0 4 minuti 1 anno

Luigi Brugnaro ha raccontato di aver risposto a uno studente che paga 700 euro al mese per una stanza: “Gli ho detto che non merita di diventare laureato – ha spiegato il sindaco di Venezia – perché se ti fai fregare 700 euro per un posto letto non meriti di diventare classe dirigente”.

A cura di Tommaso Coluzzi

 

Per i giovani non c’è solo il danno, ma anche la beffa. Come sempre, d’altronde. Il tema del caro affitti è esploso nelle ultime settimane – anche se si tratta di un problema storico, mai affrontato in Italia – per via delle proteste degli studenti in tenda seguite all’aumento vertiginoso dei prezzi di stanze e case nelle grandi città universitarie. Tra queste c’è anche Venezia, da cui ci ha pensato il sindaco, Luigi Brugnaro, a dare manforte agli studenti in difficoltà: “L’altro giorno viene un ragazzo da me, e mi dice ‘io ho trovato un posto letto a 700 euro, per me son troppi – ha raccontato ieri l’esponente di Noi Moderati – gli ho detto ‘tu non meriti di diventare laureato, perché se ti fai fregare 700 euro per un posto letto non meriti di diventare classe dirigente'”.

Uno scambio abbastanza surreale, se si considera che uno studente ha detto al sindaco di Venezia che è insostenibile pagare così tanto una stanza e lui gli ha risposto che – in sostanza – la colpa è sua. Non è una narrazione nuova, certo. Basta ricordare la solita polemica sui giovani pigri e svogliati: non trovi lavoro? È perché non vuoi sporcarti le mani, non perché non ci sia o sia pagato una miseria. Insomma, la colpa è sempre di qualcun altro, ma non della classe dirigente.

“Però bisogna saper cogliere una parte positiva, cioè la segnalazione di un malessere, di un problema – ha aggiunto Brugnaro – Io potrei rispondere in maniera fighetta, dicendo che abbiamo proposto di fare gli ostelli, abbiamo progetti, ma al ragazzo che sta protestando oggi che gli dici? Lui vuole una risposta subito”. E ancora: “Io gli dico che una volta che hai segnalato il problema poi cerca di ragionare – ha continuato Brugnaro – Io andavo anche a lavorare durante l’Università, ma se vuoi fare la vita studiando e andando a bere lo spritz, dico fallo se te lo puoi permettere”.
Leggi anche
Nuda sul terrazzo in pieno centro a Venezia, per la modella multa di 750 euro e daspo urbano

Per Brugnaro il punto è molto chiaro: “Il modello dei campus americani è bellissimo, in America. Ma il problema è che siamo in Italia, siamo un Paese che vive di lavoro – ha concluso il sindaco di Venezia – Io voglio cogliere la parte buona di questa protesta, ma dico ai ragazzi se è proprio questo ciò che volete, o volete l’autonomia. E l’autonomia è anche basarsi sul proprio lavoro”.

da: fanpage.it/

Sorgente: Paghi 700 euro di affitto? Ti fai fregare, non meriti la laurea: la risposta del sindaco di Venezia