0 5 minuti 6 mesi

L’esercito israeliano ha continuato a bombardare e bombardare aree civili nella Striscia di Gaza, uccidendo più di 200 palestinesi, per lo più bambini, e ferendone centinaia in diverse parti della regione costiera.

I bombardamenti e i bombardamenti israeliani si sono concentrati principalmente su una serie di aree a Jabalia, nel nord di Gaza, Rafah e Khan Younis, nelle parti meridionali della Striscia di Gaza e nelle aree del centro di Gaza.

L’esercito israeliano ha effettuato più di 74 attacchi aerei in poche ore, concentrati principalmente sulle aree centrali e meridionali della Striscia di Gaza.

Il Ministero della Sanità palestinese ha affermato che gli attacchi israeliani hanno provocato almeno 151 morti e 3.013 feriti in poche ore all’alba, soprattutto a Jabalia, nel nord di Gaza.

Nella città di Jabalia, nella parte settentrionale della Striscia di Gaza, missili israeliani hanno colpito un intero isolato residenziale, uccidendo e ferendo decine di palestinesi, soprattutto donne e bambini.

A Rafah, missili e proiettili israeliani hanno ucciso più di 25 palestinesi, tra cui un giornalista, identificato come Adel Zo’rob, oltre a molti bambini e donne in tre case della famiglia Zo’rob (dove furono uccisi 14 palestinesi), della famiglia Atiya dove furono uccisi ottanta, e la famiglia Abdul-Al dove furono uccisi almeno tre palestinesi, oltre alle decine di feriti nelle case bombardate.

L’uccisione di Adel Zo’rob porta a 94 il numero dei giornalisti uccisi dai missili e dai proiettili israeliani dopo che l’esercito ha ucciso lunedì la giornalista Hanin Al-Qashtan.

Cinque fratelli palestinesi, tutti della famiglia Abu Ghazal e un quinto figlio rimasto non identificato, sono stati uccisi da un missile israeliano nella zona di Al-Hasayna, a ovest del campo profughi di Nusseirat, nel centro della Striscia di Gaza.

Fonti mediche dell’ospedale Al-Aqsa nel centro di Gaza hanno confermato di aver ricevuto i resti mutilati di molti palestinesi uccisi, per lo più bambini.

Decine di palestinesi sono stati uccisi e feriti anche in una serie di attacchi aerei israeliani a Deir Al-Balah, nel centro di Gaza, e nelle aree a nord e ad est di Khan Younis, nella parte meridionale dell’enclave costiera.

Nei campi profughi di Al-Boreij e Nusseirat, nel centro di Gaza, l’esercito ha lanciato missili contro case ed edifici, uccidendo e ferendo dozzine di palestinesi, tra cui almeno cinque bambini i cui cadaveri sono stati gravemente mutilati.

Fonti dell’ospedale battista arabo Al-Ahli di Gaza City hanno detto che almeno quattro pazienti e palestinesi feriti sono morti nella struttura medica a causa della mancanza di forniture mediche e dell’invasione militare israeliana dell’ospedale in corso per il secondo giorno.

Hanno aggiunto che i soldati israeliani hanno rapito almeno 150 palestinesi dall’ospedale, hanno detto che i rapiti erano famiglie di pazienti, e hanno affermato che i soldati hanno anche costretto tutti i palestinesi feriti a uscire al freddo prima di rapire due medici.

I soldati hanno anche circondato l’ospedale, impedendo alle ambulanze di entrare o uscire, mentre altri carri armati e veicoli blindati israeliani hanno continuato a schierarsi intorno all’ospedale, soprattutto in piazza Palestina.

Inoltre, l’Associazione sanitaria e comunitaria Al-Awda nel nord di Gaza ha dichiarato che l’esercito israeliano ha invaso lunedì il suo ospedale e ha rapito cinque lavoratori, tra cui il capo dell’ospedale, Ahmad Muhanna, oltre a un paziente e un membro della sua famiglia.

Ha invitato il Comitato Internazionale della Croce Rossa e tutte le organizzazioni correlate a intervenire e garantire l’ingresso costante di tutte le forniture mediche necessarie, carburante, cibo e acqua mentre l’esercito israeliano continua l’assedio imposto all’ospedale due settimane fa.

L’Associazione ha dichiarato che l’esercito sta assediando 240 palestinesi nell’ospedale Al-Awda, dove mancano acqua, cibo e medicine, e ha aggiunto che i soldati israeliani hanno trasformato la struttura medica in una base militare.

Il Ministero della Sanità palestinese ha dichiarato che l’ospedale Al-Awda sta affrontando un grave disastro umanitario e ha invitato le Nazioni Unite, tutti i gruppi internazionali per i diritti umani e i diritti umani a intervenire e garantire la sicurezza di tutte le strutture mediche, ambulanze e operatori sanitari e a garantire ricevono tutte le forniture necessarie.

Il Ministero della Sanità palestinese ha affermato che i missili e le granate israeliane hanno ucciso almeno 19.453 palestinesi e ne hanno feriti 52.286 dal 7 ottobre, e ha aggiunto che la maggior parte delle vittime sono donne e bambini.

Sorgente: Per lo più bambini, i missili israeliani uccidono più di 200 persone a Gaza all’alba | – Notizie IMEMC