0 6 minuti 2 mesi

 

La storia dell’ambizioso piano di Israele per strappare la penisola del Sinai, o almeno parte di essa, all’Egitto, risale a circa 57 anni fa. Coinvolse lobbisti filo-israeliani in Occidente e iniziò a sollevare dubbi sulla legittimità della sovranità dell’Egitto sul territorio strategico dopo la Guerra dei Sei Giorni del giugno 1967 , rivelano documenti britannici rinvenuti presso gli Archivi nazionali di Kew.

Durante la guerra, Israele occupò il Sinai, insieme alla Cisgiordania e Gaza in Palestina, nonché alle alture di Golan siriane. La penisola del Sinai copre un’area di circa 61.000 km quadrati, circa il 6% della superficie totale dell’Egitto, ed equivale a quasi un quarto dell’area di Israele.

I documenti mostrano che, sebbene la posizione della Gran Bretagna fosse che la sovranità egiziana sul Sinai fosse evidente, considerava lo status giuridico di questa sovranità una “carta” da usare quando serviva gli interessi britannici. Fin dalla guerra del 1967, rivelano, gli israeliani “hanno fatto volare di tanto in tanto una serie di aquiloni esplorativi sul futuro del Sinai”.

 

I territori occupati da Israele nel 1967, ombreggiati in verde [Al Jazeera]

Le lobby filo-israeliane britanniche e occidentali hanno posto domande sulla legittimità della rivendicazione egiziana sul territorio. Due anni dopo l’occupazione israeliana del Sinai, il Jewish Observer and Middle East Review , allora pubblicazione ufficiale della Federazione Sionista Britannica, pubblicò un articolo con la didascalia in copertina “Il Sinai senza gli egiziani – un nuovo sguardo al passato”. , presente e futuro”. 

Questa campagna ha stimolato una discussione nel Foreign, Commonwealth and Development Office del Regno Unito (l’FCO, ora chiamato Foreign, Commonwealth and Development Office) sulla questione. Ciò che gli inglesi capirono dalla campagna fu che gli israeliani volevano promuovere la loro causa nel modo seguente: “Poiché la maggior parte del territorio [britannico] sotto mandato è ora incorporato nello Stato di Israele, il Sinai dovrebbe di diritto essere considerato territorio israeliano. “

Israele e le sue lobby sostenevano che, poiché il Sinai apparteneva propriamente a Turkiye fino al 1923, avrebbe dovuto diventare parte del territorio palestinese sotto mandato alla fine della prima guerra mondiale e non avrebbe dovuto essere lasciato sotto il controllo egiziano. L’FCO non ha accettato questa affermazione.

LEGGI: ​​La prospettiva di pulizia etnica dei palestinesi di Gaza nel Sinai “cresce”

In un documento commissionato, la Sezione Medio Oriente del Dipartimento di Ricerca dell’FCO ha confutato tutte e cinque le argomentazioni di Israele e dei suoi sostenitori, che erano:

  • La sovranità sul Sinai rimase ai turchi fino al 1923, e il Sinai non fu mai parte integrante del Khedivate [d’Egitto].
  • La frontiera è stata tracciata a causa della forza maggiore esercitata dalla Gran Bretagna come potenza occupante.
  • La Gran Bretagna rifiutò tutte le offerte di compromesso turche e la frontiera fu spostata ancora più a est di quanto gli stessi egiziani avrebbero accettato.
  • Il Sinai appartiene propriamente all’Asia e alla Penisola Arabica e la Repubblica Araba Unita [l’Egitto], in quanto potenza africana, non ha posto in esso.
  • Il Sinai è importante per Israele in quanto teatro della liberazione dalla tirannia egiziana nel XIII secolo a.C. e costituisce una simile minaccia di distruzione nell’era attuale.

Sulla base di questi argomenti, gli israeliani volevano convincere gli inglesi che “le pretese [dell’Egitto] di possedere il Sinai devono essere considerate dubbie e in effetti meno durature di quelle di Israele”.

Dopo un’analisi dettagliata della storia e degli accordi giuridici, il documento sottolineava che nel 1906 fu concordata una “linea amministrativa” come confine stabilito, per cui “si poteva dire che i turchi avessero preservato i loro diritti sovrani sul Sinai”.

Documenti britannici riservati mostrano il piano di Israele di annullare la sovranità dell’Egitto sulla penisola del Sinai

Nel 1923 fu firmato il Trattato di Losanna con il quale furono riconosciuti i confini della moderna Repubblica di Turkiye . Lo stato ha estinto tutti i suoi diritti sulle ex province arabe, compreso il Sinai.

Sulla base di questo trattato, “essendo l’Egitto occupante de facto il Sinai dal 1841, la questione del suo diritto [ sic ] di continuare a continuare non è mai stata sollevata”, concludeva il documento dell’FCO.

Due anni dopo, nel 1971, il consigliere giuridico aggiunto della FCO, FD Berman, ribadì le stesse conclusioni. In una richiesta di consulenza classificata come “riservata”, il che significa che pochissimi funzionari vi avevano accesso, Berman ha invalidato legalmente tutte e cinque le argomentazioni israeliane. “Di conseguenza, o il Sinai faceva già parte dell’Egitto, oppure il 1923 sarebbe la data in cui prendere in considerazione la proprietà dell’area”, ha concluso.

Il futuro dell’occupazione israeliana del Sinai dopo la guerra del 1967 è stato discusso all’FCO. La discussione è stata avviata dopo che Israele ha aperto un nuovo enorme campo di detenzione nel Sinai per trasferire i detenuti palestinesi da Gaza, a causa della carenza di posti di detenzione nel territorio palestinese.

Altre azioni della potenza occupante israeliana nel Sinai hanno sollevato seri interrogativi a Westminster. Queste azioni includevano progetti di comunicazione, infrastrutture militari e altre forme di piani di sviluppo, nonché l’esplorazione e lo sviluppo di giacimenti di petrolio e gas naturale, le risorse naturali più preziose del Sinai.

Sorgente: British documents reveal Israeli plans to nullify Egyptian sovereignty over strategic Sinai Peninsula – Middle East Monitor

Please follow and like us:
0
fb-share-icon0
Tweet 20
Pin Share20