0 7 minuti 2 mesi

Il colono ha aperto le braccia, annunciando il sequestro delle terre dell’area di Ras, nel villaggio di Qarawat Bani Hassan, a ovest di Salfit, e ha detto alla sua gente: “L’intera area è mia, e la prenderò contro la vostra volontà. .” Mentre era voltato le spalle, ha fatto segno con due dita a Mithqal Rayyan (27 anni), per significare che gli avrebbero sparato. Il giorno successivo, il colono ha messo in atto la sua minaccia e un proiettile della sua arma si è conficcato nella testa di Mithqal, derubandolo della sua vita e derubando i suoi tre figli del padre.

L’11 febbraio 2023, Mithqal, insieme alla gente del suo villaggio, ha risposto all’appello di Al-Faza’a per affrontare un nuovo attacco di coloni, questa volta contro i contadini nelle loro terre e contro i lavoratori che lavorano nelle case in costruzione alla periferia del villaggio . 

“Ogni volta che i coloni facevano un passo indietro, Mithqal andava avanti, lanciando pietre. Non accettava di tornare finché non se ne erano andati. Non aveva paura dei proiettili ed era più audace di tutti noi”, dice Samer Rayan, fratello di Mithqal. Samer ritiene che il proiettile che ha colpito suo fratello non sia stato casuale, ma piuttosto intenzionale con l’obiettivo di ucciderlo come rappresaglia per la sua continua attività nel respingere gli attacchi dei coloni. 

Questa è una delle decine di storie che stanno vivendo i villaggi del Governatorato di Salfit, caratterizzata dalla risposta quasi quotidiana agli attacchi dei coloni e alle incursioni nelle terre e nelle case delle persone, dall’ansia costante per l’attuazione di decine di avvisi di demolizione di case e dalla fermezza pagata per nel sangue. 

Guardando i numeri, circa il 75% delle terre del Governatorato di Salfit sono classificate come Area C, il che significa automaticamente una minaccia alla presenza palestinese e un’invasione dell’espansione degli insediamenti. 

La Cisgiordania è stata classificata secondo gli Accordi di Oslo in 3 aree: A, B e C. Nell’Area C, che costituisce circa il 60% della Cisgiordania, Israele ha mantenuto i suoi poteri amministrativi e di sicurezza, cedendo alcuni poteri nelle Aree A e B all’Autorità Palestinese. L’area C è il principale bacino idrico per l’espansione degli insediamenti, delle basi militari e per la costruzione di strade. Di conseguenza, più di 300.000 palestinesi che vivono lì si trovano ad affrontare politiche di occupazione che cercano di espellerli e sfollarli, le più importanti delle quali sono: la demolizione delle case. e prevenire l’espansione urbana o l’attività agricola. 

In questo articolo, esaminiamo una serie di storie di confronto e fermezza di fronte alla macchina degli insediamenti nel Governatorato di Salfit, che è diventata una routine quotidiana e uno stile di vita.

Le pecore sono un’altra arma nelle mani di un colono

Gli attacchi dei coloni iniziarono nell’area di Ras a Qarawat Bani Hassan, dove Mithqal fu martirizzato, nel 2022, dopo che nelle vicinanze fu stabilito un avamposto di insediamento. L’avamposto, infatti, si trova sui terreni del vicino villaggio di Deir Istiya, precisamente su due appezzamenti di terreno in un’area denominata “Khirbet Abu Khalil” con una superficie di 30 dunum, ma dista solo un chilometro da la zona Al-Ras di Qarawat Bani Hassan.

Poiché “l’esercito e gli insediamenti sono una mano”, l’espansione degli insediamenti è iniziata con una decisione militare israeliana emessa intorno all’inizio del 2020, che prevedeva la confisca delle terre di Deir Istiya nei seguenti appezzamenti: Khirbet Abu Khalil, la Montagna Armata e il Mahfoor, con il pretesto che sono “proprietà dello Stato”. 

Nel 2022 seguì l’arrivo a Khirbet Abu Khalil di un colono con un gregge di pecore che, approfittando della decisione militare, stabilì l’avamposto dell’insediamento, al quale si unirono altri coloni che di tanto in tanto attaccavano la popolazione dei paesi vicini. villaggi, usando bastoni e armi da fuoco.

Il pretesto della “proprietà statale” viene solitamente utilizzato quando si parla di terre a cui l’occupazione ha impedito l’accesso ai proprietari per molti anni, per poi usarlo come giustificazione per la loro confisca, sulla base del fatto che si tratta di “terre abbandonate”. Con questo pretesto, l’occupazione ha confiscato “Khirbet Abu Khalil” e l’ha reso difficile da raggiungere costruendo una strada di insediamento che lo ha tagliato fuori dalla sua estensione naturale verso i villaggi vicini. 

A questo proposito, Amin Makhlouf (62 anni) di Deir Istiya dice: “Ho notato che questo colono si finge pastore, ma attraverso questo finto pastore cerca terre che sono incolte o le cui persone sono assenti da molto tempo affinché possa avere un pretesto per mettergli le mani addosso e rubarli”.

È interessante notare che Deir Istiya è assediata da sette insediamenti, che hanno rubato circa 10mila dunum della sua terra. Il nuovo avamposto è stato stabilito in un’area situata tra tre di questi insediamenti: Yakir, Novim e Havat Yair, oltre a un presidio militare. torre vicino ad esso. Questa posizione geografica significa naturalmente un’estensione dell’insediamento e una minaccia per più terra.

Poiché la zona di Al-Ras è la zona residenziale più vicina all’avamposto, è diventata un bersaglio per gli attacchi dei coloni. Il sindaco di Qarawat Bani Hassan, Ibrahim Assi, afferma: “Non c’è avidità nella stessa area del Capo, ma il colono sta cercando di anticipare gli eventi intimidendo le persone ed espandendo la sua cerchia di influenza”. 

La superficie dell’area è di circa duemila dunam e, oltre alla minaccia di attacchi da parte dei coloni, le sue case sono minacciate di demolizione da parte dell’esercito di occupazione. Delle 50 case nell’area, 42 hanno ricevuto avvisi israeliani di demolizione o di blocco della costruzione, con il pretesto di costruzione senza licenza, nell’Area C, dove l’esercito di occupazione non è d’accordo nel concedere permessi di costruzione in modo schiacciante. 

Sorgente: Un giro a Salfit: “Il colono è colui che governa qui!” | terrapieno

Please follow and like us:
0
fb-share-icon0
Tweet 20
Pin Share20