0 6 minuti 4 mesi

di Chris Hedges*- Scheerpost Ho seguito la nascita del fascismo ebraico in Israele. Ho raccontato dell’estremista Meir Kahane, a cui fu impedito di candidarsi e il cui partito Kach fu messo fuori legge nel 1994 e dichiarato organizzazione terroristica da Israele e dagli Stati Uniti. Ho assistito ai comizi politici di Benjamin Netanyahu, che riceveva lauti finanziamenti dagli americani di destra, quando si candidò contro Yitzhak Rabin, che stava negoziando un accordo di pace con i palestinesi. I sostenitori di Netanyahu cantavano “Morte a Rabin”. Hanno bruciato un’effigie di Rabin vestito con un’uniforme nazista. Netanyahu ha marciato davanti a un finto funerale di Rabin.Il primo ministro Rabin fu assassinato il 4 novembre 1995 da un fanatico ebreo. La vedova di Rabin, Lehea, ha incolpato Netanyahu e i suoi sostenitori per l’omicidio del marito.Netanyahu, che è diventato primo ministro nel 1996, ha trascorso la sua carriera politica educando estremisti ebrei, tra cui Avigdor Lieberman, Gideon Sa’ar, Naftali Bennett e Ayelet Shaked. Suo padre, Benzion – che lavorò come assistente del pioniere sionista Vladimir Jabotinsky, che Benito Mussolini definì “un buon fascista” – era un leader del partito Herut che chiedeva allo Stato ebraico di impadronirsi di tutta la terra della Palestina storica. Molti di coloro che costituivano il Partito Herut compirono attacchi terroristici durante la guerra del 1948 che istituì lo Stato di Israele. Albert Einstein, Hannah Arendt, Sidney Hook e altri intellettuali ebrei descrissero il Partito Herut in una dichiarazione pubblicata dal New York Times come un “partito politico molto simile per organizzazione, metodi, filosofia politica e attrattiva sociale ai partiti nazista e fascista”.All’interno del progetto sionista è sempre esistito un ceppo di fascismo ebraico. Ora ha preso il controllo dello Stato israeliano.”La sinistra non è più in grado di superare l’ultranazionalismo tossico che si è sviluppato qui”, ha avvertito nel 2018 Zeev Sternhell, sopravvissuto all’Olocausto e massima autorità israeliana in materia di fascismo, “il tipo di fascismo il cui ceppo europeo ha quasi spazzato via la maggioranza del popolo ebraico”. Sternhell aggiunse: “Non vediamo solo un fascismo israeliano in crescita, ma un razzismo simile al nazismo nelle sue fasi iniziali”.La decisione di cancellare Gaza è stata a lungo il sogno dei cripto-fascisti israeliani, eredi del movimento di Kahane. Questi estremisti ebrei, che compongono il governo di coalizione al potere, stanno orchestrando il genocidio a Gaza, dove centinaia di palestinesi muoiono ogni giorno. Essi sostengono l’iconografia e il linguaggio del loro fascismo nazionale. L’identità ebraica e il nazionalismo ebraico sono la versione sionista del sangue e del suolo. La supremazia ebraica è santificata da Dio, così come il massacro dei palestinesi, che Netanyahu ha paragonato ai biblici Ammoniti, massacrati dagli israeliti. I nemici – di solito musulmani – destinati all’estinzione sono subumani che incarnano il male. La violenza e la minaccia di violenza sono le uniche forme di comunicazione che coloro che sono al di fuori del cerchio magico del nazionalismo ebraico comprendono. Milioni di musulmani e cristiani, compresi quelli con cittadinanza israeliana, devono essere epurati.Un documento di 10 pagine trapelato dal Ministero dell’Intelligence israeliano, datato 13 ottobre 2023, raccomanda il trasferimento forzato e permanente dei 2,3 milioni di residenti palestinesi della Striscia di Gaza nella penisola del Sinai in Egitto.È un grave errore non prendere sul serio gli appelli sanguinari allo sradicamento e alla pulizia etnica dei palestinesi. Questa retorica non è iperbolica. È una prescrizione letterale. Netanyahu in un tweet, poi rimosso, ha descritto la battaglia con Hamas come una “lotta tra i figli della luce e i figli delle tenebre, tra l’umanità e la legge della giungla”.Questi fanatici ebrei hanno iniziato la loro versione della soluzione finale al problema palestinese. Hanno sganciato 12.000 tonnellate di esplosivo su Gaza nelle prime due settimane di assalto per cancellare almeno il 45% delle unità abitative di Gaza, secondo l’ufficio umanitario delle Nazioni Unite. Non hanno intenzione di essere dissuasi, nemmeno da Washington.”È diventato evidente ai funzionari statunitensi che i leader israeliani ritenevano che le vittime civili di massa fossero un prezzo accettabile nella campagna militare”, ha riferito il New York Times.”In conversazioni private con le controparti americane, i funzionari israeliani hanno fatto riferimento al modo in cui gli Stati Uniti e le altre potenze alleate hanno fatto ricorso a bombardamenti devastanti in Germania e Giappone durante la Seconda guerra mondiale – compreso il lancio delle due testate atomiche a Hiroshima e Nagasaki – per cercare di sconfiggere quei Paesi”, ha proseguito il giornale.L’obiettivo è un Israele “puro”, ripulito dalle contaminazioni palestinesi. Gaza deve diventare una terra desol

Sorgente: Chris Hedges – La soluzione finale di Israele per i palestinesi – OP-ED – L’Antidiplomatico