0 5 minuti 8 mesi

Ahmed Abu Artema

COMUNICATO STAMPA DELL’ISM 

27 ottobre 

Il nostro amico, il poeta Ahmed Abu Artema, il cui post sui social media ha ispirato la Grande Marcia del Ritorno nel 2018, è stato preso di mira da un attacco aereo israeliano che ha bombardato la sua casa a Tel al Sultan, Rafah, Gaza, uccidendo cinque membri della sua famiglia.

Anche Ahmed è rimasto gravemente ferito nell’attacco del 24 ottobre, riportando ustioni di secondo grado. Ora è in condizioni stabili. Il figlio dodicenne di Ahmed, Abdullah, due dei suoi fratelli e la suocera sono stati uccisi. L’altro figlio e la sorella di Ahmed sono in condizioni critiche.

La sua casa è stata una delle tante prese di mira nonostante si trovasse nella regione meridionale della Striscia di Gaza, dove l’esercito israeliano aveva ordinato di recarsi alle persone provenienti dal nord per la loro “sicurezza”. Non esiste un posto sicuro a Gaza.

Commentando l’attacco alla famiglia di Ahmed, Neta Golan, cofondatrice di ISM e Return Solidarity, ha dichiarato: “Nelle settimane precedenti l’attacco, Ahmed aveva usato la sua voce per chiedere proteste globali per fermare il genocidio e i crimini criminali di Israele”. campagna di bombardamenti sulla Striscia di Gaza.

“Sono state le parole di Ahmed nel 2018 che hanno ispirato migliaia di abitanti di Gaza a marciare disarmati verso la recinzione che assedia il ghetto di Gaza, per rivendicare il loro diritto al ritorno nelle terre da cui erano stati espulsi. Le forze di occupazione israeliane hanno ucciso la famiglia di Ahmed perché Israele temeva il potere delle sue parole”.

Oltre a tagliare l’elettricità alla Striscia, le voci di dissenso vengono soffocate dalla brutale campagna di bombardamenti israeliana. Dal 7 ottobre, gli attacchi aerei israeliani hanno ucciso almeno 24 giornalisti palestinesi . Sono stati presi di mira anche i familiari dei giornalisti di Gaza. Il 25 ottobre, un attacco aereo israeliano ha ucciso la moglie, il figlio e la figlia del corrispondente di Al Jazeera Wael Al-Dahdouh.

Gli attacchi israeliani hanno massacrato 7.028 palestinesi, tra cui 2.913 bambini, a Gaza.

In una registrazione audio trasmessa all’ISM giorni prima dell’attacco alla sua casa di famiglia, Ahmed ha detto: “Questo non è iniziato il 7 ottobre. Sfortunatamente, il mondo è stato cieco di fronte alla sofferenza dei palestinesi per decenni. Solo quando Israele ha perso delle persone, il mondo esterno ha prestato attenzione.

“Ciò che sta accadendo ora a Gaza è esattamente la stessa cosa che Israele iniziò nel 1948. Il governo israeliano non prende di mira Hamas. Come tutti possono vedere in TV e su Internet, la stragrande maggioranza degli obiettivi a Gaza sono civili, quartieri, ospedali, chiese e moschee. E non è solo Gaza, in Cisgiordania c’è il piano Smotrich per sfollare i palestinesi. Ciò conferma come si tratti di una strategia israeliana di genocidio e di completamento della Nakba del 1948”.

Golan ha aggiunto: “Aiutateci a diffondere il messaggio di Ahmed e a porre fine al massacro israeliano a Gaza. Abbiamo bisogno che voi alziate la voce, in modo che i palestinesi e coloro che rischiano il genocidio non vengano messi a tacere”.

 

FINE

Note per i redattori:

L’International Solidarity Movement è un movimento di azione diretta non violento guidato dai palestinesi, fondato nel 2001. Maggiori informazioni sull’ISM qui .

Return Solidarity è un gruppo di israeliani antisionisti che lavorano in solidarietà con i palestinesi a sostegno della Grande Marcia del Ritorno. Scopri di più sulle loro azioni qui .

Un video di Ahmed Abu Artema che chiede alla comunità internazionale di porre fine ai bombardamenti israeliani su Gaza .

“L’uomo dietro la Grande Marcia del Ritorno di Gaza” – documentario di Al Jazeera .

“Gli abitanti di Gaza guidano una rivolta popolare contro Israele”, CNN .

Sorgente: Familiari dell’attivista di Gaza Ahmed Abu Artema uccisi in un attacco aereo israeliano – Movimento di Solidarietà Internazionale