0 12 minuti 12 mesi

Edizione del 14 marzo 2023

Altri trenta migranti morti in acque internazionali, nella zona Sar libica. E anche stavolta si potevano evitare: l’allarme era partito venerdì notte e solo domenica una nave mercantile è riuscita a salvarne 17. Coordinava l’Italia ma ha perso tempo. L’accusa di Alarm Phone al governo Meloni: «Li hanno lasciati annegare»

La strage in diretta

La strage in diretta

Giansandro Merli

LA STRAGE IN DIRETTAAltri trenta migranti morti in acque internazionali, nella zona Sar libica. E anche stavolta si potevano evitare: l’allarme era partito venerdì notte e solo domenica una nave mercantile è riuscita a salvarne 17. Coordinava l’Italia ma ha perso tempo. L’accusa di Alarm Phone al governo Meloni: «Li hanno lasciati annegare»

POLITICA

Pd, la scossa di Schlein: «Ora daremo voce ai più deboli»

Andrea Carugati

PDAssemblea dem alla Nuvola di Roma. Bonaccini eletto presidente: «Non sono minoranza, il partito è casa mia». La neosegretaria cita Mattarella, il Papa, Prodi e Iotti: “La mia è una sinistra di governo, sostegno a Kiev ma pace non è una parolaccia”. Chiara Gribaudo e Loredana Capone le nuove vicepresidenti

INTERNAZIONALE

Lineker reintegrato, i Tory vogliono decapitare la Bbc

Leonardo Clausi

GRAN BRETAGNAL’ex calciatore-conduttore torna con tante scuse della emittente. Che finisce, di nuovo, nel mirino dei conservatori che l’hanno riempita di yes men ma la considerano comunque un feudo di sinistra. E la legge “stop alle barche” resta

INTERNAZIONALE

Il pronto soccorso della rivolta in Perù

Elena Basso

REPORTAGEBrigate della Salute in prima linea nelle proteste anti-governative che anche se violentemente represse da tre mesi scuotono il paese. Parlano i medici e i paramedici che sfidano la repressione per curare i manifestanti feriti. «Ultimamente – racconta Carlos della Brigata 14N – abbiamo curato persone a cui avevano sparato un proiettile di gomma così da vicino da perdere un occhio o gente con danni irreparabili perché gli era stata lanciata una bomba lacrimogena sulla testa»

INTERNAZIONALE

«Qui in Tunisia ho perso tutto, non resta che partire per l’Europa»

Matteo Garavoglia

NORD AFRICALe voci dei subsahariani dopo l’ondata razzista scatenata dal presidente Saied: «Sono entrati dei tunisini nella mia stanza e mi hanno lanciato pietre dicendomi di andarmene. Ho pensato di tornare in Costa d’Avorio ma lì la situazione è anche peggio». Gli effetti, dicono le ong tunisine, si vedranno tra mesi

CULTURA

Con Lidia Menapace, storia di un’amicizia

Luca Kocci

SCAFFALELe lettere (1968-1991) a cura di Ileana Montini. Per Gabrielli editori, un volume che raccoglie una corrispondenza inedita che ripercorre anni intensi e cruciali di politica, impegno e giornalismo

CULTURA

Cristiano Rea, una vita ribelle in punta di matita

Guido Caldiron

ADDIIScomparso a Roma a soli 60 anni il disegnatore che ha ha plasmato un’immagine, un «segno» che non è mai stato soltanto grafico, e che dal punk, dall’underground musicale ha contribuito a definire il nuovo volto della politica metropolitana, l’insubordinazione organizzata e comunitaria che ha preso corpo con i centri sociali, mutando per sempre il lessico della rivolta

CULTURA

In fuga da Gutenberg, quel cortocircuito fra il visuale e il verbale

Fabrizio Scrivano

SCAFFALE«I libri d’artista che hanno fatto storia»: i trentasette microsaggi che in quindici anni Giorgio Maffei scrisse per la rivista online di cultura libraria «Wuz» sono da qualche mese di nuovo disponibili, grazie alla editrice Bibliografica, per la cura di Ambrogio Borsani e con una postfazione di Maura Picciau

VISIONI

Il jazz di Mary Halvorson, chitarra d’avanguardia

Marcello Lorrai

LIVEL’associazione 4’33” – che l’ha ospitata per una doppia esibizione – ammira giustamente non solo il talento esecutivo della quarantaduenne musicista americana ma anche quello come leader che propone sempre nuove formazioni e idee.

SPORT

Francia travolgente: strapazzati gli inglesi

Peter Freeman

RUGBYLa notizia della penultima giornata del Sei Nazioni è l’affermazione della formazione transalpina che scende al Twickenham e non solo espugna The Fortress, ma la rade al suolo. 53 a 10

RUBRICHE

Quel karaoke assassino di orecchie

Mariangela Mianiti

HABEMUS CORPUSPunto primo: Meloni e Salvini ci potevano risparmiare il loro karaoke perché non diffondi le immagini della tua festa di compleanno la sera stessa del giorno in cui ti hanno tirato addosso i peluche perché non vi siete neanche presi la briga di omaggiare le vittime della strage di Steccato di Cutro