0 2 minuti 5 mesi

Il bilancio del governo talebano di Kabul dopo la serie di scosse di ieri, di cui due di 6.3., nell’Herat (ANSA)

E’ balzato ad oltre mille morti il bilancio, del tutto provvisorio, della serie di forti scosse di terremoto, di cui due di magnitudo 6.3, che ieri ha colpito la provincia occidentale di Herat, in Afghanistan.

Lo fa sapere il governo talebano di Kabul. “Purtroppo le perdite sono molto elevate” e “il bilancio supera il migliaio di persone”, ha dichiarato all’Afp il portavoce governativo Bilal Karimi.

L’istituto geosismico americano (Usgs) ha segnalato un terremoto di magnitudo 6.2 nell’ovest dell’Afghanistan, a 55 km a nord-est di Zindah Jan. La scossa principale, scrive l’Usgs, che ha avuto l’epicentro a 40 chilometri dalla città di Herat, è stata seguito da una seconda di magnitudo 5.5.

L’Afghanistan occidentale, vicino ad Herat è stato sconvolto da una serie di scosse di terremoto ravvicinate molto forti che hanno toccato per due volte la magnitudo di 6.3: lo segnala l’istituto geosismico statunitense Usgs, che rileva una prima oscillazione di 6.3, seguita da altre quattro di 5.5, 4.7, di nuovo 6.3 e 5.9, il tutto a una quarantina di chilometri . Il primo sisma ha colpito alle ore 11.00 locali e una fonte giornalistica dell’Afp ha riferito della gente che è uscita dagli edifici e scesa in strada. A Herat una folla di gente riempie le strade. Si segnalano danni e paura ma non ci sono ancora notizie di vittime.

Guarda anche

Sorgente: Terremoto in Afghanistan, ‘governo, oltre 1.000 i morti’ – Notizie – Ansa.it