0 3 minuti 4 mesi

Lo hanno riferito fonti locali al quotidiano libanese “Al Mayadeen” ma non ci sarebbe ancora una conferma ufficiale

E’ stato innalzato il livello di allerta nelle basi statunitensi in Siria, dopo che questa mattina due razzi hanno colpito il campo petrolifero di Koniko, nel governatorato di Deir ez Zor, e tre droni sono stati lanciati contro la base di Al Tanf, vicino al confine con Giordania e Iraq. Lo hanno riferito fonti locali al quotidiano libanese “Al Mayadeen”, vicino al movimento sciita filo-iraniano Hezbollah.

La notizia non ha ancora avuto conferme ufficiali. Anche l’Osservatorio siriano per i diritti umani (Sohr), organizzazione non governativa con sede a Londra, ma con una fitta rete di contatti sul campo, ha riferito che Al Tanf sarebbe stata attaccata nella notte da tre droni, appartenenti alle milizie filo-iraniane, poche ore dopo la mobilitazione delle forze della Coalizione internazionale a guida Usa nella base. La Coalizione avrebbe abbattuto due droni, mentre un terzo avrebbe colpito la base, provocando danni materiali.

Ieri, Kataib Hezbollah, un gruppo paramilitare sciita iracheno che fa parte delle Unità di mobilitazione popolari (Pmu), sostenute dall’Iran, ha rivendicato due attacchi contro le basi degli Stati Uniti in Iraq. “Da oggi è iniziata l’operazione di resistenza irachena contro gli americani con l’attacco alle loro basi militari. Gli americani sono i principali partner nell’uccisione della popolazione di Gaza e devono pagare per questo. La resistenza ha sferrato oggi i primi colpi e l’operazione proseguirà in crescendo”, ha riferito un portavoce militare di Kataib Hezbollah via Telegram.

Il Comando centrale degli Stati Uniti (Centcom) ha confermato che le forze militari statunitensi in Iraq sono state prese di mira ieri da due distinti attacchi con due droni contro la base aerea di Al Asad (nel governatorato occidentale dell’Anbar) e con un drone contro la base aerea di Al Harir (nel governatorato di Erbil, nella regione autonoma del Kurdistan iracheno). Gli attacchi avrebbero causato solo “feriti di lievi entità” nella base di Al Asad. “Siamo in uno stato di massima prontezza, monitoriamo da vicino la situazione in Iraq e nella regione. Vogliamo ribadire che le forze statunitensi si difenderanno da qualsiasi minaccia”, ha aggiunto il Centcom.

Sorgente: Medio Oriente: attacco con droni contro la base Usa di Al Tanf in Siria