0 9 minuti 12 mesi

I manifestanti prendono parte a una manifestazione contro l'islamofobia e il razzismo [Amarjeet Kumar Singh/Anadolu Agency tramite Getty Images]

I manifestanti prendono parte a una manifestazione contro l’islamofobia e il razzismo [Amarjeet Kumar Singh/Anadolu Agency tramite Getty Images]
condividi questo pulsante di condivisione

La discriminazione e l’odio totale nei confronti dei musulmani sono saliti a “proporzioni epidemiche”, ha affermato l’Onu lanciando un monito in occasione del primo anniversario della Giornata internazionale per la lotta all’islamofobia. Lanciato nel terzo anniversario della sparatoria alla moschea di Christchurch in Nuova Zelanda, in cui 51 fedeli musulmani sono stati uccisi da un terrorista di estrema destra, l’occasione viene celebrata con un evento speciale nell’Assemblea generale, dove i leader globali sostengono la necessità di un’azione concreta di fronte al crescente odio, alla discriminazione e alla violenza contro i musulmani.

Da allora molti governi hanno adottato misure per combattere l’islamofobia stabilendo una legislazione contro i crimini ispirati dall’odio. Sono state inoltre adottate misure per prevenire e perseguire i crimini ispirati dall’odio e conducendo campagne di sensibilizzazione pubblica sui musulmani e l’Islam, volte a sfatare miti negativi e malintesi. In occasione del primo anniversario della Giornata internazionale per combattere l’islamofobia, il segretario generale delle Nazioni Unite, António Guterres, ha sottolineato che il fanatismo anti-musulmano fa parte di una tendenza più ampia di rinascita dell’etno-nazionalismo, del neonazismo, dello stigma e dell’incitamento all’odio popolazioni vulnerabili.

L’osservazione di Guterres ha sottolineato una caratteristica cruciale del razzismo anti-musulmano che rende l’islamofobia più perniciosa e pericolosa di altre forme di discriminazione: il patrocinio statale. Gli anni successivi all’11 settembre si distinguono per il modo in cui le democrazie e le autocrazie hanno fomentato, armato e sfruttato la paura dei musulmani per portare avanti la loro agenda ideologica. Che si tratti di promuovere il ristretto etno-nazionalismo citato da Guterres o di giustificare misure di sicurezza che intaccano le libertà umane, la paura e le idee sbagliate sull’Islam e sui musulmani vengono utilizzate per compiere e difendere violazioni dei diritti umani precedentemente impensabili sponsorizzate dallo stato.

LEGGI: ​​La politica statunitense di “guerra al terrore” esporta l’islamofobia a livello globale

Dai musulmani uiguri dello Xinjiang che affrontano il genocidio per mano del Partito comunista cinese ai 200 milioni di musulmani indiani che, secondo l’esperto che ha predetto il massacro dei tutsi in Ruanda, sono anch’essi minacciati di genocidio, o milioni di palestinesi sottoposti a umiliazione quotidiana e violazione dei diritti umani da parte di Israele, l’islamofobia sponsorizzata dallo stato unifica i governi di ogni spettro ideologico nella loro persecuzione dei musulmani.

Mentre la Cina, l’India e Israele sono all’estremità di un fenomeno globale degno di nota per l’arretramento della democrazia e il passaggio all’autoritarismo, paesi come l’Austria, la Francia e molti altri non sono molto indietro quando si tratta del trattamento dei musulmani. In nome della lotta al terrorismo, sono stati attaccati principi democratici come la parità di trattamento dei cittadini. Il sospetto istituzionale nei confronti dei musulmani non solo ha raggiunto “proporzioni epidemiche”, come hanno osservato le Nazioni Unite, numerosi stati, nonché organismi regionali e internazionali, hanno risposto alle minacce alla sicurezza adottando misure che prendono di mira in modo sproporzionato i musulmani e definiscono i musulmani come ad alto rischio e a rischio rischio di radicalizzazione. Tali misure hanno coinciso con diffuse rappresentazioni negative dell’Islam, e stereotipi dannosi che descrivono i musulmani e le loro credenze e cultura come una minaccia. Sono serviti a perpetuare, convalidare e normalizzare la discriminazione, l’ostilità e la violenza nei confronti di individui e comunità musulmane, per non parlare delle odiose teorie del complotto come ilGrande sostituzione che sostiene le attuali ansie sui musulmani.

Come mostra l’ultimo rapporto europeo sull’islamofobia , la politica del governo rimane il motore essenziale del pregiudizio anti-musulmano. I governi hanno stabilito l’agenda e facilitato il linguaggio e il comportamento che rompono i tabù che hanno normalizzato il razzismo anti-musulmano in modi che sarebbero stati impensabili anche al culmine della cosiddetta “Guerra al terrore”, in seguito all’attacco terroristico dell’11 settembre.

Chi avrebbe potuto immaginare che la retorica del “noi e loro”, insieme alle misure discriminatorie utilizzate per giustificare la lotta americana contro Al-Qaeda, sarebbe diventata l’ispirazione del presidente cinese Xi Jinping per intraprendere una politica di genocidio nei confronti dei musulmani uiguri? Persone come Xi Jinping hanno adottato il modello della “Guerra al terrore”. Ad esempio, nel 2014, quando i terroristi uiguri hanno ucciso dozzine di vite nel territorio autonomo dello Xinjiang, i media statali hanno definito gli attacchi “l’11 settembre della Cina”. Xi ha esortato i funzionari cinesi a seguire il copione americano post 11 settembre, mettendo in atto una repressione che alla fine avrebbe portato un milione di uiguri a essere gettati nei campi di concentramento.

OPINIONE: L’aggressione di Putin sarebbe impossibile senza che gli Stati Uniti creino un mondo sicuro per l’autocrazia

Più vicino a casa in Europa, l’aumento dell’islamofobia è principalmente il risultato di Stati che cercano di stabilire la propria versione dell’Islam o tentativi da parte dei governi di criminalizzare l’attivismo musulmano. I partiti politici di destra e di sinistra sono stati praticamente indistinguibili a questo proposito. Il razzismo anti-musulmano non solo è stato normalizzato, la capacità di un partito politico di diffondere anche tropi razzisti sui musulmani è diventata decisiva per chi vince e chi perde un’elezione. In Ungheria, ad esempio, la cosiddetta minaccia dei migranti musulmani che “inondano” il paese e ne frantumano le “fondamenta cristiane” continua a inquadrare il suo discorso politico e ha mantenuto al potere personaggi come il leader nazionalista di estrema destra, Victor Orban dal 2010.

Orban non è solo in questo senso. Si stima che le comunità musulmane in Europa rappresentino circa 25,8 milioni di persone, ovvero circa il 4,9% della popolazione totale della regione, ma nondimeno l’odiosa narrativa sull’Islam che prende il controllo del continente e distrugge la civiltà occidentale – una visione che opportunamente ignora l’Islam e il contributo musulmano alla l'”Occidente” anima gran parte del discorso politico, da Budapest attraverso Parigi e Londra e attraverso l’Atlantico fino a Washington e oltre. Come il Tory Party del Regno Unito sta dimostrando   attraverso il suo linguaggio odioso nei confronti dei rifugiati – che arrivano principalmente da paesi a maggioranza musulmana – Orban e i suoi accoliti di estrema destra non sono i soli a sfruttare la paura irrazionale e inventata del terrorismo e i crimini di violenza sessuale per diffamare i musulmani.

Inviti al boicottaggio dei prodotti francesi - Cartoon [Sabaaneh/MiddleEastMonitor]

Inviti al boicottaggio dei prodotti francesi – Cartoon [Sabaaneh/MiddleEastMonitor]

Rapporti e articoli di opinione carichi di ideologia che ritraggono i musulmani come una minaccia alla sicurezza interna da parte di commentatori di destra e gruppi di riflessione anti-musulmani alimentano, ovviamente, l’islamofobia, ma l’odio generato non avrebbe potuto essere normalizzato senza la sponsorizzazione e l’approvazione del governo. Proprio per questo Amnesty International, nel suo rapporto del 2022 sull’islamofobia in Europa, ha affermato: “Le autorità statali hanno ripetutamente preso di mira individui e comunità musulmane ai sensi di una gamma di leggi antiterrorismo e di sicurezza nazionale eccessivamente ampie e vaghe. Tali attacchi deliberati e prolungati, anche mediante misure di monitoraggio e sorveglianza sia palesi che segrete, hanno coltivato un sospetto nei confronti dei musulmani in Europa che ha fornito terreno fertile per la continua erosione dei loro diritti umani, compreso l’accesso all’istruzione, all’occupazione, all’alloggio, allo sport e rispetto alla loro libertà di espressione, religione, associazione e diritto alla non discriminazione”.

Mentre il mondo oggi si impegna a combattere l’islamofobia, siamo onesti e riconosciamo che la lotta contro il razzismo anti-musulmano è una gara tra i valori di tolleranza e libertà che sono alla base della nostra società moderna e i valori di intolleranza, odio e ottusità che cercare di ribaltare il progresso della cultura e della civiltà. Il mondo sta subendo una trasformazione politica una volta ogni secolo, dove l’ascesa dell’autoritarismo è stata accelerata attraverso la denigrazione dei musulmani e la fede di due miliardi di persone sul pianeta. Non possiamo iniziare a sconfiggere l’etnonazionalismo regressivo, il neonazismo e l’incitamento all’odio nei confronti delle popolazioni vulnerabili, senza prima riaffermare il nostro impegno a combattere la crescente ondata di islamofobia.

Sorgente: We cannot begin to defeat authoritarianism without first combatting Islamophobia – Middle East Monitor