0 3 minuti 10 mesi

Le ali militari dei gruppi palestinesi nella Striscia di Gaza prendono parte a un’esercitazione militare congiunta, il 29 dicembre 2020 a Gaza City, Gaza [Ali Jadallah – Agenzia Anadolu]
condividi questo pulsante di condivisione

Israele ha bisogno dell’Autorità palestinese. Questo è stato chiaramente stabilito dal primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu durante una riunione privata della commissione per gli affari esteri e la difesa. In un momento in cui l’AP sta chiaramente perdendo il controllo sui palestinesi, Netanyahu sta dicendo verità a cui Ramallah, nel suo desiderio di aggrapparsi al potere, non darà ascolto. Cioè, nient’altro che la preoccupazione di Israele per la sopravvivenza dell’AP toccherà una corda con il leader Mahmoud Abbas.

“Abbiamo bisogno dell’Autorità palestinese. Non possiamo permettere che crolli. Inoltre, non vogliamo che crolli. Siamo pronti ad aiutarla finanziariamente”, ha detto Netanyahu, secondo i media israeliani . “Dove riesce a funzionare, fa il lavoro per noi.”

Tale chiarezza riguardo al ruolo dell’Autorità Palestinese nel colonialismo israeliano non dovrebbe lasciare dubbi sulla collaborazione corrotta dell’Autorità Palestinese. Il “sacro” (per quanto riguarda Abbas) coordinamento della sicurezza con Israele, così come gli sforzi diplomatici dell’Autorità Palestinese sul compromesso dei due stati, ritraggono una leadership determinata a impedire ai palestinesi di raggiungere un minimo di indipendenza. “La loro ambizione per uno stato deve essere soppressa”, ha detto Netanyahu dei palestinesi. Abbas è tacitamente d’accordo; L’indipendenza palestinese significherebbe sicuramente la fine dell’AP. Per ora, Israele beneficia di una collaborazione senza soluzione di continuità con l’AP, orchestrata dalla comunità internazionale e intervallata da condanne di routine da Ramallah legate principalmente all’espansione degli insediamenti,

LEGGI:  ​​Jenin racconta la storia della Palestina

Due punti principali possono essere tratti dalle dichiarazioni di Netanyahu. Uno è che l’attuale resistenza palestinese è abbastanza preoccupante da richiedere l’annientamento dall’interno di Israele. La resistenza sta chiaramente facendo breccia. In secondo luogo, la resistenza palestinese sta alterando la politica palestinese in un modo senza precedenti, dal momento che ora è una delle priorità di Israele impedire il collasso dell’AP. Le preoccupazioni di Netanyahu sono anche le preoccupazioni di Abbas. L’unica differenza è che il bisogno di Netanyahu per la sopravvivenza dell’Autorità Palestinese è di aiutare la colonizzazione israeliana, mentre l’Autorità Palestinese percepisce il suo ruolo collaborativo come un mezzo per estendere la sua esistenza. Tuttavia, l’Autorità Palestinese esiste ancora in tempi contati e il vuoto di potere creatosi a seguito della dissociazione dell’Autorità Palestinese dalla resistenza palestinese aumenterà in proporzione all’irrilevanza dell’Autorità Palestinese.

Sorgente: La resistenza palestinese sta facendo breccia – Middle East Monitor

Please follow and like us:
0
fb-share-icon0
Tweet 20
Pin Share20