0 6 minuti 12 mesi

Martedì sera, i soldati israeliani hanno ferito molti palestinesi, tra cui quattro donne, durante le processioni in diverse parti del governatorato di Hebron, nella parte meridionale della Cisgiordania occupata.

Fonti dei media hanno detto che molti veicoli dell’esercito hanno invaso Beit Ummar prima che i soldati attaccassero una processione in solidarietà con Jenin soggetta a un’offensiva militare israeliana in corso e sparassero molti colpi veri di proiettili d’acciaio rivestiti di gomma e bombe a gas.

Le fonti hanno detto che i soldati hanno sparato a due giovani con proiettili veri, provocando ferite moderate, e hanno causato a dozzine di persone gli effetti dell’inalazione di gas lacrimogeni.

Anche un colonizzatore israeliano paramilitare ha sparato molti colpi veri contro i palestinesi e diverse case circostanti.

Nella città di Yatta, a sud di Hebron, una jeep militare israeliana ha speronato un’auto palestinese all’ingresso nord della città, ferendo quattro donne.

I medici palestinesi hanno cercato di raggiungere i feriti, ma i soldati hanno impedito loro di avvicinarsi alla zona e successivamente hanno trasferito le donne in un ospedale israeliano.

Inoltre, i soldati hanno chiuso il cancello di ferro all’ingresso di Beit Anoun, a nord-est di Hebron, provocando proteste prima che l’esercito sparasse molte bombe a gas, granate a concussione e proiettili d’acciaio rivestiti di gomma.

Martedì sera, i soldati israeliani hanno ucciso Jawad Mujahed N’eirat , 22 anni, a Jenin, nella parte settentrionale della Cisgiordania occupata, portando a 12 il numero dei palestinesi uccisi a Jenin in soli due giorni, oltre a più di 140 feriti .

Nelle notizie correlate, fonti israeliane hanno confermato che un soldato israeliano è stato ucciso martedì durante uno scontro a fuoco con combattenti della resistenza palestinese a Jenin. La morte del soldato è stata confermata all’inizio di mercoledì, ha detto il quotidiano israeliano Haaretz.

L’Unità del portavoce dell’esercito israeliano ha dichiarato in una dichiarazione che, martedì sera, il soldato è stato ucciso a colpi di arma da fuoco durante gli scontri a fuoco con i combattenti palestinesi a Jenin.

Il soldato è stato successivamente identificato come David Yehuda Yitzhak della colonia illegale di Beit El vicino a Ramallah, nella parte centrale della Cisgiordania occupata. 

Il soldato è stato portato in ospedale in condizioni critiche per cure mediche, ma è stato dichiarato morto.

Martedì all’alba, i soldati israeliani hanno ucciso Odai Ibrahim Khamaisa , 22 anni, nella città di Jenin, portando a dieci il numero dei palestinesi uccisi a Jenin nel secondo giorno dell’offensiva israeliana. Khamaisa era della città di Al-Yamoun, a ovest di Jenin.

Nelle notizie correlate, i soldati hanno sparato molte bombe a gas contro le famiglie palestinesi sfollate che si rifugiavano nei cortili dell’ospedale governativo Khalil Suleiman a Jenin, provocando molti feriti.

La Mezzaluna Rossa palestinese (PRCS) ha affermato che la situazione nel campo profughi di Jenin è molto grave, soprattutto perché l’esercito israeliano sta impedendo ai suoi ambienti di entrare e ha costantemente aperto il fuoco contro medici e ambulanze.

Lunedì notte, il ministero della Sanità palestinese ha confermato la morte di un adolescente palestinese, Mustafa Nidal Al-Qassem , 17 anni, a cui i soldati israeliani hanno sparato durante l’offensiva in corso su Jenin. L’adolescente ucciso è il decimo soldato israeliano ucciso lunedì; nove a Jenin e uno vicino a Ramallah.

Era il nono palestinese ucciso dai soldati a Jenin, dopo che l’esercito ne aveva uccisi otto lunedì scorso , oltre a ferirne più di 100, venti gravemente.

Il ministero della Sanità palestinese ha identificato gli otto palestinesi uccisi come Samih Firas Abu Al-Wafa, 21 anni, Aws Hani Hannoun, 19 anni, Husam Mohammad Abu Theeba, 18 anni, Noureddin Husam Marshoud, 16 anni, Mohammad Mohannad Shami, 23 anni, Ahmad Mohammad Al-Amer, 21, Ali Hani Al-Ghoul, 17, e Majdi Ar’arawi, 17.

Il portavoce militare israeliano ha detto che Israele ha ancora dieci obiettivi da raggiungere nella sua offensiva nel campo profughi di Jenin e ha detto che i soldati hanno rapito circa 120 giovani.

In una conferenza stampa, il portavoce ha detto che l’esercito ha stimato che ci siano 300 combattenti palestinesi a Jenin e ha aggiunto di avere un elenco di nomi di circa 160.

Centinaia di famiglie palestinesi sono state sfollate dalle loro case nel campo profughi e sono andate al vicino ospedale governativo di Jenin e alle moschee dopo che l’esercito ha ordinato loro di andarsene mentre continuava la sua offensiva.

I bulldozer e i missili dell’esercito israeliano hanno causato danni eccessivi a case ed edifici e strade spianate, oltre a distruggere automobili, bloccare l’accesso al campo profughi e attaccare ambulanze, medici e giornalisti.

Inoltre, i soldati hanno ucciso  Mohammad Emad Hassanein , 21 anni, all’ingresso della città di Al-Biereh, nella Cisgiordania centrale.

Sorgente: Israeli Soldiers Injure Many Palestinians, Including Four Women, In Hebron | – IMEMC News


Scopri di più da NUOVA RESISTENZA antifa'

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.