0 3 minuti 10 mesi

L’Uno Maggio di Taranto sempre libero e pensante

EVENTI. Presentato il cartellone della festa del lavoro organizzata nella città pugliese. Direzione artistica affidata a Diodato, Michele Riondino e Roy Paci

L’Uno Maggio libero e pensante si rimette in gioco, il concertone di Taranto compie dieci anni, mette al centro la parola d’ordine ‘libertà’ sempre nel segno dell’impegno e della resilienza. Cast ricco – tutte adesioni a titolo gratuito – e composto da Francesca Michielin, Marlene Kuntz, Samuele Bersani, Vinicio Capossela, Ron, La Rappresentante di Lista, Gemitaiz, Fido Guido, Luca De Gennaro, Meg, Mezzosangue, Niccolò Fabi, Nino Frassica con la band, Omini, Vasco Brondi, Vinicio Capossela, Tonino Carotone, Studio Murena, Willie Peyote, Renzo Rubino, Kento, Terraross e Venerus. Con loro l’attore e musicista Carlo Amleto, e la Uno Maggio Orchestra, una band creata ad hoc, con Roberto Angelini alle chitarre, Fabio Rondanini alla batteria, Gabriele Lazzarotti al basso, Adriano Viterbini alle chitarre, Andrea ‘Fish’ Pesce, alle tastiere, Rodrigo D’Erasmo, al violino, Beppe Scardino al sax baritono/flauto, Stefano ‘Piri’ Colosimo alla tromba/flicorno. Spazio anche a performance artistiche come quelle di Teresa Antignani e Laika.“Siamo ancora una volta qui, a parlare dell’Uno Maggio e di Taranto in generale, città magnifica ma anche simbolo del disinteresse della politica: chiunque tocca Taranto e l’ex Ilva si brucia”, premette con forza Michele Riondino

A CONDURRE, alcuni dei volti che hanno gestito l’evento dalla prima edizione, Valentina Correani, Martina Martorano, Valentina Petrini, Serena Tarabini e Andrea Rivera. “Siamo ancora una volta qui, a parlare dell’Uno Maggio e di Taranto in generale, città magnifica ma anche simbolo del disinteresse della politica: chiunque tocca Taranto e l’ex Ilva si brucia”, premette con forza Michele Riondino, anche quest’anno al timone della direzione artistica con Diodato e Roy Paci. “Ma i numeri di questi dieci anni dimostrano che c’è bisogno di parlare di Taranto, che i temi del lavoro non possono che essere affrontati su questo palco”. Organizzato dal Comitato cittadini e lavoratori liberi e pensanti, nato a seguito del sequestro degli impianti dell’area a caldo dell’Ilva nel 2012, l’Uno Maggio Taranto sarà in diretta su Antenna Sud, Corriere.it e Pluto Tv. I registi Giorgio Testi e Fabrizio Fichera, con la casa di produzione Cascavel, racconteranno la giornata e quelle precedenti con uno sguardo nuovo.

Sorgente: ilmanifesto.it