0 5 minuti 9 mesi

Comunicato stampa di Ad-Dameer Sostegno ai prigionieri e associazione per i diritti umani : raggiunto il punto di rottura: sciopero della fame di massa da parte dei detenuti amministrativi palestinesi nelle carceri israeliane la prossima settimana.

È stato raggiunto un punto di rottura; I detenuti amministrativi palestinesi che sono stati trattenuti senza accusa né processo ai sensi della politica israeliana di detenzione amministrativa hanno deciso di intraprendere uno sciopero della fame di massa.

Determinati a sfidare questo sistema oppressivo, i palestinesi si sono impegnati a usare i loro corpi come mezzo per chiedere giustizia. Lo sciopero della fame che inizierà domenica 18 giugno 2023 esemplifica la loro tenacia nel far luce sulle terribili violazioni dei loro diritti umani sotto il regime di occupazione.

Il numero di palestinesi sottoposti a detenzione amministrativa ha registrato un forte e allarmante aumento, raggiungendo livelli mai visti negli ultimi due decenni. Attualmente, ci sono 1.083 persone che languiscono nelle carceri israeliane sotto questa politica, a cui viene negato il diritto di conoscere il motivo della loro incarcerazione con il pretesto di informazioni ‘segrete’, segnando una preoccupante tendenza alla detenzione indiscriminata senza un giusto processo. Tra i detenuti ci sono tre donne e 19 bambini, a sottolineare ulteriormente l’ingiustizia e la crudeltà di questa pratica.

Nel 2022, i detenuti amministrativi palestinesi hanno preso posizione contro la natura farsesca dei tribunali militari israeliani e hanno avviato un boicottaggio.

Questo coraggioso atto di sfida mirava a esporre i pregiudizi intrinseci e la mancanza di procedimenti equi all’interno di questi tribunali: un tribunale militare di un civile, un processo senza difesa e una pena detentiva senza accusa.

Nonostante debbano affrontare grandi sfide, alcuni detenuti continuano a rifiutare la legittimità di questi tribunali militari, rifiutandosi di partecipare a procedimenti che perpetuano la loro ingiusta detenzione. Tuttavia, il procedimento si svolge e un giudice militare conferma o revoca l’ordine di detenzione del prigioniero politico, indipendentemente dal fatto che partecipi o meno.

Intraprendere uno sciopero della fame di massa comporta conseguenze disastrose, tra cui gravi condizioni mediche che mettono in pericolo la vita dei detenuti. Tragicamente, la storia ha mostrato il devastante tributo che tali attacchi possono richiedere. Un caso degno di nota è quello di Khader Adnan, la cui salute è rapidamente peggiorata durante lo sciopero della fame e alla fine ha portato alla sua morte prematura.

I detenuti comprendono appieno i rischi connessi, ma sono guidati dalla loro incrollabile determinazione a sfidare le politiche oppressive dello Stato di occupazione, in particolare la politica di detenzione amministrativa, una tortura psicologica che equivale a un crimine di guerra ai sensi del diritto internazionale.

Questa pratica di detenzione oppressiva dei palestinesi nelle carceri israeliane non è una questione isolata, ma piuttosto un pilastro di una politica sistematica orchestrata dal regime di occupazione israeliano. Una tale politica apre la strada all’incarcerazione arbitraria dei palestinesi senza accusa né processo, solo per il semplice pensiero di un ufficiale di occupazione israeliano che un certo palestinese potrebbe essere una minaccia alla sua sicurezza, anche se si trattava di un’attività del sindacato studentesco universitario.

I detenuti amministrativi palestinesi, facendo luce su questo strumento oppressivo dell’Occupazione, sperano di attirare l’attenzione globale sulla condizione del loro popolo e chiedono la fine di questa odiosa politica.

Pertanto, Addameer Prisoner Support and Human Rights Association vi esorta ad aiutare a far sentire la voce dei detenuti amministrativi ea diffondere la consapevolezza della loro causa. Scrivete ai vostri rappresentanti e chiedete ai vostri rispettivi governi di fare pressioni sulle autorità israeliane affinché vietino questa politica sistematica di oppressione contro i palestinesi e pongano fine a questa politica abusiva.

Fai le tue dichiarazioni e indirizzale direttamente ai principali politici israeliani che sono responsabili dell’angoscia di migliaia di famiglie palestinesi:

  • Comando centrale militare israeliano – Yehuda Fuchs

Fax: +972 2 530 5741
+972 2 530 5724

  • Ministro della Guerra israeliano  – Yoav Gallant

Tel: +972 2 640 3874
E-mail:  [email protected]

  • Ufficio del Primo Ministro israeliano  – Benjamin Netanyahu

Sorgente: Ad-Dameer: “Mass Hunger Strike by Palestinian Administrative Detainees In Israeli Prisons Next Week” | – IMEMC News