0 5 minuti 3 mesi

23 gennaio 2024
Donne e bambini si rifugiano nei rifugi dell’UNRWA nella Striscia di Gaza. Tutti i diritti riservati all’UNRWA, fotografata da Ashraf Amra
Donne e bambini si rifugiano nei rifugi dell’UNRWA nella Striscia di Gaza. Tutti i diritti riservati all’UNRWA, fotografata da Ashraf Amra

L’UNRWA è in grado di fornire forniture per l’igiene personale, compresi assorbenti, con il sostegno dell’Unione Europea, ma è necessaria maggiore attenzione per le donne e le ragazze.

Le donne e le ragazze sono tra i gruppi più vulnerabili di ogni società. La loro vulnerabilità solitamente aumenta in tempi di crisi, come lo sfollamento dei residenti di Gaza a causa della guerra. Dall’inizio della guerra, a ottobre, quasi un milione di donne e ragazze sono state sfollate e più di 17.000 donne e bambini sono stati uccisi.

I rifugi per sfollati interni sono insopportabilmente sovraffollati e soffrono di poca o nessuna privacy, soprattutto per donne e ragazze. Ad esempio, il rifugio presso il Centro di formazione Khan Yunis dell’UNRWA è uno dei più grandi nel sud di Gaza, con 40.000 sfollati e 140 nascite registrate dall’inizio della guerra. A Rafah, invece, il sovraffollamento fa sì che più di 480 persone condividano un unico bagno.

La direttrice dei media e delle comunicazioni dell’UNRWA, Juliette Touma, ha detto mentre era a Gaza la settimana scorsa: “Molte donne mi hanno detto che non mangiano né bevono non solo perché non ce n’è abbastanza, ma anche per limitare il tempo a disposizione da spendere usando i bagni.” Sporco e poco igienico.

Maysaa, assistente responsabile della protezione della squadra di protezione dell’UNRWA presso il centro di addestramento del Khan Yunis Training Center, spiega il problema dell’accesso adeguato alle forniture sanitarie per le donne.

Maysaa, assistente responsabile della protezione della squadra di protezione dell’UNRWA presso il centro di formazione di Khan Yunis, conferma che la squadra riceve molte richieste di assorbenti da parte di donne sfollate. Dice: “La mancanza e la scarsità di queste forniture nel mercato locale ha un impatto psicologico e fisico sulle donne”. Nel frattempo, una giovane madre del centro spiega che i tentativi di utilizzare alternative temporanee e fatte in casa agli assorbenti influiscono negativamente sulla sua salute e sul suo benessere. Aggiunge che è soggetta a grande imbarazzo all’interno della sua famiglia e della comunità sfollata.

In totale, ci sono più di 690.000 donne e ragazze adolescenti con il ciclo mestruale a Gaza che necessitano di prodotti per l’igiene mestruale, così come dell’accesso all’acqua pulita, ai servizi igienici e alla privacy. Sfortunatamente, l’UNRWA non è in grado di soddisfare l’elevata domanda di forniture per l’igiene personale poiché le scorte sono completamente esaurite o hanno raggiunto livelli molto bassi. Questa scarsità espone le donne e le ragazze al rischio di infezioni del tratto riproduttivo e urinario e ai rischi associati alla protezione.

La chiusura della maggior parte dei negozi e delle farmacie a Khan Yunis ha esacerbato questa situazione. La dottoressa Nisreen, che lavora nel centro sanitario dell’UNRWA che serve il rifugio del Khan Yunis Training Center, conferma che le forniture igieniche distribuite alle donne nel rifugio non includono abbastanza assorbenti. Afferma: “La scarsità di questo prodotto sui mercati ha portato a prezzi elevati, rendendo difficile per gli sfollati permetterselo”.

Ad oggi, l’UNRWA ha distribuito più di 80.000 kit igienici per la famiglia alle persone sfollate a Gaza dall’inizio della guerra. L’agenzia sarà in grado di fornire maggiori quantità di queste forniture con il sostegno dell’Unione Europea, che finora ha donato un totale di 14 milioni di euro agli sfollati per fornire materiali di supporto per i rifugi, comprese forniture come kit per l’igiene personale. Sfortunatamente, sarà necessario molto di più per alleviare la catastrofica situazione umanitaria, che è particolarmente grave tra le donne e le ragazze vulnerabili. La distribuzione degli aiuti umanitari continua ad affrontare sfide insormontabili, tra cui i continui bombardamenti e le restrizioni all’accesso. Il livello di assistenza umanitaria salvavita che entra nella Striscia di Gaza è minimo e molto al di sotto di ciò di cui la popolazione civile ha bisogno per sopravvivere.

Sorgente: Bombardamenti continui, sfollamenti forzati e collasso del sistema sanitario: una crisi per donne e ragazze a Gaza | UNRWA

Please follow and like us:
0
fb-share-icon0
Tweet 20
Pin Share20