Bufera razzista sul medico di base: Non vogliamo un dottore nero, se ne deve andare

Bufera razzista sul medico di base: Non vogliamo un dottore nero, se ne deve andare

15 Novembre 2022 0 Di Luna Rossa
Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot
Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot

Pioggia di insulti verso un medico di base di origini africane a Fagnano Olona (Varese). Il dottore: “Sono amareggiato, voglio andare via”. In suo sostegno cittadini, istituzioni e i circoli locali di Lega e Fratelli d’Italia.

A cura di Francesca Del Boca

A Fagnano Olona (Varese) da domani ci potrebbe essere un medico di base in meno. Pensionamento, carenza di personale? No, allontanamento volontario. A causa del colore della pelle. “Sono a Fagnano Olona da qualche giorno, per curare e mettermi a servizio della comunità. Se non mi vogliono, sono già pronto ad andare da Ats e chiedere di lavorare altrove”.

Lo dichiara il dottor Enock Rodrigue Emvolo, bersagliato sui social e tra le vie del paese perché nero. Lo chiamano con disprezzo “il senegalese” (anche se in realtà è originario del Camerun), e da quando si è insediato mettono continuamente in dubbio la sua professionalità con insulti e commenti razzisti. “Che ci fa qui questo?”. “Ci vuole gente che ha studiato”. E addirittura: “Dovrebbe andare a far pascolare le pecore”.
Il sindaco: “Non siamo un paese razzista”

Ma non tutti gli abitanti del paese nel Varesotto sono così. “È un medico bravissimo e gentile, con le persone bisogna parlare e non aggredirle o essere prevenuti”. “È qui per curarci, speriamo che resti”, dicono alcuni pazienti.
Leggi anche
La manovra azzardata e lo schianto in contromano: chi sono madre e figlia morte sul colpo

A rappresentarli, del resto, ci ha messo la faccia il primo cittadino Marco Baroffio, che insieme all’assessore Dario Mortetti si è recato in ambulatorio dal medico per portare un messaggio di solidarietà (e soprattutto per convincerlo a restare a Fagnano Olona).

“Non siamo un paese razzista. La maggioranza della comunità apprezza il dottor Emvolo, che sta facendo uno sforzo notevole alla luce delle condizioni in cui è costretto a lavorare. Ho anche parlato più volte con Ats affinché venga messo nelle condizioni di fare il medico con tutti i presidi”.
Il dottore preso di mira per il colore della pelle vuole abbandonare l’incarico

Ma, nonostante le parole e le azioni di conforto di alcuni cittadini, il dottor Enock Rodrigue Emvolo è ancora profondamente deluso.

“Sono troppo amareggiato per questa situazione, io sono qui a lavorare e curare le persone”, dice sottovoce lui agli inviati del quotidiano locale La Prealpina, mentre chiude lo studio per tornare in università a Varese (dove, dopo la laurea alla Sapienza di Roma, sta completando la specialità in Medicina d’urgenza). “La situazione non mi fa piacere. Ho fatto e sto facendo del mio meglio per curare i pazienti”.

Intervengono anche Fratelli d’Italia e la Lega

In sua difesa, del resto, accorrono anche gli esponenti locali di Fratelli d’Italia e della Lega. “Quelli che nel 2022 pensano di poter giudicare una persona dal colore della pelle, purtroppo, della loro vita non hanno capito nulla. Con la speranza che il medico possa svolgere nella più totale tranquillità il suo lavoro e sostenere le famiglie fagnanesi, il circolo cittadino di Fratelli d’Italia Fagnano Olona porge i più sinceri auguri di buon lavoro”.

E ancora. “Incoraggiamo il dottore a sorvolare su questi atteggiamenti perché Fagnano è una bella comunità in cui vivere e operare”, fa seguito il Carroccio.

 

Sorgente: Bufera razzista sul medico di base: Non vogliamo un dottore nero, se ne deve andare

seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot
Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot