Seguiteci su Telegram https://t.me/Nuovaresistenza on Telegram
12 April 2024
0 4 minuti 2 mesi

La scorsa settimana le forze israeliane hanno lanciato pesanti attacchi aerei su Rafah, uccidendo i palestinesi sfollati e spingendo i combattimenti ancora più vicino al territorio egiziano.

Gli attacchi alla presunta zona sicura e il rafforzamento delle forze di terra israeliane fuori Rafah hanno messo in dubbio se il Cairo sospenderà il trattato di Camp David, che ha visto l’Egitto diventare il primo paese arabo a stabilire legami diplomatici con Israele.

“Penso che la situazione sia una minaccia reale che potrebbe portare ad azioni impensabili solo pochi mesi fa”, ha detto a The New Arab Giuseppe Dentice, capo dell’ufficio MENA presso il Centro per gli studi internazionali .

A livello nazionale, è un argomento troppo impegnativo perché il presidente egiziano Abdel Fattah el-Sisi possa ignorarlo. Rafah è un’area estremamente sensibile per l’Egitto. Secondo i termini rivisti del trattato di Camp David, alle forze israeliane non è consentito entrare nell’area , rendendo ancora più allarmante per l’Egitto la minaccia di un’offensiva di terra nella cosiddetta zona sicura.

“La più grande preoccupazione per il Cairo è che Israele possa costringere più o meno un milione di palestinesi a entrare nel Sinai”

L’Egitto ha ripetutamente chiesto una soluzione pacifica alla violenza dal 7 ottobre. Il Paese ha sempre mantenuto gli impegni presi con l’accordo di pace di Camp David e non ha reagito alle minacce israeliane di violare il trattato, ma una sospensione potrebbe essere l’unica opzione se Israele continua la sua strategia .

“Interrompere l’accordo di pace potrebbe rappresentare l’ultima risorsa per l’Egitto di fronte al genocidio commesso da Israele a Gaza, e spingere il percorso verso l’espulsione dei palestinesi da esso, attraverso una politica della terra bruciata, e rendendolo un luogo impossibile in cui vivere, ” Ha detto a The New Arab Sherif Mohyeldeen, uno specialista dell’Egitto e delle questioni regionali transfrontaliere .

Rafah ospita circa 1,5 milioni di sfollati interni palestinesi mentre le forze israeliane si ammassano fuori città minacciando un’invasione di terra. Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha detto che Rafah è l’ultima roccaforte di Hamas e che i suoi soldati rimarranno a Gaza finché tutti gli obiettivi di Israele non saranno raggiunti.

L’Egitto potrebbe sospendere il trattato di pace?

I mortali attacchi aerei israeliani della scorsa settimana, che hanno ucciso oltre 100 palestinesi che si rifugiavano, hanno spinto Sisi a mettere in guardia dal “pericolo di un’escalation militare a Rafah a causa delle sue conseguenze “catastrofiche”” durante una telefonata con la controparte francese Emmanuel Macron.

L’Egitto è inorridito dagli eventi, ma la sospensione del trattato di pace minerebbe irreversibilmente la pace tanto combattuta ed è probabile che Sisi esplori prima altre opzioni.

“Ci sono molte altre opzioni che l’Egitto può fare, e potrebbero essere dolorose per Israele”, ha detto Mohyeldeen. “Incluso l’adesione dell’Egitto alla causa del Sud Africa presso la Corte Internazionale di Giustizia, e l’avvio di una causa contro Netanyahu e il governo di guerra israeliano presso la Corte Penale Internazionale”.

Netanyahu ha reso chiare le sue intenzioni di ignorare l’accordo di pace quando ha detto ai giornalisti a fine dicembre: “Il corridoio di Filadelfia… deve essere nelle nostre mani. Deve essere chiuso. È chiaro che qualsiasi altro accordo non garantirebbe la smilitarizzazione che perseguiamo”.

Sorgente: Come reagirà l’Egitto ad un’invasione di terra israeliana di Rafah?

Please follow and like us:
0
fb-share-icon0
Tweet 20
Pin Share20

Enjoy this blog? Please spread the word :)

RSS
Follow by Email
Facebook0
YouTube20
YouTube
Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot