0 10 minuti 4 mesi

A Palestinian perspective on the war in Gaza

La vendetta non è né una strategia né una tattica

Una prospettiva palestinese sulla guerra a Gaza

Informazione

Ospedale Al-Ahli a Gaza, 18 ottobre 2023.
Ospedale Al-Ahli a Gaza, 18 ottobre 2023.Foto: Mohammed Zaanoun/ActiveStills

Dal 7 ottobre 2023, la vita è stata molto diversa: il violento attacco di Hamas contro Israele ha mostrato un nuovo livello di resistenza che inizialmente ha messo in imbarazzo e poi ha angosciato non solo Israele, ma anche l’Autorità Palestinese (AP) a Ramallah.

Najat Abdulhaq è uno studioso e giornalista tedesco-palestinese. Attualmente insegna all’Università Bir Zeit.

La violenza perpetrata da Hamas nel suo attacco e il costo di circa 1.400 vite israeliane, la cattura di un numero a tre cifre di ostaggi (compresi sia soldati che civili) e l’incapacità dei sistemi di sicurezza ad alta tecnologia israeliani di sventare un attacco da parte di I militanti di Gaza, che è stata sotto un blocco negli ultimi 17 anni, considerano tutti questa data come un importante punto di svolta. In risposta a questo attacco, Israele ha fatto ricorso al diritto all’autodifesa per giustificare il lancio di una guerra di massa contro Gaza. Gli innumerevoli attacchi aerei e le migliaia di bombe sganciate su Gaza dall’inizio della guerra hanno finora ucciso 7.028 palestinesi (al 26 ottobre 2023), due terzi dei quali erano donne e bambini. Questi attacchi hanno anche distrutto completamente 16.441 case (il 45% di tutte le case), un livello di distruzione senza precedenti a Gaza. Nonostante questo sia solo un bilancio anticipato di questi eventi e delle loro conseguenze, una cosa è certa: per molti aspetti, il 7 ottobre 2023 rappresenta un momento di svolta per questa stretta striscia di terra dove palestinesi e israeliani sono stati più o meno costretti a convivere o tra loro dal 1948.

Per i palestinesi questa è una guerra di annientamento con chiare tendenze genocide . Si tratta a dir poco di un’altra pulizia etnica che evoca le esperienze collettive e i ricordi della Nakba, lo sfollamento di massa dei palestinesi nel 1948. Oltre a ciò, i palestinesi si trovano in una situazione in cui i politici internazionali e la cosiddetta comunità internazionale ignorare o sopprimere il contesto che ha portato al violento attacco di Hamas ed esprimere invece solidarietà incondizionata alla potenza occupante e alle vittime israeliane. Dal 2007, l’Europa e l’Occidente hanno tollerato l’assedio dei civili a Gaza. Il 10 ottobre è entrato in vigore il divieto di importazione di cibo e carburante a Gaza e, in alcuni casi, tutte le comunicazioni e le connessioni Internet sono state addirittura interrotte. L’intera Striscia di Gaza è buia e silenziosa, si sente solo il fragore delle bombe.

La vastità dell’omicidio ha creato una sorta di paralisi nella vita di tutti i giorni.

Allo stesso tempo, c’è stata un’ondata di antipatia e persino di disumanizzazione nei confronti dei palestinesi, che ha creato un contesto in cui è consentito uccidere civili indifesi. Tutto ciò accade nonostante il fatto che i civili debbano essere protetti dal diritto internazionale umanitario. Le dichiarazioni politiche dei paesi europei, dell’UE e degli Stati Uniti invocano una prospettiva unilaterale del diritto internazionale, secondo la quale a Israele viene concesso il diritto di difendersi. L’obbligo di proteggere i civili viene completamente ignorato.

In mezzo a tutto questo, i palestinesi sono rimasti uniti, indipendentemente dalla loro situazione geografica e sociale. Tutti seguono le notizie in televisione o sui social media. Non dormono la notte e sperano che restare svegli e stare al passo con ciò che sta accadendo possa alleviare la sofferenza dei loro concittadini di Gaza. Vorrebbero che la situazione fosse tale da poter digerire l’orrore a piccole dosi piuttosto che svegliarsi ogni mattina con un nuovo shock. Tutti chiedono un cessate il fuoco, lo spegnimento della macchina da guerra e un accordo per la liberazione degli ostaggi.

A livello ufficiale, dopo un silenzio relativamente lungo da parte del presidente palestinese Mahmoud Abbas e di altri funzionari dell’Autorità palestinese, Abbas ha condannato la violenza contro i civili durante una visita in Giordania il 12 ottobre. “Respingiamo le pratiche di uccidere civili o di maltrattarli da entrambe le parti perché contravvengono alla morale, alla religione e al diritto internazionale”, ha affermato Abbas. Tuttavia, Abbas non ha offerto alternative o soluzioni a parte le dichiarazioni meschine e ha adottato il ruolo di spettatore invece di agire.

La vastità dell’omicidio ha creato una sorta di paralisi nella vita di tutti i giorni. Questa paralisi consiste nell’impotenza unita alla rabbia verso i governi del mondo “civilizzato”, che tollerano questo omicidio senza battere ciglio. Nonostante tutto, i palestinesi in diverse parti del mondo stanno cercando di andare avanti con la loro vita quotidiana pur rimanendo coscienziosi sia della solidarietà che dell’oppressione. Da un lato, c’è un vivace movimento di solidarietà che è emerso in tutto il mondo e ha mobilitato migliaia di persone per scendere nelle strade delle capitali. Molti ebrei sono coinvolti in questo movimento. D’altro canto, la soppressione della prospettiva palestinese è diffusa, nella misura in cui la libertà di espressione dei palestinesi viene censurata , sia nelle strade di Berlino che sui social media. Cittadini palestinesi di Israele vengono arrestati in Israele per la loro attività sui social media.

Le reazioni dell’esercito israeliano hanno raggiunto nuovi livelli anche in Cisgiordania, con l’aviazione schierata contro una roccaforte palestinese nel campo profughi di Jenin per la prima volta dalla seconda intifada del 2002. Dall’inizio della guerra, 102 persone hanno perso la vita in Cisgiordania a causa degli attacchi dei militari o dei coloni. L’apparato di polizia e di sicurezza dell’Autorità Palestinese, che simbolicamente e di fatto ha perso il potere dopo il 7 ottobre, ha aggiunto un ulteriore livello di oppressione alla situazione, soprattutto dopo aver usato gas lacrimogeni per attaccare le manifestazioni di solidarietà a Gaza che hanno avuto luogo in diverse città dell’Occidente . Banca, lasciando un morto e molti feriti.

La cosa principale che preoccupa le persone ora è il fatto che la vendetta non è né una strategia né una tattica, e questo vale per i palestinesi, gli israeliani, così come per la comunità internazionale e i sostenitori finanziari. Negli ultimi vent’anni la comunità internazionale ha fallito nel suo ruolo di mediatore e “custode” del processo di pace. Hanno fallito chiudendo un occhio sulle pratiche antidemocratiche dell’Autorità Palestinese, compreso l’annullamento delle elezioni nella primavera del 2021, apparentemente perché si sospettava che il partito del presidente palestinese non avrebbe vinto in un’elezione democratica. Hanno fallito quando sono rimasti a guardare l’espansione degli insediamenti illegali e l’assedio di Gaza. In questa guerra, la comunità internazionale ha tradito i propri principi di uguaglianza, libertà e giustizia.

La popolazione israeliana non troverà la pace finché i diritti dei palestinesi non saranno riconosciuti e rispettati in modo onesto e reale.

Ogni giorno che passa che la guerra a Gaza si trascina, l’Autorità Palestinese perde sempre più fiducia da parte della sua stessa popolazione, il che potrebbe potenzialmente creare nuovi problemi in Cisgiordania. Gli scenari per porre fine alla guerra da parte israeliana sono ancora del tutto poco chiari e insostenibili in termini di sicurezza, per non parlare di democrazia. Prendiamo la seguente dichiarazione del Ministro della Difesa israeliano Yoav Gallant , che sostiene che l’obiettivo è “la rimozione della responsabilità di Israele per la vita nella Striscia di Gaza e la creazione di una nuova realtà di sicurezza per i cittadini di Israele” e “per la regione”. L’annunciato congelamento dei finanziamenti alla società civile palestinese la indebolirà gravemente e, a sua volta, rafforzerà l’antidemocratica Autorità Palestinese.

La popolazione israeliana non troverà la pace finché i diritti dei palestinesi non saranno riconosciuti e rispettati in modo onesto e reale. Dal 1948 la storia ha ripetutamente dimostrato che possono sempre emergere nuovi gruppi pronti a impegnarsi nella lotta, poiché i giovani non hanno davvero nulla da perdere. La decisione di risolvere il conflitto con operazioni militari nonché il rifiuto dei negoziati per la liberazione degli ostaggi hanno portato israeliani, palestinesi e la comunità internazionale in un vicolo cieco, dove non è ancora chiaro quali alternative siano disponibili oltre opzione della guerra. In un recente articolo, Arie M. Dubnov, storico e professore di Studi Israeliani alla George Washington University di Washington, DC, ha chiesto negoziati . Non posso che essere d’accordo.

Tradotto da Hunter Bolin per Gegensatz Translation Collective.

Sorgente: Revenge Is neither a Strategy nor a Tactic – Rosa-Luxemburg-Stiftung