0 2 minuti 1 anno

L’antidiplomatico – Liberi di svelarvi il mondo

Il Paese reale e il Paese mediatico-istutuzionale mai così lontani. Mentre Letta e Calenda manifestano per la “pace” chiedendo più armi al regime di Kiev, il neo presidente del Senato Ignazio La Russa strappa applausi a favore dei “patrioti ucraini” e improvvisati pacifisti cercano di scipparsi la bandierina senza toccare i punti salienti (armi e sanzioni), neanche una parola sulla lotta che da giorni si sta svolgendo ad Ansaldo energia.

A chi indica a modello le proteste che in questi giorni si stanno svolgendo in Francia e in altri Paesi europei, possiamo assicurare che anche in Italia le proteste ci sono. Ci sono gli scioperi, le mobilitazioni represse dalle forze dell’ordine, ci sono le occupazioni e anche, forse, le vittorie.
Solo che non ne parla nessuno.
Cos’è successo ad Ansaldo?
Da due giorni i dipendenti di Ansaldo energia sono in mobilitazione, con blocchi e scontri con la polizia catalogati dal governatore Toti “teppismo”. Oggi hanno occupato l’aeroporto, al grido di “la gente come noi non molla mai” e sbandierando le insegne di Fiom CGIL.

Sorgente: Ansaldo Energia, la lotta degli operai (censurata) paga – DALL’ITALIA – L’Antidiplomatico

Rispondi