0 9 minuti 1 anno

 

 

Edizione del 9 giugno 2023

Niente ricollocamenti obbligatori, ma chi non prende la sua quota di migranti dovrà pagare 20mila euro l’uno. Gli altri, trasferiti nell’ultimo luogo di transito fuori Ue. È il nuovo «Patto per l’immigrazione» approvato dai 27. Si incrina l’asse tra Italia e Ungheria e Polonia

Fortezza coi deboli

Fortezza coi deboli

Carlo Lania, Sebastiano Canetta

FORTEZZA COI DEBOLINiente ricollocamenti obbligatori, ma chi non prende la sua quota di migranti dovrà pagare 20mila euro l’uno. Gli altri, trasferiti nell’ultimo luogo di transito fuori Ue. È il nuovo «Patto per l’immigrazione» approvato dai 27. Si incrina l’asse tra Italia e Ungheria e Polonia

COMMENTI

Ridisegnare il sistema pubblico

Antonio Zucaro

DL CALDEROLI E SINISTRAIl Governo di destracentro porta a compimento le tendenze autoritarie e disegualitarie operanti da decenni nel Paese

INTERNAZIONALE

A Cuba tornano i russi. Niente missili, ma accordi commerciali anti-crisi

Roberto Livi

INDUSTRIA, TURISMO, BANCHE…L’isola strangolata dalle sanzioni Usa stringe intese pubblico-private con Mosca per alleviare le difficoltà dei cubani, modernizzare il paese e accelerare le riforme economiche. Il primo ministro Marrero ricambia la visita in Russia per stringere sul piano d’investimenti. E la “contra” si scatena

INTERNAZIONALE

L’oppio afghano non abita più qui

Giuliano Battiston

ASIA CENTRALEDopo il bando promulgato dal leader supremo dei Talebani la riduzione della coltivazione del papavero è «senza precedenti». Cancellato così anche uno dei principali “datori di lavoro”

CULTURA

Le inquiete mappe di un laboratorio radicale e anti-capitalista

Roberto Ciccarelli

SCAFFALE«Sentimenti dell’aldiqua. Opportunismo, paura, cinismo nell’età del disincanto», per DeriveApprodi. A cura di Marco Mazzeo, torna in libreria un classico del pensiero critico degli anni ’80. Un volume con scritti di Rossana Rossanda, Paolo Virno, Massimo De Carolis e altri

VISIONI

Consapevolezze immerse in un bagno caldo

Rossella Menegazzo

IMMAGINARILa cultura giapponese tra arte e disciplina, come racconta «Yudo», il film diretto da Masayuki Suzuki. Un documentario nato da un’idea di Kundo Koyama, scrittore e autore di programmi televisivi e radiofonici

APPELLI

Un percorso per la pace

***

«L’Italia ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali; consente, in condizioni di parità con gli altri Stati, alle limitazioni di sovranità necessarie ad un ordinamento che assicuri la pace e la giustizia fra le Nazioni; promuove e favorisce le organizzazioni internazionali rivolte a tale scopo.»