0 6 minuti 8 mesi

La Striscia di Gaza, che ospita 2,1 milioni di persone, è sottoposta a un blocco terrestre, marittimo e aereo imposto da Israele dal 2006.

(Foto) Palestinesi tengono bandiere durante una protesta presso la recinzione di confine con Israele a est di Khan Younis, nel sud della Striscia di Gaza, il 4 luglio 2023 (AFP)

Sabato i combattenti palestinesi della Striscia di Gaza assediata hanno lanciato un  assalto senza precedenti contro Israele, lanciando diversi razzi nel sud e nel centro di Israele, mentre altri hanno sfondato la barriera tra Gaza e Israele.

Combattenti palestinesi sono stati filmati mentre camminavano a piedi in aree come Sderot, mentre ci sono state anche segnalazioni di alcuni che usavano parapendii per entrare in Israele.  

Israele-Palestina- Aree infiltrate da combattenti palestinesi

Mohammad Deif, il leader dell’ala militare di Hamas, ha detto che l’assalto è stato lanciato in risposta alla continua aggressione di Israele alla  moschea Al-Aqsa di Gerusalemme .

“Ogni giorno, le forze di occupazione fanno irruzione nei nostri villaggi, paesi e città, lungo tutta la Cisgiordania”, ha detto Deif.

“Loro [le forze israeliane] assaltano costantemente le nostre donne, gli anziani, i bambini e [i] giovani; e impediscono alla nostra gente di pregare nella moschea di Al-Aqsa mentre permettono a gruppi di ebrei di profanare la moschea con incursioni quotidiane”, ha aggiunto.

Nell’ultima settimana, migliaia di coloni israeliani hanno effettuato visite provocatorie al complesso della moschea di Gerusalemme in seguito agli appelli di gruppi ebraici ultranazionalisti.

“Alla luce di questi continui crimini contro le nostre famiglie e il nostro popolo, e alla luce della distruzione dell’occupazione, e del suo disprezzo per le leggi e le risoluzioni internazionali, e alla luce del sostegno dell’America e dell’Occidente e del silenzio internazionale, abbiamo deciso di porre un basta con tutto questo”, ha detto Deif.


Segui la copertura in diretta di Middle East Eye per le ultime novità sulla guerra israelo-palestinese


La forza, la sofisticatezza e il tempismo dell’attacco hanno scioccato molti israeliani, con immagini di combattenti palestinesi che trasportavano soldati e civili israeliani catturati a Gaza in motocicletta e facevano sfilare per le strade quelli che sembravano essere veicoli militari israeliani catturati. 

Tuttavia, l’assalto ha anche minacciato di degenerare in un conflitto più grande.

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyhau ha promesso di infliggere un “prezzo senza precedenti” a Gaza, con il lancio di devastanti attacchi aerei da parte dell’esercito israeliano sulla Striscia assediata.

Ecco uno sguardo alla Striscia di Gaza e al suo posto nel conflitto.

Cos’è la Striscia di Gaza?

Gaza faceva parte della Palestina storica prima della creazione dello Stato di Israele nel 1948. 

Più di 750.000 palestinesi furono espulsi dalla Palestina storica in quella che è conosciuta come Al-Nakba , o La Catastrofe.

Più del 60% dei palestinesi di Gaza sono rifugiati , in seguito all’espulsione delle famiglie in altre parti della Palestina nel 1948.

Confinante con Israele ed Egitto sulla costa mediterranea, la Striscia di Gaza è un’area di circa 365 km quadrati e ospita 2,1 milioni di palestinesi, il che la rende una delle aree più densamente popolate del mondo.

Gaza fu conquistata dall’Egitto durante la guerra arabo-israeliana del 1948 e rimase sotto il controllo egiziano fino alla guerra arabo-israeliana del 1967, quando il territorio fu conquistato e occupato insieme alla Cisgiordania e a Gerusalemme est.

Nel 2005, Israele si ritirò presumibilmente da Gaza e trasferì circa 8.000 coloni ebrei e soldati israeliani che vivevano in 21 insediamenti intorno a Gaza nella Cisgiordania occupata.

Ma nel 2007, in seguito alla vittoria elettorale del movimento Hamas a Gaza, Israele ha risposto imponendo un blocco aereo, terrestre e marittimo della Striscia di Gaza.

Secondo il diritto internazionale il blocco equivale ad un’occupazione della Striscia.

Invasioni israeliane di Gaza

Dal 2008, Israele ha lanciato quattro invasioni di Gaza, nel 2008, 2012, 2014 e 2021, che hanno provocato la morte di migliaia di palestinesi, per lo più civili e  molti bambini .

Le campagne hanno provocato la distruzione di case e uffici, danni alle condutture e alle infrastrutture di trattamento delle acque reflue, con ripercussioni sull’acqua potabile e un aumento delle malattie trasmesse dall’acqua. 

Nell’ultima grande operazione del 2021, almeno 260 palestinesi sono stati uccisi a Gaza mentre 13 persone sono state uccise in Israele.  

Prigione a cielo aperto

Il blocco di Israele ha sistematicamente escluso i palestinesi da servizi, ospedali, banche e altri servizi vitali, lasciando la popolazione a vivere in condizioni di vita difficili .

Il blocco ha anche provocato una perenne carenza di acqua pulita, elettricità e forniture mediche in quella che viene spesso definita la più grande prigione a cielo aperto del mondo. 

Circa il 97% dell’acqua potabile di Gaza è contaminata e i residenti sono costretti a convivere con continue interruzioni di corrente a causa di una rete elettrica che è stata pesantemente danneggiata dai ripetuti attacchi israeliani.

Nel frattempo, quasi il 60% dei palestinesi vive in povertà e la disoccupazione giovanile è al 63%.

Secondo  l’UNRWA, l’agenzia delle Nazioni Unite che si prende cura dei rifugiati palestinesi, anni di conflitto e blocco hanno lasciato l’80% della popolazione di Gaza dipendente dall’assistenza internazionale.

Sorgente: Gaza: tutto quello che c’è da sapere sull’enclave palestinese assediata | Occhio del Medio Oriente