0 6 minuti 9 mesi

Il vertice del G20 si conclude con “unità fondamentale in mezzo a crescenti divergenze”Il premier cinese Li chiede solidarietà e cooperazione; L’Unione Africana si unisce al gruppo

DiYang Sheng

Pubblicato: 10 settembre 2023 22:42 Aggiornato: 10 settembre 2023 23:24

Il vertice del G20 tenutosi sabato in India ha infine adottato una dichiarazione congiunta caratterizzata da una solidarietà di base e da una posizione neutrale sulla crisi ucraina, che ha causato crescenti divergenze tra i membri, mentre gli analisti cinesi affermano che il G20 è ancora un importante meccanismo multilaterale per la governance globale nonostante la gruppo che affronta maggiori pericoli di disfunzione a causa di complicate lotte tra le maggiori potenze.

I leader del G20 hanno riaffermato il loro impegno nei confronti della cooperazione economica internazionale e si sono impegnati a compiere passi concreti per favorire la crescita globale, ha riferito l’agenzia di stampa Xinhua. In una dichiarazione annunciata all’apertura del vertice annuale di due giorni, i leader del G20 hanno affermato che agiranno in modo concreto attraverso partenariati per accelerare una crescita forte, sostenibile, equilibrata e inclusiva.Il premier cinese Li Qiang ha affermato domenica, durante la terza sessione del 18° vertice del G20, che il mondo sta attraversando un periodo difficile di sviluppo complesso e instabile e che, con l’intensificarsi delle difficoltà, vi è una crescente necessità di rafforzare la fiducia e aumentare le aspettative per il futuro. , adottare una visione a lungo termine e rispondere attivamente alle difficoltà e alle sfide.I membri del G20 dovrebbero svolgere un ruolo esemplare, iniziare con questioni specifiche e sforzarsi di fare bene nel presente, ha affermato Li.

Sottolineando che la questione più urgente è lo sviluppo, Li ha sottolineato che i membri del G20 dovrebbero porre lo sviluppo al centro del coordinamento delle politiche macro.

Neutralità ed equità La dichiarazione congiunta di quest’anno non mostra alcuna critica chiara e condanna diretta contro alcun paese per la crisi ucraina, che è diversa da quella del 2022. “Per quanto riguarda la guerra in Ucraina, ricordando la discussione a Bali, abbiamo ribadito le nostre posizioni e risoluzioni nazionali adottata dal Consiglio di Sicurezza dell’ONU e dall’Assemblea Generale dell’ONU,” si legge nella dichiarazione, rilevando che “In linea con la Carta dell’ONU, tutti gli stati devono astenersi dalla minaccia o dall’uso della forza per perseguire l’acquisizione territoriale contro l’integrità territoriale e la sovranità o politica indipendenza di qualsiasi Stato. L’uso o la minaccia di uso di armi nucleari è inammissibile”.

La dichiarazione congiunta al vertice di Bali, Indonesia 2022 afferma: “La maggior parte dei membri ha condannato fermamente la guerra in Ucraina e ha sottolineato che sta causando immense sofferenze umane e esacerbando le fragilità esistenti nell’economia globale… Ci sono stati altri punti di vista e valutazioni diverse della situazione e sanzioni. Riconoscendo che il G20 non è il forum per risolvere i problemi di sicurezza, riconosciamo che le questioni di sicurezza possono avere conseguenze significative per l’economia globale.”Li Haidong, professore alla China Foreign Affairs University, ha dichiarato domenica al Global Times che la dichiarazione congiunta di quest’anno mostra un consenso molto elementare tra i membri, e dimostra anche che il potere dei paesi in via di sviluppo e delle economie non occidentali in questo contesto multilaterale Il meccanismo sta crescendo, poiché sono in grado di preservare la neutralità come posizione congiunta del G20, impedendo che il meccanismo venga completamente controllato e dirottato dalle narrazioni e dalle posizioni occidentali. La dichiarazione indonesiana conteneva le dure parole che l’Occidente voleva includere, ma i fatti dimostrano che queste parole non sono state affatto utili per la soluzione politica della crisi ucraina, a causa della loro politica irrealistica ed egoistica sulla crisi, gli sforzi di pace sono in difficoltà, e lo spargimento di sangue e il conflitto in Ucraina sono ancora lontani dall’essere finiti, dicono gli esperti.

Essere più rappresentativiSecondo la dichiarazione, i leader hanno affermato che avrebbero meglio integrato le prospettive dei paesi in via di sviluppo nella futura agenda del G20 e avrebbero rafforzato la voce dei paesi in via di sviluppo nel processo decisionale globale.Accogliendo l’Unione Africana (UA) come membro permanente del G20, il gruppo ha affermato di credere fermamente che l’inclusione dell’UA contribuirà in modo significativo ad affrontare le sfide globali. I leader hanno riaffermato il loro impegno a rafforzare i loro legami e il sostegno all’UA e hanno ribadito il loro forte sostegno all’Africa.Istituito nel 1999, il G20 è un forum centrale per la cooperazione internazionale su questioni finanziarie ed economiche. Comprende 19 paesi più l’

Sorgente: Il vertice del G20 si conclude con “un’unità fondamentale in mezzo alle crescenti divergenze” – Global Times