidio – hanno detto – finché non otterremo risposte certe e decise da parte dell’Unione europea e delle istituzioni italiane”. Qualche momento di tensione nell’Ennese, quando un presidio ha bloccato lo svincolo sulla A19, Palermo-Catania, poi la marcia dei trattori è ripresa e il traffico è tornato alla normalità.

Si organizzano intanto le proteste per i prossimi giorni. In Veneto, domani mattina è previsto un corteo di trattori nel centro di Rovigo. Sono circa 250 i trattori che dalla provincia di Arezzo si preparano a partire verso Roma, diretti a un nuovo presidio nella zona di Roma Nord, in quella che chiamano già ‘marcia su Roma’. Sono riuniti sotto la sigla ‘Riscatto agricolo’. “Raggiungeremo Roma tramite la via Cassia, l’obiettivo è quello di convogliare più mezzi possibile”, ha detto uno dei portavoce, Andrea Papa. A Palermo, infine, gli agricoltori si preparano alla “manifestazione di San Valentino”, ha detto Cateno De Luca, leader di ‘Sud chiama Nord’. Il 14 febbraio si preparano ad arrivare con i trattori al centro della città per “battere i pugni” e “chiedere rispetto”.

Sorgente: Trattori pronti per un’altra settimana di proteste – Notizie – Ansa.it

Please follow and like us:
0
fb-share-icon0
Tweet 20
Pin Share20