0 10 minuti 2 mesi

Credito di Recep Tayyip Erdo?an e Benjamin Netanyahu: Shutterstock

Credito di Recep Tayyip Erdo?an e Benjamin Netanyahu: Shutterstock

“Globes” si chiede perché il presidente turco Recep Tayyip Erdogan abbia fatto questo passo e in che misura ciò influenzerà il commercio tra i due paesi.

Dallo scoppio della guerra a Gaza, la Turchia ha adottato misure diplomatiche contro Israele, compreso il sostegno alle accuse presso la Corte internazionale di giustizia dell’Aia. Ma questa settimana la Turchia ha cambiato marcia agendo sul fronte economico per rimuovere Israele dalla lista dei paesi target delle esportazioni.

Quest’ultima mossa avviene nonostante Israele fosse il 13° mercato più grande per le esportazioni della Turchia nel 2023, con beni esportati per un valore di 5,42 miliardi di dollari. La decisione arriva dopo anni in cui ci sono stati alti e bassi nelle relazioni diplomatiche ma senza restrizioni economiche imposte dalla Turchia. Perché il presidente turco Recep Tayyip Erdo?an ha compiuto questo passo e ciò influenzerà il commercio tra i due paesi?

Con la sua decisione di rimuovere Israele dall’elenco dei paesi target delle esportazioni, la Turchia smetterà di incoraggiare i suoi residenti a sovvenzionare il commercio e sostenere le imprese che lavorano con Israele. La decisione manda anche il messaggio alle imprese turche che se commerciano con Israele, lo Stato non le aiuterà.

Un altro significato è che il Ministero del Commercio turco sospenderà il sostegno alle conferenze congiunte con Israele. Si tratta di un passo che ostacola la capacità dell’addetto commerciale turco in Israele di favorire i contatti tra i due paesi.

Ci sono stati altri cambiamenti nella lista della Turchia?

SÌ. Contestualmente al provvedimento contro Israele, la Turchia ha cancellato dalla lista Iraq, Sudan, Mozambico e Congo. Si ritiene che le considerazioni sulla rimozione dell’Iraq, il terzo mercato di esportazione della Turchia, siano dovute ai disaccordi con Baghdad sulle operazioni militari contro i curdi nel nord dell’Iraq. In Sudan, Erdogan sta cercando di danneggiare il governo locale. La Turchia ha anche aggiunto paesi alla lista dei target delle esportazioni, tra cui l’Algeria, un paese amico di Hamas.

Cosa ha portato Erdogan a fare questo passo?

Erdogan, almeno secondo la costituzione turca, è al suo ultimo mandato e sta pensando alla situazione politica dopo la guerra a Gaza. Se prima della guerra tra Israele e Hamas cercava di far avanzare il suo potere politico attraverso la cooperazione con Israele e trasformando la Turchia in un attore leader nel trasporto di gas naturale, ora capisce che la sua base elettorale e i sostenitori dell’Islam politico in generale nel suo paese lo faranno percepiscono il crollo del governo di Hamas a Gaza come un fallimento dello stesso presidente. Erdogan, quindi, sta cercando in tutti i modi di convincere Israele a fermare i combattimenti, o almeno a farsi percepire come colui che ha fatto di tutto per raggiungere questo obiettivo.

Qual è l’entità degli scambi commerciali tra Israele e Turchia?

Come affermato nel 2023, la Turchia ha esportato beni per un valore di 5,42 miliardi di dollari in Israele, in calo rispetto ai 7 miliardi di dollari del 2022.

Secondo l’Ufficio Centrale di Statistica israeliano, nel 2023 Israele ha esportato merci in Turchia per un valore di 1,5 miliardi di dollari, in calo rispetto ai 2,5 miliardi di dollari del 2022. La Turchia è stata tra i sette paesi che hanno visto un forte calo delle esportazioni israeliane nel 2023 insieme a Malesia, Albania, Taiwan, Francia. , Regno Unito e Canada.

Cosa importa Israele dalla Turchia?

Oltre il 50% delle esportazioni israeliane dalla Turchia riguardano la categoria delle cave, dei macchinari e dei metalli, principalmente per l’utilizzo nell’edilizia israeliana. Il cibo costituisce l’8% delle esportazioni turche verso Israele.

Quali mercati alternativi ha Israele e le misure diventeranno più severe?

Il socio fondatore e amministratore delegato della piattaforma di supply chain digitale SlickChain, Elad Barshan, esperto di forniture internazionali, ha dichiarato a “Globes”: “Tutto ha un’alternativa. Il problema è il prezzo e la disponibilità”. Secondo lui le alternative di Israele sono il commercio con l’Asia orientale, che ha tempi di fornitura molto più lunghi, o con l’Europa, dove i prezzi dei beni sono molto più alti che in Turchia.

Barshan afferma: “Senza la linea dalla Turchia, la spedizione potrebbe essere estesa a un percorso di 60 giorni dall’Asia orientale. Se ci trasferiamo in Europa, il problema saranno i prezzi elevati”. Nella sua valutazione della possibilità che Erdogan intensifichi le sue misure, dice: “I capi dell’industria turca non permetteranno che Erdogan intervenga. C’è una situazione economica terribile lì, tassi di interesse estremamente alti. La Turchia ha bisogno di valuta estera, e io non ne ho bisogno.” vedere qualsiasi passo oltre la fine del sussidio.”

L’economia turca sarà colpita da questa decisione?

La risposta è probabilmente no. Nel 2023 la Turchia ha battuto i record con esportazioni per un totale di 255,8 miliardi di dollari, in crescita dello 0,6% rispetto al 2022. Il deficit commerciale era elevato, pari a 106 miliardi di dollari, ma questa è una realtà a cui Ankara, che non ha indipendenza energetica, è abituata.

Le navi turche hanno continuato a fare scalo nei porti israeliani durante la guerra?

Nonostante la politica anti-israeliana di Erdogan, i dati ufficiali del Ministero dei trasporti turco mostrano che dal 7 ottobre 701 navi turche sono salpate per Israele, una media di otto navi al giorno. Di queste 480 navi hanno navigato solo tra la Turchia e Israele, mentre 221 navi hanno raggiunto Israele attraverso la Turchia.

Chi può sostituire Israele come mercato di esportazione per la Turchia?

Nel 2023, le esportazioni della Turchia verso gli Emirati Arabi Uniti sono aumentate da 2,7 miliardi di dollari a 5,92 miliardi di dollari, rappresentando il 3,4% delle esportazioni complessive della Turchia. Il secondo più grande balzo nelle esportazioni è stato quello verso la Russia, con esportazioni in crescita di 1,78 miliardi di dollari lo scorso anno fino a 9,42 miliardi di dollari. Il terzo aumento più grande nelle esportazioni turche lo scorso anno è stato quello verso l’Arabia Saudita, con esportazioni che sono salite da 949 milioni di dollari a 2,27 miliardi di dollari.

La scritta era sul muro?

È stato sicuramente un processo in corso, sia che si sia riflesso nell’arresto del calciatore Sagiv Jehezkel, sia nelle azioni del Ministero del Commercio turco. Circa tre settimane fa, ad esempio, il ministero ha pubblicato una dichiarazione in cui si affermava che il commercio “non si effettua con gli ebrei israeliani. Il commercio con Israele avviene per il bene di 2,2 milioni di cittadini israeliani di origine araba e per coloro che vivono sotto occupazione israeliana.”

In quali aree di esportazione c’è concorrenza tra Israele e Turchia?

C’è concorrenza tra Israele e Turchia nel settore della difesa. Le esportazioni della difesa israeliane hanno battuto un record nel 2022, con contratti per un valore di 12,5 miliardi di dollari. Elbit Systems è balzata al 21° posto nella lista delle 100 più grandi aziende di difesa del mondo stilata da Defense News, insieme all’industria aerospaziale israeliana (IAI) (29°) e alla Rafael (34°) che sono salite. Lo scorso anno anche la Turchia ha battuto il record di esportazioni nel settore della difesa con contratti per un valore di 4,4 miliardi di dollari. La Turchia aveva quattro società nella classifica di Defense News.

Un’altra rivalità riguarda il controllo regionale delle merci. La Turchia si considera l'”hub” regionale in tutti i settori, e per questo si è indignata lo scorso settembre, quando il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha presentato la sua proposta per un corridoio logistico tra Grecia e India – attraverso Israele, Giordania, Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti – aggirando la Turchia. .

Ciò ha portato Ankara a promuovere nuovamente un piano per un proprio corridoio di trasporto tra la Turchia e l’Iraq, da lì al Golfo Persico e all’Oceano Indiano. Tuttavia, poiché la Turchia ha ora rimosso l’Iraq dalla lista degli obiettivi di esportazione, sembra che questo piano non verrà promosso presto.

Che dire del turismo israeliano in Turchia?

I dati del Ministero del Turismo turco mostrano che nel novembre 2022, 68.000 israeliani hanno visitato la Turchia, mentre nel novembre 2023 il numero è sceso a soli 1.800. Tra gennaio e novembre 2023, 762.000 israeliani hanno visitato la Turchia rispetto ai 780.000 dello stesso periodo del 2022.

Pubblicato da Globes, notizie economiche israeliane – en.globes.co.il – il

Sorgente: La Turchia rimuove Israele dalla lista degli obiettivi di esportazione – Globes

Please follow and like us:
0
fb-share-icon0
Tweet 20
Pin Share20