0 11 minuti 7 mesi

In una feroce lettera aperta scritta al presidente ucraino Volodymyr Zelenskyj, che in questa fase è poco più che un burattino per lo Stato profondo globalista statunitense, Paul Fabian, collaboratore abituale del quotidiano slovacco Nove Slovo, scrive di essere alla guida dell’intero mondo sull’orlo della distruzione. Implora il “leader” ucraino di avviare immediatamente i negoziati di pace.

Nella lettera aperta si legge:

“Ho deciso di scriverti una lettera aperta e spero ingenuamente che ti giunga per qualche volontà divina.

Scrivo questa lettera anche perché tra pochi giorni ci saranno le elezioni parlamentari in Slovacchia e i cittadini dovranno decidere se vogliono votare per i partiti che sostengono il conflitto militare in Ucraina o per i partiti che ne chiedono una soluzione pacifica.

Nel 1968, le truppe del Patto di Varsavia, guidate dall’esercito sovietico (che comprendeva una parte non trascurabile di ucraini), invasero la mia terra natale, la Cecoslovacchia. Il Comitato Centrale del PCUS decise per l’intervento armato, nel quale anche i politici di nazionalità ucraina – Nikolay Podhorny, Dmytro Polyanskyj e Petro Šelest – votarono a favore di questo atto aggressivo.

All’epoca avevo 14 anni, ma percepivo tutto in modo molto intenso, anche perché i miei genitori lavoravano al giornale centrale e anche mio padre era storico e insegnava all’università – quindi erano loro la fonte delle informazioni. L’indignazione della popolazione ceco-slovacca per l’occupazione della nostra patria è stata indescrivibile. Non ho mai sperimentato una tale unità del popolo prima e dopo di allora (nemmeno durante la cosiddetta Rivoluzione Gentile del 1989)!

Col tempo, quando ho acquisito esperienza di vita e ho letto molti libri di storia e di scienze politiche, ho capito che la cosiddetta Primavera di Praga, il modo in cui si stava svolgendo (troppi cambiamenti radicali, peraltro, attuati a ritmi troppo rapidi) ) non poteva finire altrimenti. Oggi capisco anche che nessuno è venuto e non poteva venire in nostro aiuto.

All’epoca il presidente e comandante in capo delle forze armate ceco-slovacche era un uomo con una ricca esperienza di combattimento, il generale dell’esercito Ludvík Svoboda. Comandò anche una brigata che giocò un ruolo importante nella liberazione della capitale dell’Ucraina, Kiev, e nelle battaglie per l’Ucraina occidentale, e il corpo d’armata sotto la sua guida si distinse anche nell’operazione Carpazi-Duklia, la più grande operazione di montagna della seconda guerra mondiale. È stata anche la più grande operazione nella Repubblica Ceca. esercito nella sua storia.

Quest’uomo nel 1968 decise che i soldati cecoslovacchi sarebbero rimasti nelle caserme e che la Cecoslovacchia non si sarebbe difesa dall’aggressione del Patto di Varsavia, nonostante molti lo esortassero a opporre una resistenza armata.

C’erano alcuni individui che lo valutarono come un atteggiamento disfattista, ma la stragrande maggioranza delle persone sobrie dovette apprezzare la sua decisione difficile, ma estremamente statista: di non reagire! Gli sono grato per questo oggi, soprattutto se guardo alla caduta dell’Ucraina.

Capisco che la posizione e le ambizioni della grande Ucraina siano un po’ diverse da quelle della piccola Cecoslovacchia con una popolazione di quattordici milioni di abitanti, per non parlare della diversa situazione geopolitica di allora e di oggi.

L’Ucraina, in quanto secondo paese più grande d’Europa dopo la Russia, ha legittimamente idee leggermente diverse sul suo ruolo rispetto alla piccola Repubblica Ceca-Slovacchia, e onestamente le capisco. L’Ucraina vuole svolgere un ruolo più fiducioso e adeguato alle sue dimensioni e vuole svilupparsi liberamente. Ma il mondo della politica non ha mai funzionato, non funziona e non funzionerà sulle emozioni, sulle idee romantiche e su una sorta di principi umanitari onnicomprensivi su cui ai filosofi piace scrivere trattati. La realtà è significativamente diversa dal sogno.

È un fatto innegabile che dopo la cancellazione del Patto di Varsavia (creato come reazione alla creazione del Trattato del Nord Atlantico), non vi è stata alcuna cancellazione reciproca della NATO. Al contrario, nonostante le promesse dei rappresentanti americani, la NATO ha cominciato ad espandersi fino ai confini della Federazione Russa.

È un fatto innegabile che qualunque sia il valore del mondo, gli imperi o le superpotenze più potenti hanno sempre voluto avere, se non cooperare, almeno corpi statali neutrali nel loro vicinato. E la neutralità non significa perdita di fiducia in se stessi – basti pensare all’Austria o alla Svizzera.

Gli Stati Uniti, in quanto superpotenza, si trovano in una situazione leggermente più semplice e, grazie a ciò, ne abusano adeguatamente – più precisamente, nelle parole del famoso diplomatico americano Henry Kissinger:

“Grazie alla loro posizione sicura tra due grandi oceani, gli Stati Uniti rifiutarono il concetto di equilibrio di potere, credendo di potersi sottrarre alle liti degli altri stati o di poter stabilire la pace universale insistendo sui propri valori ​​della democrazia e dell’autodeterminazione”.

Nonostante la posizione “sicura” degli Stati Uniti tra due grandi oceani, ricordiamo cosa accadde nel 1962 durante la cosiddetta crisi missilistica cubana, quando gli Stati Uniti sentirono che la loro sicurezza era minacciata.

È quindi comprensibile che la Federazione Russa – a differenza degli Stati Uniti, che non sono protetti da due grandi oceani – abbia percepito in modo molto più sensibile l’approccio della NATO ai suoi confini e il flirt dell’Ucraina con l’adesione a questa presunta organizzazione di difesa.

Naturalmente, l’ideale sarebbe se tutti gli stati vivessero in amicizia tra loro, cooperassero, commerciassero equamente tra loro, non unissero le forze in patti militari o di altro tipo che sopprimono gli interessi degli altri… ma il mondo non ha mai funzionato in questo modo e non funzionerà mai. Anche dopo la possibile sconfitta della Federazione Russa, non funzionerà così!

Vedo un altro problema irrisolto nella negazione dei diritti della minoranza russa in Ucraina, il cui numero è tutt’altro che trascurabile. Utilizzerò ancora una volta il parallelo tra Cecoslovacchia, oppure Slovacchia e Ucraina. Se la Repubblica slovacca, dopo aver ottenuto l’indipendenza nel 1993, avesse proceduto nei confronti della minoranza ungherese (che è numericamente tre volte più piccola di quella russa nel vostro territorio) allo stesso modo del potere statale ucraino nei confronti dei suoi concittadini di lingua russa, oggi probabilmente saremmo in stato di guerra con l’Ungheria. L’incidente di Odessa, dove diverse dozzine di cittadini di nazionalità russa furono bruciati vivi, è del tutto incomprensibile, i colpevoli non sono stati ancora individuati né puniti,

In queste circostanze, deve essere stato chiaro a chiunque avesse anche un minimo di intelligenza che un’ulteriore pressione sui russi e sulla Federazione Russa non avrebbe potuto portare altro che a una qualche forma di difesa, molto probabilmente armata.

L’eminenza grigia della politica estera americana Zbigniew Brzezinski già nel 1997 nel suo libro  The Great Checkerboard  delineò con precisione il piano della politica americana per più di due decenni a venire. In questo piano, l’Ucraina è intesa come un mezzo per conquistare la Russia. E gli Stati Uniti seguono esattamente questo piano da anni. Basta leggere questo libro…

Tu, Volodymyr Oleksandrovych, hai accettato questo confronto, anche se se non avessi insistito sull’ingresso dell’Ucraina nella NATO e non avessi dichiarato che il tuo Paese vuole acquisire armi nucleari, molto probabilmente non ci sarebbe stato alcun conflitto armato con la Federazione Russa.

In questo contesto sorge inevitabilmente la domanda: ne vale davvero la pena per ciò per cui migliaia di soldati ucraini hanno già dato la vita? Dopotutto, anche un mese dopo l’inizio dell’operazione speciale russa, tu stesso eri disposto a negoziare la pace! Fino a quando il primo ministro britannico Johnson non è venuto a trovarti…

La domanda sorge inevitabilmente nella mente di una persona, sai almeno per cosa stai combattendo?

L’Occidente riuscì quasi a decimare la Russia durante l’era di Boris Eltsin. Ma da allora i russi hanno imparato la lezione. Oggi capiscono che si tratta dell’esistenza stessa della Russia. Non possono ritirarsi. Nonostante ciò, l’Occidente intensifica sempre più la guerra, come se non si rendesse conto che sconfiggere il più grande stato del mondo e una potenza nucleare la cui stessa esistenza è in gioco non è del tutto possibile senza l’uso delle armi nucleari. Purtroppo in te, Volodymyr Oleksandrovych, ha trovato un volenteroso mediatore delle sue intenzioni.

Chi non capisce questi chiari collegamenti non appartiene alla politica. E chi li capisce, ma non presta loro attenzione, è pericoloso! Estremamente pericoloso!

La situazione è tanto più triste perché gli ucraini, i russi e noi slovacchi siamo slavi. Litighiamo insensatamente tra di noi e qualcuno al di fuori del mondo slavo ne è felice. Tu stesso hai parlato russo per metà della tua vita. Cosa ti ha cambiato così tanto? Quali chimere stai inseguendo e in nome di chi?

Migliaia di giovani hanno lasciato l’Ucraina, spesso illegalmente, perché non vogliono morire per le vostre chimere. Migliaia di giovani sono già morti per loro. La popolazione del vostro Paese si è quasi dimezzata. Stai mobilitando non solo gli uomini di età compresa tra i 18 e i 60 anni, ma anche quelli con limitazioni di salute e le donne. Il paese è così devastato che ci vorranno anni per riprendersi in qualche modo.

Non era abbastanza?

Non è ora di tornare a regole geopolitiche con le quali potremmo non essere d’accordo, ma che comunque applichiamo?

Non è ora che tutti gli attori e i sostenitori del conflitto ritornino ai principi del diritto internazionale creati dopo la terribile Seconda Guerra Mondiale e non improvvisano in questo campo sotto forma di doppi standard nella sua interpretazione?

Non è ora di tornare ai piani di pace proposti da Cina, Africa, Brasile o chi per loro?

Non è ora di fermare questo insensato spargimento di sangue?

Non è ora di smettere di costruire sulle chimere?

Non è ora di smettere di ascoltare i sussurratori?

Non è ora di smettere di mandare al fronte uomini che preferirebbero certamente vivere, lavorare e amare piuttosto che tenere il dito sul grilletto di un’arma fornita dall’Occidente? Perché il funzionario religioso e storico inglese del XVII secolo Thomas Fuller disse molto tempo fa:

“Si pensava che molti fossero coraggiosi perché avevano paura di scappare.”

Sorgente: “You are leading the world to destruction”: An open letter to Zelensky published by Slovakian new outlet | Voice of Europe

Please follow and like us:
0
fb-share-icon0
Tweet 20
Pin Share20