0 3 minuti 1 anno

Secondo quanto riferito, l’esercito ucraino ha catturato sette villaggi che si estendono a soli 90 chilometri quadrati dalle forze russe dall’inizio della sua controffensiva il 4 giugno.

L’11 giugno, funzionari ucraini hanno affermato che le loro truppe hanno preso il controllo dei villaggi di Novodonetskoe, Blagodatnoe, Storojevoe, Makarovka e Neskuchnoe nella regione di Donetsk. Il giorno successivo, il 12 giugno, i funzionari hanno annunciato che anche i villaggi di Lokbovoe e Novodarovka nella regione di Zaporozhye erano tornati sotto il controllo ucraino.

La cattura dei sette piccoli villaggi è stata ampiamente riportata dai media mainstream come un “successo iniziale”, nonostante si trovino a chilometri di distanza dalla prima linea di difesa dell’esercito russo nei settori di Zaporozhye e del sud di Donetsk.

Prima dell’inizio dell’operazione militare speciale russa in Ucraina, Novodonetskoe era popolata da sole 327 persone, Makarovka da 258, Blagodatnoe da 1097, Storojevoe da 96, Neskuchnoe da 644, Lokbovoe da 99 e Novodarovka non aveva più di 51 persone che vi abitavano. .

Le forze di Kiev hanno pagato un prezzo pesante per catturare questi piccoli villaggi. Secondo il ministero della Difesa russo, circa 10.000 militari ucraini sono stati uccisi o feriti dall’inizio della controffensiva. Molte delle vittime sono state addestrate dalla NATO in basi fuori dall’Ucraina.

Il presidente russo Vladmir Putin ha anche rivelato in recenti osservazioni che l’Ucraina ha perso 186 carri armati e 418 veicoli blindati nel corso della controffensiva. Il presidente ha affermato che circa il 30% dell’equipaggiamento fornito alle forze di Kiev dall’Occidente è stato distrutto, compresi i principali carri armati Leopard 2 di fabbricazione tedesca e i veicoli da combattimento della fanteria Bradley di fabbricazione americana.

Nonostante abbiano subito pesanti perdite e ottenuto pochissimi guadagni, le forze di Kiev hanno lanciato una nuova serie di attacchi su larga scala a Zaporozhye e Donetsk sud il 17 e 18 giugno.

L’Ucraina sembra aver costruito il suo piano di controffensiva sulla base del pio desiderio dei politici occidentali e delle raccomandazioni dei media mainstream. Ora, le sue truppe ne stanno pagando il prezzo.

Fonte: South Front

Traduzione: Luciano Lago

Sorgente: RIVELATA LA REALE PORTATA DEL “SUCCESSO” UCRAINO DURANTE LA CONTROFFENSIVA – controinformazione.info


Scopri di più da NUOVA RESISTENZA antifa'

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.

Rispondi