0 2 minuti 11 mesi

LOBBYEnel, Cattaneo verso il ruolo di ad. Meloni costretta dagli alleati a cedere una casella nella partita delle nominedi Carlo Di Foggia | 12 APRILE 2023Giorgia Meloni ci ha provato fino all’ultimo, ma alla fine ha dovuto cedere almeno su una casella della tornata di nomine nelle grandi partecipate pubbliche: all’Enel ci sarà un ricambio, ma – a quanto risulta al Fatto – alla guida arriverà Flavio Cattaneo, mentre alla presidenza si siederà Paolo Scaroni. L’accordo è stato trovato durante le trattative proseguite in notturna (e che non si sarebbero ancora concluse).I giochi si sono prolungati fino a tarda notte a causa dei dissidi tra gli alleati che hanno costretto il ministro Giancarlo Giorgetti (titolare delle nomine perché azionista di controllo) a partire per Washington senza le liste chiuse. Per quella casella, infatti, Giorgia Meloni aveva prenotato da tempo il posto per Stefano Donnarumma, oggi Ad di Enel. Una posizione che ha difeso a oltranza, ma alla fine ha dovuto cedere e lasciare una poltrona alla Lega di Matteo Salvini, tanto più che Cattaneo – vicepresidente di Italo, un passato alla guida di Terna – gode di una certa stima anche in ambienti di Fratelli d’Italia (per i buoni uffici del presidente del Senato Ignazio La Russa).

Sorgente: Enel, Cattaneo verso il ruolo di ad. Meloni costretta dagli alleati a cedere una casella nella partita delle nomine – Il Fatto Quotidiano