0 9 minuti 9 mesi

La copertura mediatica occidentale dei terribili eventi accaduti a Gaza nelle ultime tre settimane è dovuta in gran parte all’onerosa necessità di distogliere l’attenzione dallo scandalo e dalla debacle della guerra per procura della NATO in Ucraina.
L’orrenda violenza e la sofferenza di Gaza hanno dominato il ciclo delle notizie globali. Ciò non è inopportuno data la terribile portata del disastro in cui oltre 7.000 persone, soprattutto civili e quasi la metà dei quali bambini, sono state uccise nelle ultime tre settimane dai bombardamenti e dall’assedio israeliani.

I numeri del bilancio delle vittime diventano obsoleti nel giro di un giorno, tale è la sfrenata distruzione omicida da parte del regime israeliano. Eppure Joe Biden e altri politici occidentali minimizzano questa criminalità cercando di mettere in dubbio il numero delle vittime. Questo atteggiamento dimostra quanto è assolutamente spregevole Biden e i suoi complici occidentali in questo genocidio.

Ma il fenomeno che è degno di nota è anche la brusca cancellazione dell’Ucraina come storia da parte dei media occidentali. La retrocessione totale dell’interesse per l’Ucraina è davvero sorprendente. Il precipitoso calo della copertura mediatica occidentale riflette come la guerra per procura in Ucraina sia sempre stata un’agenda geopolitica artificiosa, priva di qualsiasi presunto principio di democrazia occidentale.

Per quasi 19 mesi le ostilità in Ucraina sono state pubblicizzate su tutti i media occidentali. Il conflitto è stato descritto come il più grande in Europa dalla fine della Seconda Guerra Mondiale. I governi e i media occidentali hanno condannato duramente la Russia per la presunta aggressione nei confronti dell’Ucraina ed è stato proclamato istericamente che l’intera Europa sarebbe minacciata da una presunta invasione russa se l’Ucraina non fosse stata difesa.

La violenza in Ucraina è stata dipinta come una manifestazione sanguinosa della “grande narrazione” del presidente degli Stati Uniti Joe Biden su una lotta manichea globale tra “democrazia e autocrazia”. Al pubblico occidentale è stato insegnato che era di vitale importanza che centinaia di miliardi di dollari ed euro fossero spesi per sostenere l’Ucraina contro la presunta belligeranza russa perché questo conflitto era una linea nella sabbia per i presunti valori democratici e di civiltà occidentali.

Questa narrazione è sempre stata una parodia di proporzioni hollywoodiane. Come molte persone informate hanno giustamente notato (coloro che non fanno affidamento sulla propaganda dei media occidentali), il conflitto in Ucraina era ed è una guerra per procura contro la Russia ordinata dagli Stati Uniti e dal suo veicolo militare della NATO. La guerra è parte di una più ampia lotta geopolitica del blocco imperialista occidentale guidato dagli Stati Uniti contro Russia, Cina e altre nazioni di un mondo multipolare emergente che ripudia l’egemonia dominata dagli americani.

Purtroppo, la prova di tale analisi è data dall’oscena violenza genocida in Medio Oriente. Nelle ultime tre settimane, il regime israeliano, sostenuto dall’Occidente, ha massacrato impunemente i civili palestinesi. Gli Stati Uniti e l’Unione Europea hanno effettivamente appoggiato questa criminalità con la frode del “diritto all’autodifesa” di Israele, e i media occidentali hanno amplificato e rafforzato questa frode con i loro resoconti distorti.

Naturalmente, questa aggressione incredibilmente criminale ha dominato il ciclo delle notizie globali. Tutti i media nel mondo sono rimasti paralizzati dalla barbarie, anche se con prospettive diverse su quanta colpa attribuire al regime israeliano o al gruppo militante palestinese Hamas che ha innescato l’escalation di violenza con l’uccisione di massa di 1.400 israeliani nell’ottobre scorso. 7. (Sta diventando ormai chiaro che molte di queste morti sono state in realtà causate dall’uso indiscriminato ed eccessivo della forza letale da parte dell’esercito israeliano.)

In ogni caso, il punto qui è quanto sia notevole l’improvvisa cessazione della copertura mediatica occidentale della guerra in Ucraina. Nelle ultime tre settimane non si è quasi parlato di quel conflitto. Questa assenza perentoria è fenomenale. Per mesi, alla guerra in Ucraina è stata data una copertura ininterrotta e satura – anche se con un tocco di propaganda anti-russa – e poi, proprio così, c’è un vuoto in ogni attenzione a ciò che era stato precedentemente pubblicizzato come una crisi esistenziale per L’Europa e la civiltà democratica occidentale.

Prigionieri ucraini

Non è che le ostilità in Ucraina siano realmente diminuite. Lungi da ciò, la battaglia tra le forze del regime di Kiev, appoggiate dalla NATO, e l’esercito russo è stata feroce come nei mesi precedenti. Solo nella scorsa settimana, si stima che più di 2.000 soldati ucraini siano stati uccisi dalle forze russe in prima linea nelle regioni di Donetsk, Kherson e Zaporozhye.

Come si spiega questa assenza nei media occidentali? Parte della “cancellazione” del conflitto ucraino nella copertura mediatica occidentale è dovuta al fallimento della controffensiva sostenuta dalla NATO, lanciata all’inizio di giugno. Quell’impresa militare era stata pubblicizzata come la svolta attesa contro le forze russe dopo mesi di fornitura di armi pesanti da parte della NATO che precedettero la controffensiva. La mossa è stata un disastroso anti-climax in termini NATO. In quattro mesi sono morti fino a 90.000 soldati ucraini, aggiungendosi a un totale di 400.000 militari ucraini morti finora nell’intero conflitto. La grande ondata della NATO è stata una calamità abietta. Le linee di difesa russe lungo tutta la fascia dell’ex territorio dell’Ucraina orientale (ora parte della Federazione Russa) che arriva fino alla Crimea e al Mar Nero rimangono straordinariamente intatte e invulnerabili.

La spesa di 200 miliardi di dollari in aiuti militari e di altro tipo da parte degli Stati Uniti e dell’Unione Europea per sostenere un regime nazista corrotto a Kiev può ora essere vista come la più grande farsa e scandalo dei tempi moderni. I governi occidentali e i loro media servili non devono quindi lasciare che il pubblico occidentale veda questo grottesco spreco di denaro e di vite umane. L’attenzione del pubblico deve in qualche modo essere distolta per evitare le clamorose ripercussioni politiche.

Il massacro dei palestinesi in corso a Gaza e nei territori occupati della Cisgiordania è una vergogna globale che merita certamente un’attenzione prioritaria. Occorre dichiarare immediatamente un cessate il fuoco e porre fine agli omicidi di massa e all’assedio. I diritti dei palestinesi devono essere difesi e un’adeguata soluzione pacifica del conflitto deve essere perseguita con urgenza in un quadro giuridico e diplomatico realmente mediato – e non nel processo disonesto che Washington e l’Unione Europea hanno spacciato per decenni.

Tuttavia, anche l’ampia attenzione dei media occidentali sulla violenza a Gaza non è dettata da una genuina preoccupazione per i fatti, per non parlare della verità o della giustizia. Si tratta, come al solito, di una copertura per i crimini del regime israeliano e per la complicità degli stati occidentali nel genocidio decennale contro i palestinesi. Un genocidio che va avanti da 75 anni dalla creazione dello Stato israeliano nel 1948, ad opera di sotterfugi britannici e americani, come ha sostenuto questa settimana il nostro editorialista Finian Cunningham.

No, la copertura mediatica occidentale dei terribili eventi accaduti a Gaza nelle ultime tre settimane è dovuta in gran parte all’onerosa necessità di distogliere l’attenzione dallo scandalo e dalla debacle della guerra per procura della NATO in Ucraina.

La rapidità e l’opportunità di cancellare l’Ucraina come storia da parte dei media occidentali e dei loro governi ne è una potente dimostrazione. Le presunte preoccupazioni sull’Ucraina non riguardavano mai i principi o la presunta narrativa di difesa della democrazia. Se quella narrazione avesse una sostanza credibile, come è possibile eliminarla così facilmente? È qualcosa da vedere come i media occidentali abbiano semplicemente scaricato l’Ucraina come se fosse una merce danneggiata e ormai inutile o, peggio, uno straccio sporco.

Si tratta di un’ulteriore tragedia diabolica nella lunga sofferenza del popolo palestinese. Non solo vengono annientati, affamati e privati ​​dei loro diritti umani fondamentali dal regime israeliano sostenuto dall’occidente. La loro sofferenza è anche una prova lampante dell’insensibile inganno e della criminalità degli Stati Uniti e dei suoi partner occidentali in Ucraina.

Fonte: Strategic Culture

Traduzione: Luciano Lago

Sorgente: I media occidentali “cancellano” il conflitto in Ucraina mentre il genocidio palestinese espone le loro bugie e notizie false – controinformazione.info


Scopri di più da NUOVA RESISTENZA antifa'

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli inviati alla tua e-mail.