0 7 minuti 9 mesi

Scritto da: Laura Tussi

I movimenti per la pace europei si sono ritrovati a Vienna per fare quadrato in questo delicatissimo momento storico e per analizzare la situazione e proporre una linea per contrastare la deriva bellicista. Il momento scelto non è casuale: a luglio infatti i vertici NATO si riuniranno a Vilnius per un incontro che potrebbe essere decisivo nell’ottica del conflitto ucraino.

I partecipanti al vertice per la pace di Vienna che si è svolto il 10 e 11 giugno 2023 vengono da diverse parti del mondo e hanno esperienze, agende e posizioni diverse, ma sono tutti uniti dalla lotta per la pace, per la democrazia e la giustizia sociale e per un equilibrio ecologico in un mondo senza neocolonialismo, neonuclearismo, dominazione patriarcale, razzismo e sfruttamento dell’essere umano. In sintesi: Vienna prima di Vilnius, in Lituania, sede del prossimo vertice NATO. La pace prima della guerra.

A Vilnius, sul tavolo di discussione a cui siederanno l’11 e il 12 luglio i rappresentanti dei Paesi NATO, vi saranno diverse questioni, tra cui lo status dell’Ucraina. È questo il motivo per cui lo scorso fine settimana a Vienna il Movimento internazionale per la pace si è incontrato, mentre il movimento pacifista femminile manifesterà davanti alla sede Nato a Bruxelles l’8 e il 9 luglio. Siamo tutti, come umanità e come mondo pacifista, profondamente preoccupati per la guerra tra Russia e Ucraina.

F0A7E211 5014 428B 88E3 0AB3B0FB6F5E
IL CONTESTO GEOPOLITICO

Non è affatto l’unica guerra: attualmente sono in corso molteplici conflitti armati e violenti. Ma questa guerra è violenta in modo particolare poiché sono coinvolte tutte le maggiori potenze ed è pericolosa poiché rischia di diventare una terza guerra mondiale e di conseguenza nucleare. Questo è il motivo del vertice per la pace a Vienna che si è svolto a giugno: rafforzare la cooperazione dei movimenti pacifisti e sensibilizzare l’opinione pubblica mondiale per aiutare a porre fine a questa assurda e logorante guerra.

L’intervento della conferenza di Vienna è un urgente appello alla pace che rimane nella storia dei tempi. Il mondo della nonviolenza e del disarmo ritiene che l’invasione russa illegale dell’Ucraina debba essere condannata. Nessun paese ha il diritto di attaccare un altro Stato, qualsiasi sia il pretesto, né di conquistarne e annetterne il territorio o parte di esso. Questa guerra, come guerra in quanto tale, è un crimine contro l’umanità. Ma dobbiamo anche noi condannare esplicitamente i crimini di guerra commessi in questo conflitto violento, da entrambe le parti.

Queste violenze covano dal 2014 e sono state sottovalutate da un lato e dall’altro e convogliate ed esasperate fino a portare al conflitto a cui assistiamo oggi. Di pari passo va la distruzione della democrazia negli stessi paesi, che gli oppositori al regime e chi resiste alla guerra sono i primi a sentire, come gli obiettori di coscienza alle armi in Ucraina e in Russia. Non vanno dimenticate le responsabilità degli Stati Uniti, con la corresponsabilità della NATO e dell’Unione Europea, per la mancanza di soluzione dei conflitti più profondi che riguardano l’Europa – a partire dall’architettura di sicurezza dopo il 1989 – e che, in particolare con l’allargamento dei confini della Nato, stanno contribuendo all’escalation di questo conflitto a lungo termine.

guerra ucraina nato
LE CONCLUSIONI DEL VERTICE DI VIENNA

I movimenti per la pace si sono riuniti a Vienna anche per piangere i feriti e i morti e i milioni di rifugiati e per entrare in empatia con le donne che soffrono, fornendo cure vitali, lottando per il loro sostentamento e la pace, nonostante le violazioni dei diritti umani. Hanno mostrato profonda preoccupazione per questa guerra che sta distruggendo l’ambiente e le infrastrutture dell’Ucraina e causando disastri materiali, economici, ambientali e psicologici.

Sul tavolo del vertice anche gli effetti globali devastanti del conflitto, che sta causando l’aumento dei prezzi del cibo e dell’energia e una carenza di prodotti cerealicoli che sta esacerbando la povertà e innescando carestie nel sud del mondo. Le crescenti tensioni geopolitiche e la corsa agli armamenti, sulla scia di questa guerra, stanno destabilizzando la politica mondiale e prosciugando vaste e preziose risorse: vi è un disperato bisogno di alimentazione e salute e la lotta ai disastri ecologici. Il mondo pacifista ha invitato quindi l’opinione pubblica a essere consapevole della storia di questa guerra e soprattutto della sua complessità.

L’intervento della conferenza di Vienna è un urgente appello alla pace che rimane nella storia dei tempi

VERSO UNA GUERRA MONDIALE NUCLEARE?

L’analisi ha portato alla conclusione che sono tre le situazioni di conflitto a cui stiamo assistendo: la continuazione della guerra intestina in Ucraina tra il Governo e le province separatiste, sostenuto e incitato dalla Russia. La volontà della NATO di finanziare militarmente e con ogni espediente la guerra in Ucraina, atteggiamento percepito dalla Russia e anche da molti Stati del sud del mondo come una guerra per procura. Infine un contesto storico e giuridico che trascende l’Ucraina e la Russia e vede fronteggiarsi Russia e Stati Uniti per il controllo dell’Europa centro-orientale.

È a causa di tutta questa complessa costellazione di eventi drammatici – è il timore espresso dal popolo di Vienna –, che è sempre più concreta la minaccia che tutto ciò sfoci in un’escalation incontrollabile fino a portare a una guerra mondiale, addirittura con il rischio di un terribile epilogo nucleare. Per questo motivo la soglia dell’attenzione e dell’attivismo non va abbassata, a maggior ragione in vista dell’imminente e decisivo vertice NATO di Vilnius.

Sorgente: Da Vienna a Vilnius, il confronto a distanza fra forze di pace e di guerra | Italia che cambia