Quindici anni di blocco di Gaza: ora aprite le porte della nostra prigione – Quds News Network

7 Novembre 2022 0 Di ken sharo
Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot
Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot

Di Haidar Eid, professore associato all’Università Al-Aqsa di Gaza

Questo mese, mentre il devastante blocco sulla Striscia di Gaza è ufficialmente entrato nel suo 15° anno, ho riletto l’esplosivo rapporto di David Rose, The Gaza Bombshell , per ricordare a me stesso (come se fosse possibile dimenticare) come gli Stati Uniti e Israele hanno lavorato insieme trasformare la mia patria in quella che anche le ONG più tradizionaliste descrivono come “la più grande prigione a cielo aperto del mondo”.

La storia, per quanto scioccante possa essere, è abbastanza semplice. All’inizio del 2006, l’amministrazione Bush negli Stati Uniti ha gentilmente “invitato” il popolo di Gaza a recarsi alle urne per eleggere i propri rappresentanti in un’elezione del consiglio legislativo. Mentre i palestinesi di Gaza pensavano, come è consuetudine nelle elezioni democratiche, che avrebbero dovuto votare per i candidati che ritenevano avrebbero rappresentato al meglio i loro interessi, non era così: Washington voleva invece che votassimo secondo i suoi interessi e quelli di Israele.

Quindi, i palestinesi hanno finito per fare la scelta “sbagliata”, almeno agli occhi dei nostri oppressori coloniali. E negli ultimi 15 anni siamo stati severamente puniti per questo “errore”.

Il blocco mortale impostoci per l’elezione di Hamas ha trasformato Gaza non solo in una prigione a cielo aperto, ma in un campo di concentramento: in questa ex bella enclave, due milioni di persone, quasi la metà bambini sotto i 15 anni, sono ora disperatamente cercando di sopravvivere senza un approvvigionamento sicuro di acqua, cibo, elettricità e medicinali, in una chiara violazione del diritto umanitario internazionale sancito dalle Convenzioni di Ginevra.

Negli ultimi 15 anni, sotto questo assedio medievale che ci ha trasformati in prigionieri nella nostra stessa patria, abbiamo anche subito quattro guerre genocide. Più di 4.000 civili, tra cui molti bambini, sono morti sotto i bombardamenti israeliani, per il solo crimine di essere nati a Gaza.

Mentre venivamo sistematicamente brutalizzati, mutilati, imprigionati e uccisi, la comunità internazionale non ha fatto altro che guardare pigramente, forse perché la maggior parte di noi non ha ciò che è necessario ( occhi azzurri e capelli biondi ) per concludere che siamo un po’ ” civile” e degno della dignità umana.

Naturalmente, la vita a Gaza non era molto migliore prima di questo blocco.

Nell’anno 2000, prima dell’inizio della Seconda Intifada, quando molti credevano che ci fosse una relativa “pace” in Palestina, per esempio, il mio sogno di iniziare una carriera accademica all’Università An-Najah di Nablus in Cisgiordania è stato infranto semplicemente perché Ero residente a Gaza.

Allora Israele consentiva almeno ad alcuni palestinesi un passaggio sicuro tra Gaza e la Cisgiordania. Ho richiesto un permesso, fornendo i documenti necessari ad An-Najah. Una settimana dopo, mi è stato detto che la mia domanda era stata respinta, senza motivo.

Volevo scoprirlo, così una mattina alle 6 del mattino sono andato al checkpoint di Beit Hanoon (Erez) per cercare di ottenere l’accesso ai file che Shin Bet, il servizio di sicurezza interna israeliano, ha su di me. Mi è stato detto di mettermi in coda e aspettare di essere intervistato da un ufficiale dello Shin Bet che potrebbe dirmi o meno perché non mi è stato permesso di passare in Cisgiordania. Ho aspettato tutto il giorno. Alle 17 qualcuno mi ha appena chiesto di andarmene senza fornire alcuna informazione. Ad oggi, non ho idea del motivo per cui la mia domanda è stata respinta. E da allora non ho più potuto visitare la Cisgiordania.

Quindi l’assedio di Gaza non è iniziato 15 anni fa. Non è nemmeno iniziato 22 anni fa, nel 2000, quando ho cercato di ottenere quel lavoro in Cisgiordania. È iniziato quasi 30 anni fa, con la firma degli Accordi di Oslo e forse anche prima. Israele, e i suoi potenti alleati come gli Stati Uniti, hanno sempre visto noi abitanti di Gaza come un inconveniente, una popolazione in eccesso di cui hanno bisogno per sbarazzarsi in un modo o nell’altro. L’assedio a cui siamo stati sottoposti negli ultimi 15 anni è solo l’ultimo capitolo degli sforzi dei nostri oppressori per sbarazzarsi di noi.

L’ex presidente degli Stati Uniti Jimmy Carter non ha esagerato quando ha detto: “[I palestinesi nella striscia di Gaza] vengono trattati più come animali che come esseri umani… [mai] mai prima nella storia una vasta comunità come questa è stata devastata da bombe e missili e poi è stato privato dei mezzi per ripararsi”.

Quel raro riconoscimento della nostra situazione da parte di un leader americano è stato ovviamente più di 10 anni fa, nel 2009. Da allora, la nostra situazione è diventata palesemente peggiore. E continuerà a peggiorare.

So che le cose andranno peggio perché Israele sta stringendo pubblicamente e senza vergogna le nostre catene. Alla fine dello scorso anno, ha annunciato il completamento di una barriera sotterranea lunga 65 km (40 miglia) intorno a Gaza dotata di centinaia di telecamere, radar e altri sensori. Secondo quanto riferito, il progetto include una “recinzione intelligente” alta più di sei metri (20 piedi) e la sua barriera marittima dispone di dispositivi elettronici per rilevare le infiltrazioni dal mare e un sistema d’arma telecomandato. Costruito utilizzando 140.000 tonnellate di ferro e acciaio, a quanto pare Israele ha impiegato tre anni e mezzo per completare questa aggiunta high-tech alla nostra prigione.

Oggi, come è sempre stato, Israele è intento a cancellare, distruggere e far sparire Gaza e gli abitanti di Gaza. Gli israeliani non ci vedevano come esseri umani con un libero arbitrio che meritano dignità e libertà 15 anni fa, e ancora oggi non riconoscono la nostra umanità. Non siamo altro che un inconveniente per loro. Come ammise apertamente il defunto primo ministro israeliano Yitzhak Rabin, potremmo “sprofondare in mare” per quanto gli interessa.

Ci terranno imprigionati su questa striscia e continueranno a soffocarci lentamente per altri 15 o addirittura 150 anni se il mondo non si sveglia e dice “basta”. Il blocco di Gaza è una macchia nella storia umana. In questo vergognoso anniversario, la comunità internazionale è obbligata ad agire e iniziare a fare ciò che è necessario per aprire finalmente le porte del nostro carcere.

Sorgente: Quindici anni di blocco di Gaza: ora apriamo le porte della nostra prigione – Quds News Network

seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot
Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot