0 7 minuti 11 mesi

Cos’è esattamente l’ordine basato su regole, il termine più usato nella diplomazia statunitense? Non è mai stato definito con precisione, fino a quando un recente tweet di tendenza non ha svelato la sua vera natura mafiosa. 

Nury Vittachi, un veterano giornalista nato in Sri Lanka e residente a Hong Kong, lunedì ha messo giù 10 definizioni sull’ordine basato su regole, tra cui: Gli Stati Uniti governano il mondo; gli Stati Uniti stabiliscono tutte le regole; nessuno può sapere quali sono le regole, solo che esistono; gli Stati Uniti saranno responsabili della flessibilità fornita dalla natura inesistente delle regole; regole di governo alternative che funzionano con successo (cfr. Cina, Singapore) devono sempre essere derise come “autoritarismo”; l’ingiusto dominio globale da parte della minoranza occidentale del 13 per cento (cfr. totalitarismo) deve sempre essere definito “democrazia”.

Almeno due punti possono essere scavati nelle definizioni. In primo luogo, nessuno sa cosa sia l’ordine basato sulle regole e come sia formulato, a parte gli Stati Uniti. Washington ha deliberatamente evitato di offrire una spiegazione dettagliata, poiché regole vaghe offrono maggiore flessibilità agli Stati Uniti per interpretarle come meglio credono. In secondo luogo, le eccessive pratiche egemoniche egocentriche degli Stati Uniti hanno a lungo causato insoddisfazione tra molti paesi e individui in tutto il mondo. Questo malcontento diffuso è stato acceso da questo tweet, che ha guadagnato popolarità e commenti di supporto. 

Se si esaminano le principali decisioni che gli Stati Uniti hanno preso negli ultimi anni, si scoprirà che le definizioni di Vittachi corrispondono perfettamente. Un ultimo esempio è il caso delle bombe a grappolo. Nel febbraio 2022, l’allora addetta stampa della Casa Bianca Jen Psaki ha definito l’uso di bombe a grappolo un “crimine di guerra”. Un anno dopo, gli Stati Uniti hanno modificato le loro “regole” e hanno deciso di inviare queste bombe a grappolo in Ucraina. 

L’ordine basato sulle regole sopprime tutto ciò che sfida l’egemonia degli Stati Uniti, come l’ascesa della Cina. Di conseguenza, gli Stati Uniti ritengono che sia “giusto” imporre sanzioni unilaterali o controlli sulle esportazioni alla Cina. Ma quando la Cina ha introdotto la propria serie di regole sul controllo delle esportazioni di gallio e germanio, Karin Jean-Pierre, una portavoce della Casa Bianca, ha accusato la Cina di esercitare pressioni attraverso l’economia, sottolineando che non è fair play. 

Inoltre, nel contesto del contenimento della Cina, gli Stati Uniti hanno una regola: l’isola di Taiwan non deve essere riunificata dalla Cina continentale. Non importa se la questione di Taiwan riguardi la sovranità e l’integrità territoriale della Cina, se la Cina non accetta le regole degli Stati Uniti, significherebbe una violazione dell’ordine basato sulle regole, ha detto Shen Yi, professore alla Fudan University Tempi globali. 

Per gli Stati Uniti, l’ordine basato sulle regole deve anche servire i propri interessi. Ad esempio, quando il libero commercio ha beneficiato gli Stati Uniti, Washington si è opposta con veemenza a qualsiasi coinvolgimento del governo nei mercati di altri paesi. Ma quando il libero scambio non porta più vantaggi significativi per gli Stati Uniti, Washington non esita ad attuare misure come l’Inflation Reduction Act, che l’UE ritiene abbia svantaggiato i produttori con sede nell’UE, poiché sono costretti a competere in un mercato distorto con produttori statunitensi sovvenzionati.

Questo non è un ordine basato su regole, ma un ordine dittatoriale, un ordine internazionale mafioso. Dimostra solo che quando gli Stati Uniti si vantano di quanto siano democratici in patria, stanno perseguendo l’autoritarismo all’estero. 

Ad essere onesti, questo è anche peggio di un ordine mafioso, poiché un boss mafioso può in una certa misura seguire certe regole morali da gangster. Ma gli Stati Uniti non hanno più principi morali, ha detto Shen. Tutto ciò che ha è l’egoismo.  

Ancora più importante, gli Stati Uniti stanno esaurendo le forze per mantenere questo ordine egoistico. L’egemonia statunitense è piena di buchi, come una nave che fa acqua. Grazie alle guerre condotte direttamente dagli Stati Uniti o alle guerre per procura alimentate da essi, la superpotenza ha causato gravi vittime civili e danni alle proprietà in tutto il mondo, portando uno dopo l’altro a enormi disastri umanitari che, a loro volta, hanno messo a repentaglio la forza nazionale e la reputazione internazionale degli Stati Uniti. . Per non parlare dei segnali sullo sgretolamento dell’egemonia del dollaro USA che stanno ribollendo.

La comunità internazionale si sta rendendo conto di cosa sia realmente l’ordine basato sulle regole. Sempre più paesi emergenti cercano un mondo multipolare. Questo ha sicuramente sconvolto gli Stati Uniti. Washington sta facendo maggiori sforzi per spacciare i suoi valori e le sue ideologie per legare i suoi alleati occidentali dalla sua parte. Tuttavia, come ha affermato l’ex diplomatico di Singapore Kishore Mahbubani, anche i fedeli alleati di Washington “potrebbero pianificare segretamente scenari alternativi” per il declino degli Stati Uniti. 

Più sono forti gli Stati Uniti sull’ordine basato sulle regole, più dimostrano che gli Stati Uniti non sono in grado di mantenerlo. Altrimenti, non c’è bisogno di parlarne tutto il giorno in un modo di così alto profilo. Ciò di cui gli Stati Uniti hanno più bisogno ora è il riconoscimento di questo ordine da parte di altri paesi. Tuttavia, tutte le azioni che gli Stati Uniti hanno compiuto, con doppi standard o standard multipli, per servire gli interessi a breve termine degli Stati Uniti, eroderanno solo l’accettazione da parte di altri paesi delle regole statunitensi. 

L’espressione stessa dell’ordine basato sulle regole è neutra e può anche essere intesa come un ordine idealizzato. Tuttavia, il potere di definirlo dovrebbe appartenere alla società internazionale tradizionale, non solo agli Stati Uniti.

Sorgente: Gli Stati Uniti non sono più in grado di mantenere un “ordine basato sulle regole” in stile mafioso – Global Times