0 2 minuti 6 mesi

Il corrispondente di Al-Jazeera a Gaza, Wael Al-Dahdouh, è rimasto ferito e il fotografo di Al-Jazeera Samer Abu Daqqa è stato ucciso durante il suo lavoro giornalistico. Wael afferma che l’occupazione li ha presi di mira direttamente mentre indossavano l’elmetto e la giacca che rendevano chiaro che erano giornalisti. Wael è riuscito a scappare e a camminare a lungo dopo essere rimasto ferito per raggiungere le persone che lo hanno portato in ospedale. Quanto al collega Samer, le sue ferite erano gravi e non poteva muoversi ed è rimasto disteso a terra sanguinante per cinque ore, il che significa che ha portato alla sua morte. Vale la pena notare che le squadre della protezione civile hanno cercato di salvare Samer, ma l’occupazione ha ucciso tre squadre della protezione civile mentre cercavano di trasportarlo in ospedale.

L’esercito israeliano prende di mira deliberatamente i giornalisti poiché trasmettono un’immagine della verità che l’occupazione non vuole che nessuno nel mondo veda. Il tuo agente: L’assenza di giustizia e la mancanza di responsabilità nel commettere il crimine di prendere di mira i giornalisti aumentano questi crimini. L’uccisione del giornalista fotografo Samer Abu Daqqa porta a più di 90 il numero dei giornalisti uccisi da Israele a Gaza dal 7 ottobre.


Scopri di più da NUOVA RESISTENZA antifa'

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.