0 3 minuti 4 mesi

LONDRA: I migranti turchi, egiziani e curdi provenienti dall’Iraq che arrivano illegalmente nel Regno Unito potrebbero essere immediatamente deportati nei loro paesi d’origine poiché il governo considera di espandere la sua lista di paesi “sicuri”, ha riferito domenica il Telegraph.

Queste nazionalità rappresentano una parte significativa dei quasi 4.000 migranti arrivati ​​entro la fine di agosto. Il governo ritiene che l’aggiunta di questi paesi all’elenco dei paesi sicuri esistente, che comprende UE, Svizzera e Albania, semplificherebbe il processo di rifiuto delle richieste di asilo e accelererebbe il rimpatrio.

La decisione arriva prima della sentenza della Corte Suprema della prossima settimana sulla legalità del programma di deportazione del governo in Ruanda, che è stato ritardato dopo essere stato bloccato dalla Corte europea dei diritti dell’uomo nel 2022.

Se ritenute legali, le deportazioni in Ruanda potrebbero iniziare a gennaio, ma se ritenute illegali, potrebbero esserci richieste affinché il Regno Unito lasci la CEDU.

Negli otto mesi fino alla fine di agosto, la Turchia ha registrato 2.121 migranti nella Manica, l’Egitto 679 e l’Iraq 1.774. Secondo quanto riferito, la Turchia e l’Egitto sarebbero attivamente presi in considerazione per l’inclusione nella lista sicura, ha riferito il Telegraph.

Tuttavia, la designazione dell’Iraq come paese sicuro è complicata dalla continua violenza settaria, che colpisce in particolare il numero significativo di richiedenti asilo iracheni curdi. Il ministro dell’Immigrazione Robert Jenrick ha discusso la questione la settimana scorsa in un incontro con il ministro degli Esteri del governo regionale curdo, ha riferito il Telegraph.

L’ampliamento dell’elenco dei migranti sicuri faciliterebbe le deportazioni direttamente nei paesi di origine dei migranti, riducendo potenzialmente la necessità di ricollocare i migranti in Ruanda. Tuttavia, Enver Solomon, amministratore delegato del Refugee Council, ha dichiarato al Telegraph che il governo “dovrebbe concentrarsi sulla gestione di un sistema di asilo ordinato, umano ed equo, trattando le persone con umanità e dignità, nonché sull’espansione di rotte sicure verso il Regno Unito. “

Sorgente: Turkish, Egyptian and Kurdish migrants in UK could be deported to their home countries