0 8 minuti 3 mesi

Rapporto UNRWA n. 70 sulla situazione nella Striscia di Gaza e in Cisgiordania, che comprende Gerusalemme Est
Tutte le informazioni coprono il periodo dal 25 al 27 gennaio 2024 fino alle 22:30 del 27 gennaio 2024.
Giorni 111-113 di ostilità

  1. Punti principali
    Striscia di Gaza
  • Gli intensi combattimenti a Khan Yunis e nei dintorni (sud-ovest di Gaza) negli ultimi sei giorni stanno causando perdite di vite umane e danni alle infrastrutture civili, compreso il più grande rifugio dell’UNRWA nella regione meridionale, il Centro di addestramento di Khan Yunis.
  • Al 27 gennaio 2024, il numero totale dei colleghi dell’UNRWA uccisi dall’inizio delle ostilità è salito a 152.
  • Al 22 gennaio, fino a 1,7 milioni di persone (o più del 75% della popolazione) sono state sfollate nella Striscia di Gaza, alcune più volte. Le famiglie sono costrette a spostarsi frequentemente in cerca di sicurezza. A seguito degli intensi bombardamenti e combattimenti israeliani a Khan Yunis e nelle zone centrali degli ultimi giorni, un gran numero di sfollati si sono nuovamente spostati verso sud.
  • Dal 21 ottobre al 24 gennaio, le persone hanno ricevuto 21.881 tonnellate di farina, di cui 12.987 dall’UNRWA.
  • Nello stesso periodo, l’UNRWA ha fornito a Gaza i seguenti materiali:
    o Farmaci e forniture mediche per un valore totale di oltre 6,2 milioni di dollari.
    o Quasi 19 milioni di litri d’acqua.
    o 2,7 milioni di unità di biscotti e biscotti ricchi di energia.
    o Quasi 4,7 milioni di lattine di alimenti a base proteica, tra cui fagioli, pollo, manzo e carne in scatola.
    o Oltre 6,5 milioni di unità di prodotti lattiero-caseari (formaggi).
    o Altri prodotti alimentari tra cui datteri, torte e succhi.
    o Articoli non alimentari tra cui circa 100.000 materassi; 80.000 kit per l’igiene familiare; Più di 3,1 milioni di pannolini; Circa 144.000 coperte; E più di 1,9 milioni di prodotti per la pulizia.
  • Il 25 e 26 gennaio, manifestanti israeliani hanno impedito ai camion degli aiuti di raggiungere Gaza attraverso il valico di Kerem Shalom.
    La Cisgiordania, che comprende Gerusalemme Est
    L’aggiornamento per la Cisgiordania sarà il 30 gennaio 2024.
  1. Situazione generale
    Striscia di Gaza
  • Secondo il Ministero della Sanità di Gaza, al 26 gennaio, almeno 26.083 palestinesi sono stati uccisi nella Striscia di Gaza dal 7 ottobre. Secondo quanto riferito, circa il 70% delle persone uccise erano donne e bambini, e altri 64.487 palestinesi sarebbero rimasti feriti.
    La Cisgiordania, che comprende Gerusalemme Est
  • Secondo l’Ufficio delle Nazioni Unite per il coordinamento degli affari umanitari, tra il 7 ottobre 2023 e il 26 gennaio 2024, 361 palestinesi, tra cui 92 bambini, sono stati uccisi in Cisgiordania, che comprende Gerusalemme est.
  • L’anno scorso (2023) è stato l’anno più sanguinoso per i palestinesi in Cisgiordania da quando le Nazioni Unite hanno iniziato a registrare i numeri delle infezioni nel 2005.
  1. Accesso umanitario e protezione dei civili
    Striscia di Gaza
    Si prega di consultare gli incidenti per il periodo dal 25 al 27 gennaio 2024. Si prega di notare che quanto indicato di seguito include una serie di incidenti accaduti in precedenza, ma le informazioni sono diventate disponibili durante il periodo di riferimento.
  • L’UNRWA sta lavorando per verificare le segnalazioni di incidenti che hanno colpito le strutture dell’UNRWA. Maggiori informazioni verranno fornite non appena saranno disponibili.
    o Il 16 novembre 2023, un centro sanitario nella città di Gaza è stato colpito direttamente, provocando danni all’edificio e alla recinzione esterna.
    o Il 16 novembre 2023, a causa dell’attività militare e degli scioperi davanti al cancello di una scuola nella città di Gaza, la scuola ha subito danni collaterali.
    o Il 1° dicembre 2023, una scuola a Khan Yunis è stata colpita direttamente, provocando danni alla scuola. Non ci sono state notizie di feriti. È stato riferito che circa 5.200 sfollati si erano rifugiati nella scuola al momento dell’incidente.
    o Il 19 gennaio 2024, a causa di scioperi in un sito vicino al centro di formazione di Khan Yunis, frammenti sono caduti su una tenda che gli sfollati avevano montato presso il muro esterno del centro per mancanza di spazio all’interno. Di conseguenza, una donna è stata uccisa e un’altra persona è rimasta ferita.
    o Il 25 gennaio 2024 una scuola a Khan Yunis è stata colpita direttamente. Di conseguenza, due sfollati sono stati uccisi e altri 15 sono rimasti feriti. Secondo quanto riferito, migliaia di sfollati si erano rifugiati nella scuola al momento dell’incidente. In un secondo incidente, più tardi lo stesso giorno, è stata colpita direttamente la zona antistante la scuola. Di conseguenza, 20 persone sono rimaste ferite all’interno della scuola, tra cui un medico dell’UNRWA responsabile del punto medico.
    o Il 25 gennaio 2024, durante due diversi incidenti, proiettili vaganti e schegge caddero all’interno del Centro di addestramento Khan Yunis. Di conseguenza, dieci sfollati sono rimasti feriti.
    o Il 25 gennaio 2024, a causa di un bombardamento che colpì alcune auto parcheggiate davanti a una scuola a Khan Yunis, scoppiò un incendio e numerose schegge caddero all’interno della scuola. Non sono stati segnalati feriti. Secondo quanto riferito, migliaia di sfollati si erano rifugiati nella scuola al momento dell’incidente.
    o Il 26 gennaio 2024, una scheggia di schegge è caduta all’interno di una scuola a Khan Yunis, ferendo gravemente un uomo che si era rifugiato nella scuola. Il ferito è stato trasferito all’ospedale Nasser. Secondo quanto riferito, migliaia di sfollati si erano rifugiati nella scuola al momento dell’incidente.
  • Dall’inizio della guerra sono stati segnalati 263 incidenti che hanno interessato gli edifici dell’UNRWA e le persone al loro interno (alcuni con incidenti multipli che hanno interessato lo stesso sito), inclusi almeno 25 incidenti di uso militare e/o interferenza con le installazioni dell’UNRWA.
  • L’UNRWA stima che in totale, dall’inizio della guerra, almeno 360 sfollati rifugiatisi nei rifugi dell’UNRWA siano stati uccisi e almeno altri 1.302 siano rimasti feriti. L’UNRWA sta ancora verificando il numero di feriti verificatisi a causa di incidenti che hanno colpito le sue strutture e nota che questi numeri non includono alcuni dei feriti segnalati, poiché non è stato possibile determinare il numero di feriti.
  • Risposta dell’UNRWA
    Striscia di Gaza
    A causa della situazione di sicurezza e dell’interruzione di Internet, non siamo in grado di fornire ulteriori aggiornamenti sul rapporto n. 67.
    Rifugi dell’UNRWA
  • Al 27 gennaio, circa 1,7 milioni di sfollati trovavano ora rifugio in rifugi di emergenza (rifugi UNRWA e rifugi generali), siti informali o vicino ai rifugi e ai siti di distribuzione dell’UNRWA e all’interno delle comunità ospitanti.
    A causa della situazione di sicurezza e degli ordini di evacuazione emessi dalle forze israeliane, ci sono ancora tra le 150 e le 155 strutture dell’UNRWA che ospitano gli sfollati. I rifugi soffrono di un grave sovraffollamento.
    la salute
    A causa della situazione di sicurezza e dell’interruzione di Internet, non siamo in grado di fornire ulteriori aggiornamenti sul rapporto n. 68.
    Supporto psicosociale
    A causa della situazione di sicurezza e dell’interruzione di Internet, non siamo in grado di fornire ulteriori aggiornamenti sul rapporto n. 67.
    Sicurezza del cibo
    A causa della situazione di sicurezza e dell’interruzione di Internet, non siamo in grado di fornire ulteriori aggiornamenti.
    Acqua, servizi igienico-sanitari e igiene personale
    A causa della situazione di sicurezza e dell’interruzione di Internet, non siamo in grado di fornire ulteriori aggiornamenti sul rapporto n. 67.
    Citazione di Abu Shadi, uno sfollato nel sud della Striscia di Gaza
    “Avere un rifugio dell’UNRWA ha fatto una grande differenza. Non temiamo più il freddo o il clima rigido. I nostri bambini possono finalmente riposare, sapendo che sono al caldo.”
    Finisco-
Please follow and like us:
0
fb-share-icon0
Tweet 20
Pin Share20