0 5 minuti 2 anni

La Russia rifiuta il tetto massimo del prezzo del petrolio dell’Occidente, valuta la sospensione dell’offerta
Pubblicato: 04 dicembre 2022 23:47

Illustrazione: Chen Xia/GT

Mosca ha espresso opposizione contro un prezzo massimo sul petrolio russo e ha affermato che i paesi europei che sostengono il prezzo massimo potrebbero dover affrontare una sospensione delle forniture di petrolio, secondo quanto riferito dai media locali durante il fine settimana. 

La posizione intransigente del Cremlino è arrivata sulla scia dell’annuncio di venerdì da parte delle nazioni del Gruppo dei Sette (G7) e dell’Australia di aderire all’UE fissando un tetto massimo di 60 dollari al barile sul greggio russo trasportato via mare. 

Il tetto dei prezzi è indicativo dei piani dell’Europa per manovrare la pratica non di mercato in propaganda per mostrare la sua correttezza politica, hanno detto gli esperti, argomentando contro il clamore dell’Occidente attorno al tetto che presumibilmente serve da stabilizzatore per le forniture energetiche globali con petrolio russo scontato. 

Uno scenario sconvolgente sulla scia del price cap potrebbe essere un possibile aumento dei prezzi del petrolio che alla fine si ripercuoterà sull’UE e si aggiungerà alle sofferenze economiche del blocco, hanno osservato.

Il wrestling petrolifero

russo ha appena ceduto terreno al divario di prezzo, sebbene la mossa orchestrata stia palesemente prendendo di mira le finanze della Russia.

Venerdì, il G7 e l’Australia come attuali membri della Price Cap Coalition hanno concordato il limite di prezzo in linea con una decisione unanime degli Stati membri dell’UE, secondo l’annuncio. Il prezzo massimo dovrebbe entrare in vigore lunedì o subito dopo.

La Russia darà sicuramente contromisure risolute a livello diplomatico poiché la Russia non vuole perdere il potere di determinazione dei prezzi delle esportazioni di energia, e il potere di determinazione dei prezzi è uno dei contenuti fondamentali della sovranità economica, Zhang Hong, ricercatore associato presso l’Istituto di russo, Gli studi dell’Europa orientale e dell’Asia centrale dell’Accademia cinese delle scienze sociali (CASS), hanno dichiarato domenica al Global Times.

“Stiamo valutando la situazione. Sono stati fatti alcuni preparativi per un tale limite. Non accetteremo il tetto massimo e vi informeremo su come sarà organizzato il lavoro una volta terminata la valutazione”, ha riferito sabato l’agenzia di stampa russa TASS. citando il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov.

Sempre sabato, il rappresentante permanente russo presso le organizzazioni internazionali a Vienna Mikhail Ulyanov ha scritto su Telegram che “Mosca ha già chiarito che non fornirà petrolio a quei paesi che sostengono un prezzo massimo anti-mercato”.

“A partire da quest’anno, l’Europa vivrà senza petrolio russo”, ha affermato, secondo TASS.

È interessante notare che una foto, secondo quanto riferito, pubblicata dal vicepresidente del Consiglio di sicurezza russo Dmitry Medvedev sta circolando sui social media sui canali di Telegram, avvertendo sarcasticamente l’Europa delle fredde implicazioni del prezzo massimo, hanno affermato i media.

Il meme è tratto dal famoso film horror di Stanley Kubrik The Shining con il protagonista congelato ed è accompagnato da una frase ironica che suggerisce che la decisione sul tetto del prezzo del petrolio in Russia è stata finalmente presa. 

Limitare i prezzi del greggio fa parte delle sanzioni volte a tagliare le entrate energetiche della Russia al fine di rendere insostenibile l’economia russa e le sue attuali operazioni militari, hanno affermato gli esperti.

L’impatto del limite di prezzo sul commercio diretto di petrolio tra la Russia e l’UE è quasi trascurabile. Questo perché il commercio diretto tra le due parti è stato quasi sospeso e l’Occidente mirava principalmente a influenzare le esportazioni di petrolio della Russia e le trattative sui prezzi con terze parti, ha affermato Zhang.

Considerando la mossa come un tentativo di mostrare la correttezza politica dell’Occidente, l’esperto ha sottolineato che se il prezzo scendesse ulteriormente ai 30 dollari precedentemente richiesti da alcuni paesi della regione, allora la Russia potrebbe tagliare la produzione, il che porterà a un aumento del greggio globale prezzi.   

Brutte ripercussioni

Anche con l’attuale limite di prezzo, si ritiene che ciò che l’accordo potrebbe portare a termine sia ben lungi dall’essere, se non del tutto contrario, al suo desiderato ruolo di stabilizzatore per i mercati globali dell’energia, che già risentono della stretta delle sanzioni sul petrolio russo, osservano gli osservatori. disse.

“Il prezzo massimo incoraggerà il flusso di petrolio russo scontato sui mercati globali ed è progettato per aiutare a proteggere i consumatori e le imprese dalle interruzioni dell’offerta globale”, ha dichiarato il segretario al Tesoro americano Janet Yellen in una dichiarazione rilasciata venerdì dopo l’annuncio del prezzo massimo.

Sorgente: La Russia rifiuta il tetto massimo del prezzo del petrolio dell’Occidente, valuta la sospensione dell’offerta – Global Times


Scopri di più da NUOVA RESISTENZA antifa'

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.