0 8 minuti 2 mesi

Centro “Shams”: L’esercito di occupazione continua a prendere di mira i centri di accoglienza con l’intenzione di uccidere il maggior numero di civili e di costringere i cittadini alla migrazione forzata.
Il Centro media per i diritti umani e la democrazia “Shams” conferma che il fatto che l’esercito di occupazione israeliano abbia preso di mira i centri di accoglienza per sfollati forzati nella Striscia di Gaza esprime la portata della brutalità e della sete di spargimento di sangue e dell’uccisione del maggior numero di civili. L’altro obiettivo dietro questo è quello di sfollare con la forza i cittadini palestinesi fuori dal paese.I confini della Striscia di Gaza, una politica che non ha mai abbandonato il pensiero sionista, sia in teoria che in pratica, sin dalla creazione dello stato di occupazione israeliano sulla terra palestinese nel anno 1948 d.C., e fino a questo momento, la teoria dello sfollamento forzato e della pulizia etnica, che si basa sul pensiero politico del movimento sionista, è rimasta presente sul tavolo a livello politico. Stato occupante, tenendo conto delle opportune circostanze locali, regionali e internazionali. In questi giorni, lo Stato occupante è più convinto che mai di poter attuare questa politica e che esiste una finestra di opportunità e condizioni pronte per attuare lo sfollamento forzato ed espellere i palestinesi cittadini della Striscia di Gaza, per questo utilizza tutti i mezzi e i metodi per raggiungere questo obiettivo, a volte parla di sfollamento volontario, a volte di sfollamento forzato, e cerca di raggiungere questo obiettivo commettendo crimini di genocidio contro i civili per trasmettere loro il messaggio che esiste nessun posto sicuro per loro e che devono lasciare immediatamente la Striscia di Gaza e dirigersi verso qualsiasi luogo diverso dai territori palestinesi occupati.
Il Centro “SHAMS” avverte che la politica di prendere di mira i centri di accoglienza bombardando, distruggendo e commettendo massacri contro i civili nei centri di accoglienza, siano essi campi in aree aperte, nelle scuole dell’UNRWA o nelle scuole governative, è un messaggio che porta con sé connotazioni politiche dall’occupazione israeliana, al fine di costringere i cittadini palestinesi allo sfollamento e allo sfollamento forzato fuori dalla Striscia di Gaza, dopo che tutti i tentativi dell’occupazione in tal senso erano falliti dal 7/10/2023 d.C., e l’adesione dei cittadini che li accompagnavano alla loro terra e preferiscono il martirio all’interno delle loro case e dei campi piuttosto che lo sfollamento e l’abbandono della Striscia di Gaza. Il centro ha affermato che la politica dell’occupazione di prendere di mira le case e distruggere appartamenti e case residenziali, o quella che è conosciuta come la politica della terra bruciata, è quella di inviare un messaggio ai cittadini che tornare alle proprie case è diventato impossibile.
Il Centro “SHAMS” condanna le dichiarazioni fatte dai ministri del governo di occupazione israeliano riguardo al rapporto con i cittadini nella Striscia di Gaza, in particolare quanto affermato dal cosiddetto Ministro del Patrimonio del governo di occupazione, Amichai Eliyahu, quando ha detto (a deve essere sganciata la bomba nucleare e Gaza deve essere cancellata dall’esistenza) incitando all’omicidio e al genocidio. Chiaramente, quando il Ministro della Difesa israeliano Yoav Galant ha dichiarato: “Stiamo combattendo gli animali umani”, in un messaggio per legittimare l’uccisione e lo sterminio dei cittadini nella Gaza Striscia di Gaza, e ciò che i leader dell’estrema destra del governo occupante esprimono insistendo sullo sfollamento dei residenti della Striscia di Gaza e sulla ricostruzione degli insediamenti lì, e che così è, è legato a una mossa israeliana a livello strategico per espellere i cittadini palestinesi dalla Striscia di Gaza e ricostruire gli insediamenti israeliani lì. Nella città occupata di Gerusalemme il 30 gennaio 2024 si è tenuta una conferenza sugli insediamenti intitolata (Ritorno agli insediamenti nella Striscia di Gaza e sfollamento volontario dei palestinesi), che ha sottolineato la necessità di continuare l’insediamento in tutta la Palestina storica sulla base di motivazioni bibliche e religiose, poiché (26) rappresentanti e ministri hanno partecipato alla conferenza, che indica l’orientamento di questo governo di destra e le sue politiche in materia di sfollamento e insediamento nella Striscia di Gaza.

Il Centro “SHAMS” conferma che le operazioni di presa di mira dei centri di accoglienza e di uccisione di civili, comprese donne, bambini e anziani, nella storia dello stato di occupazione israeliano e dei suoi alleati, e i massacri genocidi commessi nei centri di accoglienza, nei rifugi e nelle sedi delle Nazioni Unite , non è una novità. Ciò che l’esercito di occupazione israeliano sta prendendo di mira i centri di accoglienza nella Striscia di Gaza, in particolare le scuole dell’Agenzia delle Nazioni Unite per il soccorso e l’occupazione dei rifugiati palestinesi (UNRWA), non è una novità. le guerre di aggressione lanciate dall’occupazione contro la Striscia di Gaza dal 2008 ad oggi, e hanno anche preceduto tutto ciò commettendo il massacro di Qana nel sud del Libano il 18/4/1996 in quella che era conosciuta come Operazione The Grapes of Wrath, quando l’esercito di occupazione israeliano ha attaccato il quartier generale delle forze internazionali di emergenza nel sud del Libano (UNIFIL) dopo che i civili vi si erano rifugiati, cosa che ha portato al martirio di (106) cittadini libanesi e al ferimento di un gran numero di persone diverse in quel massacro, e ciò che fecero le cosiddette forze della coalizione americana e britannica il 13/02/1991 d.C., bombardando il rifugio di Al-Amriya a Baghdad distruggendolo con bombe intelligenti, che portò al martirio di (400) civili iracheni in quel brutale operazione.
Il Centro “SHAMS” sottolinea che prendere di mira i centri di accoglienza e uccidere civili, bambini, donne e anziani che vi risiedono costituisce una grave violazione del diritto internazionale umanitario e del diritto internazionale sui diritti umani, in particolare della Quarta Convenzione di Ginevra, come previsto dall’Articolo n. (14) della Convenzione prevede: “Le Alte Parti contraenti possono, in qualsiasi momento, Dopo lo scoppio delle ostilità, le parti in conflitto possono istituire nei loro territori, o, se necessario, nei territori occupati, zone e siti ospedalieri e di sicurezza organizzati in forma modo che consenta la protezione dei feriti, dei malati, degli infermi, degli anziani, dei bambini sotto i quindici anni, delle donne incinte e delle madri di bambini sotto i sette anni), articolo n. 17) della stessa convenzione, il quale prevede che “ le parti in conflitto lavoreranno per stabilire accordi locali per il trasferimento dei feriti, dei malati, degli infermi, degli anziani, dei bambini e delle donne dalle aree assediate e isolate”.
Il Centro “SHAMS” chiede al Segretario Generale delle Nazioni Unite, al Relatore Speciale delle Nazioni Unite per i Diritti Umani sui Territori Palestinesi Occupati, alle istituzioni governative e non governative e ai paesi che hanno firmato le Convenzioni di Ginevra di intraprendere azioni urgenti e forzare la Il governo di occupazione israeliano deve smettere di prendere di mira i centri di accoglienza e di sfollamento nella Striscia di Gaza, evitare di attaccarli e smettere di prenderli di mira, per quanto riguarda le uccisioni sistematiche di civili sfollati lì e per fermare la barbara aggressione contro la Striscia di Gaza.

Sorgente: مركز “شمس”:استمرار… – مركز إعلام حقوق الإنسان والديمقراطية شمس | Facebook

Please follow and like us:
0
fb-share-icon0
Tweet 20
Pin Share20